Il Blog

06-1969-31-lapresse-960x1492
Pubblicato: 3 giorni agoNuovo articolo

Un fazzoletto e una carota

Settembre 1969: in occasione del debutto di Massimiliano in Prima Elementare nella scuola pubblica di Loreto (dove avrebbe trovato la sua maestra del cuore in Mariuccia Medici, in seguito attrice tra le più apprezzate del teatro popolare ticinese), mamma Mina gli dedicò – sulle pagine amiche del settimanale Annabella – questo tenero scritto da cui si può facilmente comprendere su quali solide e amorevoli basi educative Max sia poi diventato il perfetto gentleman (“bello, sano, intelligente, sensibile, civile, rispettoso, ironico, responsabile, grande amante della famiglia, eccezionale nel lavoro”, ipsa scripsit) che tutti noi conosciamo e amiamo…

di Mina – Foto: Egizio Fabbrici

Mio figlio Massimiliano ha sei anni e frequenta la Prima Elementare in una scuola pubblica di Lugano, dove da tempo abitiamo. Non gli passo ancora uno ‘stipendio’, anzitutto  perché il regolamento della scuola vieta ai bambini di tenere denaro in tasca. Massimiliano può entrare in classe con un fazzoletto e una carota, o una mela, per la merenda a metà mattino. Gli svizzeri, si sa, sono igienisti osservanti e le autorità scolastiche esigono che, per la salute dei denti, i bambini rinuncino ai dolcetti in favore di frutta e verdure crude. In secondo luogo Massimiliano non ha alcun bisogno di avere del denaro: ciò che desidera, nei limiti del lecito, per ora lo ottiene da me e dai nonni. È ancora così piccolo che mi commuovo soltanto a immaginarlo con cinquanta lire in mano. Avrà tempo di imparare che, nella vita, tutto ha un prezzo, e non solo in moneta sonante.

4
Pubblicato: 1 settimana ago

Tre volte dentro me

Gli argomenti-clou del sommario della fanzine 84 in uscita a novembre? Nel dossier ICONOGRAFIA DI UNA VOCE Antonio Bianchi ripercorrerà l’evoluzione dell’immagine di Mina nelle copertine dei suoi dischi dagli esordi a oggi. E poi ci sarà finalmente, arricchita da una digressione aneddotica sulle avventure della Tigre in Germania, la DISCOGRAFIA TEDESCA a cura di Fernando Fratarcangeli, mentre è ancora top secret il tema dell’articolo di apertura in quanto legato all’attesissima emissione discografica autunnale di Mina…
(Illustrazione: Gianni Ronco)

39902
Pubblicato: 2 settimane ago

Chiamami col mio nome

Attenti come (non) siamo alla trascurabili proposte musicali che ci vengono propinate ultimamente dalle radio, solo ora ci accorgiamo che uno dei tormentoni più in voga in questa ormai languente estate – Fotografie di Carl Brave (ft. Francesca Michelin e Fabri Fibra) – cita la Mazzini nei criptici versi: “Qua non si campa d’aria (ahh) / E non si torna indietro come ha fatto Mina”. Un piccolo omaggio che va ad aggiungersi alla lunga lista di “citazioni in musica” cui dedicammo qualche tempo fa il post qui di seguito riproposto:

“Grande Vasco!“, ha esclamato Mina in un recente numero di Vanity Fair, dopo aver preso a prestito alcuni celebri versi del cantautore di Zocca (“…anche se questa vita un senso non ce l’ha“) in risposta ad una delle sue tante lettrici affette da spleen esistenziale. Manco a dirlo, la fuggevole citazione-omaggio ha subito scatenato l’immaginazione degli aficionados del nostro blog su un possibile sodalizio artistico tra i due Mostri Sacri. Di un MinacantaBlasco, in verità, si favoleggia con insistenza sin dai tempi di Vita spericolata che si dice lei fosse sul punto di incidere intorno alla metà degli anni Ottanta, ma finora – se si escludono la bella Va bene va bene così ripresa in Canarino Mannaro e un misterioso pezzo firmato Rossi-Curreri escluso in extremis da Veleno - i due mondi hanno continuato a sfiorarsi senza mai approdare ad un incontro concreto. Su Youtube, in compenso, circola da tempo il provino di una canzone inedita, Donna particolare, che Vasco ha composto qualche lustro fa dedicandola espressamente alla Tigre e ai perché del suo ritiro dalle scene. Eccone alcuni versi:
“Sono una signora di una certa età / e sono andata per tanti anni in Svizzera”. 
Beh, certo, una signora un po’ particolare / Lei è una star internazionale!
Lei dice Mina… dice Mina e vuole che le racconti anche il resto?
“No, grazie, questo non interessa alla massa”.
Ok, sì, vabbe’… certo, sì, una vita particolare
Prima tutta musica e poi… casa!“.
Non è la prima volta che il nome di Mina fa capolino nel testo di una canzone. Ricordate Angeli, lanciata nel 1981 da Lucio Dalla e Bruno Lauzi? Nel brano – un affresco un po’ impietoso della città di Lugano – si parlava tra l’altro di un pizzaiolo di Messina, giunto da poco nel capoluogo ticinese, il cui solo svago era quello di andare a vedere “con la moto dove abita la Mina“.
Molto più irriverente Ogni tetta… due milioni, datatissimo brano di protesta inciso nel ’72 dal compianto cantastorie Sergio Trincale (presenza storica di Piazza del Duomo a Milano), che polemizzava sul cachet percepito dalla Signora per le sue mitiche esibizioni alla Bussola, tra gli applausi di quegli stessi “padroni”  che negavano diecimila lire di aumento agli operai delle loro “fabbrichètte”. E in chiusura della sua invettiva, Trincale – non senza aver precedentemente lodato le virtù artistiche e fisiche della cantante (“grande artista e gran bella donna“) –  rivolgeva agli affamatori del popolo la terribile minaccia: “Vi farò due occhi neri / grandi come i seni della Mina!”. Mai lotta di classe si avvalse di licenze poetiche così poco galanti.
Più garbata la citazione – “Quasi quasi metto Mina / senti come canta qui” – contenuta in È una buona idea di Rettore nel suo album Rettoressa del 1988, così come grondano di devota ammirazione i versi “Voglio cantare più intonato di Mina” che Jovanotti infilò nell’elenco dei suoi sogni (impossibili) nella rappeggiante Voglio di più del ’94. Senza dimenticare quel delirio camp con arrangiamento anni Sessanta e coretti du-àp du-àp intitolato Mi chiamano Mina (ma il mio nome è Aldo) che l’ineffabile Aldo Busi inserì nel suo album Pazza del 1990. Che dire, poi, del gruppo rap-reggaiolo antiproibizionista dei Sanguemisto che, nella loro La porra del ’94, inneggiavano agli effetti dello sballo con versi come: “La mista è ben farcita io la faccio su / manco fossi Mina vedo Mille bolle blu“). In Aspettando il 2000 di un lucido e disincantato Luca Barbarossa, la Mazzini diventava nientemeno che simbolo delle illusioni perdute della giovinezza, quando “eravamo convinti che Rivera fosse Dio e che quello di Mina non fosse un addio”. Alla fine del 2016 è quindi stata la volta del duo Tricarico-Arisa che, nel lodo singolo Una cantante di musica leggera, evocavano la vitalità dirompente degli esordi della Tigre: “Voglio innamorarmi di una cantante di musica leggera e sincera / tipo la Mazzini all’inizio della sua carriera”. L’elenco potrebbe continuare con la prima versione, poi riaggiornata coi nomi di nuovi idoli più a portata di video, della sigla di Superclassifica Show (“Mina la Carrà e Lucio Battisti / qui da me con corron rischi“) e con le varie composizioni strumentali  a lei intitolate da parte di jazzisti come Gianni Bedori e Renato Sellani, senza dimenticare quel ruspante Dedicato a Mina a tempo di mazurka firmato Secondo Casadei. E a voi – tralasciando naturalmente le mille esibizioni televisive in cui era lei stessa ad autocitarsi con ironia, come ad esempio in Superaugurissimo di Mina per Natale – vengono in mente altri esempi?
37711325_418355918674957_1884433290715201536_n
Pubblicato: 2 mesi ago

Il nuovo che avanza

Nel numero 80 della nostra fanzine avevamo dedicato alle antologie e ai greatest hits mazziniani un ricco dossier che già nel titolo – Il meglio è passato – pareva dare quasi per scontato il tramonto di una gloriosa tradizione resa ormai obsoleta da una discografia sempre più liquida e impoverita. In realtà la formula dei the best – almeno per quei rarissimi artisti che, come Mina, dispongono di un monumentale catalogo da valorizzare e da difendere – si sta rivelando tutt’altro che agonizzante e, se opportunamente riveduta e corretta, può ancora riservare agli appassionati allettanti sorprese. È proprio in questo senso che si sta muovendo Massimiliano Pani in vista delle prossime emissioni in collaborazione con la Warner Music che, come noto, detiene i diritti del catalogo PDU dal 1967 al 1993. “Stiamo lavorando – ci aveva anticipato Max oltre un anno fa – per riordinare il meraviglioso caleidoscopio di inediti e di cover contenuto in quei dischi. C’è l’idea di ripubblicare i vari album riarrangiando alcuni dei brani e aggiungendo tracce inedite, ovviamente seguendo le scelte artistiche di Mina stessa…”. Il primo risultato concreto di questa serie di affascinanti progetti “tra passato e presente” potremo toccarlo con mano già entro quest’anno. Nel frattempo, l’infaticabile Lady Mazzini non smette di lavorare anche su altri fronti: sta continuando a selezionare nuovi pezzi per un prossimo album di inediti e ha in ballo un ulteriore progetto discografico – ovviamente top secret – che potrebbe vedere la luce entro il 2019.

(Photo: Benedetta Mazzini

images
Pubblicato: 2 mesi ago

Sempre, sempre, sempre

Stando ai dati diffusi ieri dalla FIMI sull’andamento delle vendite discografiche nel primo semestre del 2018, Mina si riconferma come una delle poche inossidabili certezze di un mercato sempre più friabile (“passato dallo stato solido degli anni d’oro – scriveva pochi mesi fa con amabile sarcasmo il compianto Mario De Luigi di M&D - a quello liquido dei modelli di fruizione digitale, e in procinto di entrare ora in quello gassoso per la fragilissima consistenza delle sue componenti”). Risulta infatti al 19° posto con Tutte le migliori (e con questo ennesimo exploit l’operazione Minacelentano, dopo il primato assoluto del 2016 e la quarta posizione del 2017, centra la sua terza presenza annuale consecutiva) e al 24° col magnifico Maeba – fresco di disco d’oro – che a sua volta si piazza assoluto nella classifica dei vinili più acquistati tra gennaio e giugno. Un doppio piazzamento mica male, per una highlander della Musica che sei decenni fa contendeva le vette delle classifiche a Joe Sentieri, Paul Anka o Don Marino Barreto e che oggi può ancora permettersi di dare del filo da torcere – e impartire disinvolte lezioni di modernità – a legioni di stonazzati pischelli e di anemiche sciacquette le cui stagioni di gloria si esauriscono irrimediabilmente nel giro di un quarto d’ora…

32983944_1835567689799479_4504249692145582080_n
Pubblicato: 3 mesi ago

La voce che corre sul piano

Ebbene sì: come ampiamente previsto da molti di voi, sarà la deliziosa e freschissima Troppe note di Franco e Viola Serafini il terzo singolo estratto da Maeba nelle radio da domani. E proprio alla spumeggiante Viola abbiamo chiesto di svelarci qualche piccolo retroscena del testo da lei così brillantemente composto…

di Viola Serafini

Quando mio papà mi ha chiesto di scrivere il testo di Troppe note ho pensato di raccontare una fotografia di vita reale, in bilico tra piccole incoerenze e sentimenti ambivalenti che sembrano mangiarsi l’un l’altro. Una litigata, esattamente, che è una sintesi di rassegnazione, incapacità di lasciarsi andare, esasperazione, ammissione di colpa (le bugie che sono le mie a ferirmi di più). E poi sì, una storia d’amore, perchè, non ci possiamo fare nulla, è la cosa più bella da raccontare e più viva al mondo. La cosa che ti fa fare una cantata dopo una cena in cui forse hai bevuto qualche bicchiere di troppo, con la voce che segue i tasti del piano con le mani che corrono veloci. Ecco, è lì che immagino Mina cantare questa canzone: in piedi a fianco di un pianoforte, o mentre prepara i bagagli, o affetta le cipolle per fare un soffritto. Non so se abbia reso l’idea: la mia intenzione è stata quella di mettere in bocca alla migliore voce femminile che mai sia esistita una realtà che più reale non ci potesse essere. Un mito che riesce ad essere tale proprio perché a cavallo tra l’umano e la voce nitida e pura che non si lascia vedere. Il tutto appoggiandomi alle note di mio padre, un grande artista che non smetterò mai di ringraziare.

mina-il-tuo-arredamento
Pubblicato: 3 mesi ago

Indovina, indovina cos’è?

No, non sarà Al di là del fiume il terzo singolo estratto da Maeba on air da venerdì 22 giugno. All’ultimo momento il team mazziniano ha deciso in accordo con la Sony di puntare su un altro brano il cui titolo sarà a breve svelato da chi di dovere. Ma il post che Antonio Bianchi ci aveva scritto con largo anticipo sul mancato hit estivo griffato Calabrese-Serafini era troppo bello per rimanere impubblicato. E abbiamo così deciso di proporvelo comunque…  

Le radio non hanno scusanti. Impossibile perdonare chi non si accorgerà di Al di là del fiume. Il terzo estratto di Maeba è il singolo perfetto. Ritrae – con una musicalità disarmante, limpida, tersa, immediata e unanime – la Mina del mito. Senza le parzialità, invisibili ai mazziniani, dei due estratti precedenti.

Vale per Volevo scriverti da tanto, intrisa di un bagaglio interpretativo intenso, profondo e adulto. Forse troppo, per un pubblico abituato (da sempre e sempre più) a una maturità da talent show. Una platea ferma all’abbecedario non s’impossessa facilmente di pagine scritte in un italiano evoluto, rifinito, letterario.

Il tuo arredamento ha esaltato i mazziniani di lungo corso, i più attratti dalla Mina sperimentale e giovanilistica. Ma è lecito pensare che il pubblico generico preferisca la prevedibilità, il già sentito, i riferimenti immutabili… Lo testimoniano le interpreti ultraquarantenni più riverite, pavidamente ferme a La Solitudine. Perché mai Mina dovrebbe essere più coraggiosa di loro? Le nuove arrivate, poi, hanno riscoperto stilemi anni ’60. Com’è possibile che la loro maestra sia tanto più avanti?

Al di là del fiume, profumata di Rane Supreme, è paradossalmente ancor più protesa al futuro de Il tuo arredamento: retrocede stilisticamente di trent’anni ma si ricongiunge cronologicamente al repertorio delle nuove interpreti, riproiettando Mina in una contemporaneità condivisa, rassicurante, prevedibile e… radiofonica. Perché per essere melodicamente appetibili, oggigiorno, è bene ingranare la retromarcia.

E ancora: mentre in Volevo scriverti da tanto Mina è più interprete, in Al di là del fiume è più cantante, dispensatrice di un decorativismo incantatore, di una limpidezza metafisica e di una musicalità disarmante. Mina, in questo brano dalla bellezza tenue e discreta, è esecutrice suprema nell’accezione calligrafica, estetizzante e scolastica delle nuove stelline della canzone. Le più brave (penso a Chiara, ad Annalisa…) cantano tutto così, sempre così e solo così. È l’estetica imperante. Perfetta per la modulazione di frequenza. Sempre che i programmatori se ne accorgano.

Un passaggio dopo l’altro, al cospetto di tanta disarmante abbordabilità, anche gli ascoltatori distratti e occasionali – quelli disorientati di fronte il coraggio de Il tuo arredamento o impreparati a metabolizzare la profondità espressiva di Volevo scriverti da tanto – potrebbero finalmente comprendere cosa c’è di più. Basta soffermarsi sulle tenui manipolazioni timbriche, sulla linearità abbagliante di certe note prolungate, sulle finezze di dizione (con le vocali meticolosamente cesellate, in accezione plastica e musicale, con effetti addirittura entusiasmanti), sull’omogeneità delle escursioni di tonalità, sul gioco plastico di aperture e chiusure di volume, sui tocchi di colore (capaci di giocare anche con un sorridente infantilismo, quello che le giovani colleghe, sempre bambine, non sanno evocare), su un’ironica autoindulgenza adulta (che le nuove virtuose, prive di ironia e di vissuto, non potrebbero rappresentare) e su una bravura tanto tangibile ma mai fine a se stessa, sempre attenta a essere sottilmente anche altro.

Mina-la-discografia
Pubblicato: 4 mesi ago

Il mio amico è ieri

Mentre il meraviglioso Maeba si appresta ad affidare le sue chances di riscossa nelle fiacche classifiche estive al terzo singolo in partenza dal prossimo 22 giugno (tra i tanti titoli ugualmente papabili spiccano la superba Al di là del fiume, la radiofonicissima Troppe note e la funky-jazzeggiante Argini), per il prossimo inverno pare purtroppo allontanarsi – ma mai dire mai… – la possibile uscita di un secondo volume di inediti ma si fa in compenso più concreta l’eventualità di importanti e ambiziose ripubblicazioni attinte allo sterminato back catalogue mazziniano (è di pochi giorni fa una classifica diffusa dal circuito Ibs che vede Mina al settimo posto assoluto – dopo Bach, Ligabue, Mozart, Vasco Rossi, Pink Floyd e Beethoven – tra gli artisti più venduti di sempre con i loro rispettivi “opera omnia”). A tale proposito ci sembra bello riproporvi alcune proposte avanzate a suo tempo dal nostro Antonio Bianchi su come si potrebbe valorizzare al meglio il monumentale patrimonio discografico della Regina della Musica…

di Antonio Bianchi

Da anni invochiamo a gran voce una ricostruzione dettagliata – data per data, brano per brano, master per master – delle sessioni discografiche di Mina, sulla falsariga di quella compilata dalla Bear Family per il CD Heisser Sand. Il riferimento all’etichetta tedesca non è casuale: fuori dall’Italia, è consuetudine stilare una vera e propria “sessiongraphy” per tutti i veri artisti di culto. Vale per Sinatra, vale per Elvis, vale per i Beatles (il libro Otto anni ad Abbey Road ricostruisce addirittura il laboriosissimo lavoro di stratificazione sonora dei loro album post-1965, fra false partenze, rifacimenti in toto, editing, brani esclusi… Una manna), per Tony Bennett, per Aretha e per mille idoli – compresi quelli in attività – discograficamente prestigiosi. Ci sono case discografiche che fanno tesoro di queste informazioni nei “libretti” di imperdibili box che ripercorrono minuziosamente l’intera produzione discografica. Penso agli straordinari cofanetti della Bear Family, ma anche a quelli jazzistici della Mosaic, per non parlare di quelli di musica classica (dalla Deutsche Grammophon alla Decca, dalla Emi Classics alla Brilliant). In Italia, una figura degna di queste ricostruzioni minuziosissime è soprattutto Mina. È vero che l’indagine dettagliata imporrebbe la revisione di dati sino a ora sottaciuti (dalla formulazione in studio di Mina alla Bussola alla pubblicazione tardiva di brani incisi anni prima, come nel caso, noto, di Volami nel cuore). Ma non mi sembra grave. Uno studio di questo tipo, se condotto con rigore, contribuirebbe ad ammantare di ulteriore prestigio una discografia unica, preziosa, da valorizzare passo dopo passo. La si potrebbe compilare rivelando i titoli scartati. O ci si potrebbe limitare ai titoli effettivamente pubblicati, rivelando almeno l’esistenza di versioni alternative. E perché non realizzare un libro curato dalla stessa PDU? O, ancora, perché non affiancare all’operazione un box a tiratura limitatissima – ed extralusso – con una decina di CD che ripercorrano l’intera discografia di Mina servendosi di provini, versioni alternative o leggermente diverse (esistono: penso a L’abitudine o alla recente Il frutto che vuoi)? Non si tratta di inediti ma sarebbero comunque documenti di grande valore storiografico e affettivo (al contrario delle versioni ricantate ad anni di distanza, mai amabili come le originali). Non sarebbe certo un’operazione commerciale, ma si rivelerebbe un modo chic per rivisitare il proprio catalogo e, soprattutto, per prendere le distanze da un mercato discografico che saccheggia i soliti titoli (sempre gli stessi, nelle versioni ritrite), in formule sempre più bieche e commercialmente anemiche. Rivendicare il prestigio e il controllo del proprio catalogo storico è il modo migliore per prendere le distanze dai metodi di una discografia che, per reagire a una (meritata) crisi progressiva, saccheggia, svende e irride i cataloghi storici. Magari per promuovere uno qualsiasi dei nuovi Amici di Maria o delle aspiranti stelle di X Factor (…)”.

(Da Quei cerchi nella mente, fanzine numero 74, 2012)

17072008182439
Pubblicato: 4 mesi ago

Tu cosa ci fai qui?

In attesa che il lancio in tempi brevi di un terzo singolo (stavolta più rassicurantemente “minoso”?) possa risollevare le sorti di Maeba dopo la men che tiepida accoglienza riservata alla magnifica, geniale e travolgente Il tuo arredamento – troppo “avanti” per trovare degno spazio nelle attuali scalette radiofoniche in cui spadroneggia un’orda desolante di svalvolati trapparoli che sbofonchiano con l’autotune catatoniche filastrocche da prima elementare – concediamoci un salto indietro nel tempo di dieci anni con questo post che, nel giugno 2008, preannunciava alcune succose novità non tutte destinate a realizzarsi…

“Mina-Ornella, le regine della canzone per la prima volta insieme”: la clamorosa rivelazione, “strillata” in prima pagina l’altroieri su Repubblica, ha colto tutti noi di sorpresa come il risveglio improvviso di un vulcano che si credeva spento per sempre. Già, perché ormai avevamo davvero perso le speranze che questo connubio troppe volte vagheggiato potesse mai concretizzarsi. Ma è prerogativa delle grandi primedonne riuscire a spiazzare sempre e comunque il pubblico con mosse inaspettate. Tutto è nato dal progetto discografico con cui la Vanoni si appresta a festeggiare (pure lei!) i suoi 50 anni di carriera: un album prodotto da Celso Valli in cui l’ex-cantante della Mala rivisiterà i suoi grandi successi in duetto con alcuni big più o meno eccellenti della canzone italiana, dall’inseparabile Paoli a Dalla, da Morandi alla Mannoia (ma anche Jovanotti, Baglioni, la Consoli ed altri ancora). Della partita non poteva non far parte anche Mina, che ha accettato con gioia la proposta (giuntale tramite l’eccelso Valli), di intervenire nel disco. “L’unica cosa – ha precisato Massimiliano nel confermare la notizia agli autori dello “scoop” Gino Castaldo e Rory Cappelli – è che a mia madre non sembrerebbe giusto realizzare il duetto su un pezzo classico, vogliamo un brano inedito e bisogna trovare una cosa forte, altrimenti non ha alcun senso, questa è l’unica condizione che abbiamo posto”. “Abbiamo già alcuni pezzi che potrebbero andar bene”, ha aggiunto dal canto suo un’entusiasta Ornella, lasciando intendere che il momento dello storico incontro potrebbe essere molto vicino. E non è un caso che tutto ciò avvenga mentre anche Mina, ormai prossima al rinnovo contrattuale con la Sony, sta per realizzare un nuovo album di inediti per il quale sarebbero già sicuri quattro o cinque pezzi-bomba. L’unico impedimento all’inizio dei lavori è qualche problemuccio di ordine idraulico che ancora non consente la piena agibilità dei nuovissimi studi GSU in via Ciani a Lugano e che potrebbe far slittare a dopo l’estate il completamento delle incisioni. Fortunatamente è già pronto, dopo l’aggiunta in extremis di due brani ai 12 inizialmente registrati, l’altro progetto mazziniano in previsione per ottobre: quello di arie classiche già definito da chi avuto la fortuna di ascoltarlo “il più bell’album di Mina di sempre”. E poi rimangono in piedi gli altri progetti autunnali: la serie di 10 dvd MinaRAI in autunno nelle edicole con il gruppo Repubblica-L’Espresso, la mostra celebrativa romana (nonostante qualche intoppo organizzativo dovuto al recente ribaltone politico ai vertici del Campidoglio) e il relativo librone-catalogo curato da Mauro Balletti, più altre sorprese su cui è prudente, per ora, osservare il più scrupoloso riserbo…

(Illustrazione: Gianni Ronco)

 

mina l.2
Pubblicato: 4 mesi ago

Nessuna come te lo dico io

Giorni fa, discutendo al telefono con l’amico Antonio Bianchi sui possibili temi da trattare nelle prossime fanzine, mi è tornato in mente il minuzioso dossier – più che mai illuminante, in questi tempi di diffuso analfabetismo musicale – che il nostro minologo numero 1 dedicò alla fonetica mazziniana nella fanzine numero 73. E mi è venuta voglia di riproporne lo stuzzicante incipit per rinfrescare la memoria ai fans che a suo tempo hanno apprezzato l’articolo e per stuzzicare in tutti gli altri la voglia di leggerlo… 

di Antonio Bianchi

L’argomento è sterminato, stuzzicantissimo e così poco battuto da rasentare l’arbitrarietà. Spero che Mina perdoni l’approccio affettuosamente delirante. Perché non ho mai frequentato corsi di dizione e parlo con la pronuncia tipica della “bassa reggiana” (sono nato e cresciuto a Poviglio, a un tiro di schioppo da Brescello, che Mina conosce benissimo perché qui – oltre a Don Camillo e Peppone – anche papà Mino era di casa). E perché nessuno nel mare magnum di disamine, libri, articoli e considerazioni su Mina ha mai approfondito il versante della parola in musica, un universo a parte rispetto alla parola propriamente intesa. E le fascinazioni legate alla dizione o, meglio, all’articolazione delle parole al servizio della musica rappresentano un concetto così poco frequentato da risultare, agli occhi dei più, praticamente inesistente. Come non accettare la sfida (fra l’altro scaturita da un mini-sondaggio sui possibili argomenti di questo numero) di Loris?

C’è una semplificazione diffusa – da smantellare – che distingue fra cantanti attenti alla parola (nel luogo comune: i cantautori e qualche loro musa, come Fiorella Mannoia…) e cantanti indifferenti al significante. La contrapposizione non è scientifica: serve a evitare incasellamenti irriverenti e brutali. Quelli fra i cantanti di voce e i colleghi senza voce. Perché quanto più la voce è piccola tanto più chi la possiede è recepito come rispettoso dei valori testuali. Vale anche all’estero: Billie Holiday, con la sua voce di modeste proporzioni tecniche, è sempre stata considerata più attenta alla parola delle “rivali” Ella Fitzgerald (che, si dice, scoppiò in lacrime dopo aver letto un’intervista in cui Sinatra la irrideva come lettrice di testi) e Sarah Vaughan (più volte tacciata di trasformare, con il suo vocione, minuscoli chalet in giganteschi castelli).

Le voci “troppo” dotate sono sempre state associate al predominio dei valori musicali e sottilmente colpevolizzate. Come se la musicalità uccidesse la parola. Le eccezioni sono pochissime. Frank Sinatra, pur dotato di una voce di tutto rispetto, è sempre stato considerato un finissimo cesellatore di versi, da lui resi con una chiarezza, un nitore, una plasticità davvero poco frequenti nel panorama canzonettistico anglofono. Ma si tratta – appunto – di un’eccezione.

Il riferimento alle voci statunitensi non è casuale: la cultura americana ha metabolizzato con più gradualità dell’Italia la contrapposizione fra valori testuali (dalle voci da cabaret a Bob Dylan) e valori musicali (le voci del jazz sono sempre state più disinteressate alla comprensione del testo, subordinato all’individualità strumentale del suono). In Italia, il passaggio è avvenuto frettolosamente. Si è passati dallo strapotere del “bel canto” (operistico) alle sgangheratezze del rock’n’roll, dai corsi di dizione ai deliri vocali, dalla disciplina dei conservatori alla soggettività più sfrenata. Difficile fra estremi tanto marcati individuare una logica e una dignità capace di discriminare fra voci attente e voci disattente ai valori testuali.

Soprattutto, si è perso di vista il valore estetico della parola in musica, della parola come suono. I critici italiani meno fantasiosi pensano che per far brillare una parola cantata sia sufficiente “dirla”. Escludono a pie’ pari il potere espressivo di una parola musicalmente articolata. Non capiscono che le manipolazioni del canto possano esaltare all’ennesima potenza – e talvolta sovvertire – la parola stessa.

Colpa della sciatteria vocale del cantautorato. E colpa dell’assenza di intelligenza creativa da parte degli interpreti puri, maschi e femmine. Perché in Italia le voci belle e influenti non sono mai mancate. Ma, a ben guardare, solo una ha saputo oltrepassare i valori vocali consueti con un’estetica parallela legata al suono di ogni singola parola. È Mina. Può sembrare fazioso ribadirlo sulle pagine di una fanzine a lei dedicata, ma se c’è un campo d’azione in cui la supremazia mazziniana appare con un’evidenza folgorante è proprio l’articolazione delle parole…” (…)

(Da NESSUNA COME TE LO DICO IO – Vocali, consonanti e altre storie: appunti di fonetica mazziniana di Antonio Bianchi, fanzine n° 73)

 

 

32105683_1824191684270413_8960815197082091520_n
Pubblicato: 4 mesi ago

Con il nastro rosa

Ieri, mercoledì 9 maggio, è nata ALMA PANI, figlia di Axel. Alla nuova bellissima arrivata, al 31enne neopapà e alla sua compagna, allo splendido neononno (!) Massimiliano, alla neobisnonna più ‘rock’ della Via Pappalàttea e all’intero clan Pan-Mazziniano l’emozionato e affettuoso abbraccio di tutti noi. E se fosse proprio ALMA la “A” che mancava all’acrostico dinastico (Max-Axel-Edoardo-Benedetta-A…) di MAEBA?

Danilo-Rea
Pubblicato: 4 mesi ago

Panta Rea

Danilo Rea la nostra fanzine ha dedicato, nel corso dei decenni, più di un’intervista (a cominciare da quella che gli fece nel n° 48 il caro Flavio Merkel fino a quella più recentemente firmata da Stefano Crippa nel n° 69). Ma per chi volesse saperne – molto – di più sui quarant’anni di splendida carriera di quello che è unanimemente considerato uno dei più grandi pianisti della scena jazz e pop italiana e internazionale, è d’obbligo l’acquisto della sua autobiografia – dal titolo Il jazzista imperfetto – pubblicata in questi giorni dalla RaiEri (236 pagine, 18 euro). Dal lungo capitolo in cui Rea ripercorre le tappe della sua ormai quasi trentennale collaborazione con Mina abbiamo scelto alcuni brevi estratti. Per leggere il resto, correte in libreria…

“Mina è una che fa gruppo. Quando si sente circondata da persone che stima, non ha nessuna voglia di cambiare. Ricordo che una volta, per incidere un pezzo particolare, le suggerii dei musicisti americani ma le non ne volle sapere, preferiva farsi accompagnare dai fedelissimi di sempre”.

“Ben presto capii che Mina era un’anomalia del sistema. Quello dei cantanti è un lavoro da amanuensi: avendo la possibilità di incidere e sovraincidere più volte, su un disco puoi starci anche un mese. Con Mina è diverso. Ti lascia la massima libertà. Il suo approccio è semplice: entra in sala e ci resta non più di due o tre ore. Propone un brano scelto al momento in una sorta di estrazione del lotto: ‘Vi piace How deep is your love’? Una volta scelto il brano, arriva in tempo reale una traccia con il testo e l’armonia, di quelle che trovi nei negozi di musica o su YouTube. A quel punto, in un’ora e mezzo devi tirar fuori il pezzo e registrarlo. Per questo Mina si è sempre circondata di improvvisatori, perché è molto jazz”.

“Io ho suonato spesso sui brani evergreen, mettendo al servizio la mia capacità di improvvisare. Un lavoro per niente semplice. Mina inventa gli arrangiamenti mentre canta, dando le direttive al volo: ‘Ora a solo di piano! Qui rullata di batteria!’. Mente suoniamo, spesso capita che lei, in cuffia e in tempo reale, ci chieda di cambiare repentinamente il ritmo: ‘Facciamola beguine, ora jazz’  o ci sospinga in arrampicate sempre più ardite, con salti di ottave, che solo lei può sostenere grazie alla sua estensione vocale. Quando improvvisammo su Ancora di Eduardo De Crescenzo, mi spronava a salire, salire, salire fino a picchi mai raggiunti”.

“Mina ama incastrare la strofa di un brano con un inciso di un altro. Ad esempio, è capace di iniziare con Let it be per proseguire con il ritornello di Ruby Tuesday (…). In La canzone di Marinella, cantata in duo con De Andrè, si inventò un gioco ritmico prevedendo che Fabrizio avrebbe cantato nel tempo di valzer originale. Lei invece scelse di cantare la sua parte in 4/4, quindi rallentando di molto la metrica con un effetto di maggiore sospensione drammatica. Un’impresa non da poco che richiese musicisti di grande esperienza e duttilità come Alfredo Golino alla batteria e Massimo Moriconi al basso. Una caratteristica peculiare di Mina è la perfezione ritmica, rara tra i cantanti italiani. Ha la precisione di un batterista”.

“Non è facile seguirla perché ha una dilatazione del tempo tutta sua, come Chet Baker. Ma quando si crea la giusta alchimia, il risultato ha del miracoloso”.

 

31499189_1842799772450121_1178515957753053184_n-1
Pubblicato: 5 mesi ago

Siamo tutti Maeba

Ogni occasione e ogni forma di diffusione sono buone per far conoscere e amare un disco meraviglioso come Maeba. E mentre ci pare che, dopo il fervore iniziale, gli sforzi promozionali della Sony per sostenere l’album (e spingere in radio, facendosi largo tra il ciarpame musicale dilagante, il secondo strepitoso singolo Il tuo arredamento) si siano precocemente arenati, è appena decollata dal sito ufficiale mazziniano una nuova intrigante iniziativa che, sotto l’attenta e indulgente supervisione della Komandante Suprema e del Grande Nostromo Max, coinvolgerà direttamente i fans dalle velleità canterine più o meno fondate. Questo l’annuncio:

“È ormai Karaoke-Maeba-Mania e sta per esplodere anche nel Mina Mazzini Official! E presto una grande sorpresa per le vostre cover! Cantate Maeba! … continuate a inviarci i link dei vostri video-cover esclusivamente all’indirizzo laredazione@minamazzini.net . Le cover più belle e intonate saranno ospitate in una sezione del canale ufficiale Mina Mazzini Official Youtube creata apposta per accoglierle, per accogliervi….”. 

Inutile aggiungere che anche la fan page del Minafanclub e il sito amico www.rockol.it di Capitan Franco Zanetti seguiranno con vivo interesse l’evolversi di questo inedito talent show intergalattico…

30741184_1803585066331075_3326291635175004190_n
Pubblicato: 5 mesi ago

L’aurora colora ogni cosa…

È in programma alle 11.30 di stamane – presso la Sala della Consulta di Palazzo Comunale – la conferenza stampa con cui la Città di Cremona si appresta a dare ufficialmente il via al fitto cartellone di eventi musical-culturali previsti sotto il Torrazzo nel corso dell’estate. Tra le iniziative in ballo, spicca il progetto CremonaCantaMina che celebrerà i sessant’anni di carriera della Mazzini con una serie di concerti-tributo col trio Rea-Moriconi-Golino (protagonisti della serata del 25 luglio), il rapper Mondomarcio (che il 27 luglio riproporrà dal vivo il suo album-concept mazziniano Nella bocca della Tigre) e il gruppo degli Oblivion (col recital The Human Juke Box del 2 agosto). Dedicata espressamente a Mina sarà anche la XII edizione del Progetto Back To School, destinato agli studenti degli istituti di istruzione superiore e, per la prima volta, anche dei corsi universitari. Il percorso, a partecipazione gratuita, coinvolgerà i ragazzi in una serie di laboratori formativi di musica d’insieme basati sull’incontro e confronto con un team didattico di alto profilo di cui faranno parte, sotto il coordinamento del prof. Aldo Pini, docenti come Mattia Tedesco, Giulia Dagani, Antonio Galli, Marco Carnesella e – guest star d’eccezione – la cantautrice Dolcenera, tutti sinergicamente impegnati a dar vita a una formazione pop contemporanea cui si affiancherà una sezione d’archi studiata ad hoc per reinterpretare nel modo migliore gli arrangiamenti di alcuni dei più celebri brani di Mina: il tutto si concluderà in un concerto finale, che si terrà nel periodo giugno-luglio, in una location attualmente in fase di definizione.

Ma le novità di questa assolata fine di aprile non finiscono qui. Venerdì 27 debutta infatti nelle radio il secondo, attesissimo singolo estratto da Maeba: la “incantàbile-incantévole” Il tuo arredamento di Zorama, per l’occasione remixata in una speciale edit version adattata alle stringenti esigenze di minutaggio della programmazione in FM…

 

 

 

 

29496697_936096283213541_5602214282924423750_n-1
Pubblicato: 5 mesi ago

Tanti auguri, Max!

Nella fanzine numero 75 della primavera 2013 festeggiammo il doppio 25° compleanno di Massimiliano con una serie di specialissimi “biglietti di auguri” scritti – e, nel caso di Mauro Balletti e Gianni Ronco, disegnati – da alcuni degli amici e collaboratori a lui più cari. E visto che gli anni passano ma gli affetti sinceri restano, ci sembra bello riproporvi oggi – in occasione dei fulgidi 55 dell’indomito nocchiero della PDU – quattro di quegli inestinguibili happy birthday ai quali alleghiamo quelli, freschi di giornata, di tutti noi…

 

FRANCO ZANETTI - Di gente, in oltre quarant’anni che bazzico il mondo della discografia, e più in generale il mondo dello spettacolo, e ancor più in generale il mondo tout court, ne ho conosciuta tanta, tantissima. Ma sicuramente non ho mai conosciuto nessuno come Massimiliano; nessuno, intendo, che sia garbato, gentile, puntuale e impeccabile come lui – il tutto senza mai diventare artefatto o stucchevole, e senza rinunciare a un rigore e a una fermezza esemplari. Persone come Massimiliano sono rarissime, anzi pressoché uniche (fra i cosiddetti “figli d’arte, poi, figuriamoci!). Lo dico sinceramente: gli devo molto, professionalmente e umanamente. Soprattutto gli sono debitore di un’attestazione di fiducia che dura ormai da parecchi anni, e che spero di non aver mai tradito (gli devo anche un ringraziamento per una indimenticabile sorpresa che mi ha regalato qualche anno fa – lui sa di cosa parlo). Avere a che fare con lui – per ragioni professionali o personali – è sempre stato un piacere e una soddisfazione. In un ambiente in cui tutti si dicono amici di tutti, preferisco, più sinceramente, definirmi un suo (occasionale ma fedele) collaboratore che lo rispetta e lo ammira. Aggiungo che se avessi una figlia mi piacerebbe molto che sposasse uno come lui – ma una figlia non ce l’ho, e in ogni modo temo che un genero così non riuscirei comunque a trovarlo. Auguri, Max!Continua a leggere

1523377271MarioDeLuigimini
Pubblicato: 5 mesi ago

Mario De Luigi, una vita tra musica e dischi

Solo poche settimane fa avevamo menzionato nel nostro blog un suo splendido post in cui celebrava – nel sito di Musica e dischi che era quanto rimaneva della gloriosa testata cartacea da lui diretta per decenni – il primo posto in classifica agguantato dalla smagliante Mina di Maeba. Oggi, purtroppo, dobbiamo tornare a occuparci di Mario De Luigi per annunciarne l’improvvisa scomparsa. Nel 2008, in occasione del nostro dossier dedicato al quarantennale della PDU e ai suoi storici protagonisti, avevamo avuto l’onore di incontrare il grande giornalista nel suo ufficio milanese per l’intervista-ritratto qui di seguito riproposta…

 

I quarant’anni della PDU? Sono tutti lì, bell’e documentati sulle pagine patinate di Musica & Dischi. Come lo è, del resto, tutta la storia della fonografia italiana.

Era l’ottobre del 1945 quando il 39enne modenese Aldo Mario De Luigi, responsabile dell’ufficio Pubblicità della Voce del Padrone (progenitrice della EMI), stampò a sue spese il primo numero di un mensile di novità fonografiche intitolato Musica (la dicitura e Dischi sarebbe stata aggiunta solo dal numero 3). Malgrado il momento storico tutt’altro che favorevole (nel povero Belpaese appena uscito dalla Guerra, la diffusione dei gracchianti 78 giri era ancora ristretta ad una sparuta élite di musicòfili), la nuova testata incontrò subito il favore degli operatori del settore, diventandone presto l’organo informativo ufficiale. Negli anni successivi, di pari passo con la crescita del mercato del disco e con il progressivo boom dei microsolchi prima a 45 e poi a 33 giri, la rivista conobbe svariate metamorfosi nel formato e nella foliazione, arricchendo via via il proprio organico di collaboratori prestigiosi e dando vita alla prima “borsa” settimanale made in Italy dei dischi più venduti. Nel ’58 entrò a far parte della redazione, prima come correttore di bozze e poi come aspirante critico discografico, il figlio quattordicenne di De Luigi, Mario junior. In un Notiziario Italdisc da lui curato proprio in quei mesi, due minuscoli trafiletti annunciavano le novità a 45 giri di una certa Baby Gate con When/Be Bop A Lula e di una non meno oscura Mina con Malatia/Non partir. Il ragazzo non poteva ancora sapere che sotto quell’apparente doppia identità si celava un’unica cantante, destinata di lì a poco a diventare la nuova regina della scena canora italiana. Nonché l’inquilina più assidua, vita natural durante, delle classifiche di Musica & Dischi.

Ma le similarità tra le vicende esistenziali del giovane Mario e quelle della Tigre non si limitano ai loro esordi professionali più o meno simultanei. Nel gennaio del ’68, De Luigi senior scomparve all’improvviso, lasciando nelle mani del figlio la direzione del mensile da lui fondato e portato al successo. Nel frattempo, con altrettanto coraggio imprenditoriale – sia pure sotto le ali sicure del padre – Mina si apprestava a far decollare la sua PDU, scegliendo proprio le maxipagine di M&D come primo trampolino di lancio promozionale del repertorio della neonata etichetta.

Il rapporto di stima e di amicizia di De Luigi jr. con la famiglia Mazzini si rinsaldò ulteriormente negli anni seguenti: fu lui, nel ’69, a firmare le note di copertina dell’LP Bugiardo più che mai più incosciente che mai. Uno scritto prezioso per il quale Mina volle esprimere pubblicamente il suo apprezzamento in una lettera inviata a Musica & Dischi in occasione del Venticinquennale della rivista.

Sempre a De Luigi, fin quasi alle soglie del Duemila, spettò l’onore di ascoltare puntualmente in anteprima assoluta ogni nuovo album di Mina per poi redarne la cartella-stampa di presentazione (compito, questo, in seguito affidato a Franco Zanetti di Rockol). Tutto questo, però, senza mai avere un contatto diretto con la cantante, se si esclude un fugace incontro del tutto casuale ai tempi di Attila, nell’ufficio del comune amico Luciano Tallarini. “Ma il fatto di non conoscerla di persona - ci confessa Mario – non ha fatto che aiutarmi a scrivere di lei e del suo lavoro sempre con la massima obiettività”. Ciò non toglie, tuttavia, che almeno in un’occasione, Mister M&D abbia tentato con la Tigre un approccio estraneo al suo abituale ruolo di giornalista: “Alla fine degli anni Ottanta, con un noto amico musicista di cui non farò il nome nemmeno sotto tortura, ho scritto una canzone per lei. Non era la mia prima incursione dall’altra parte della barricata del mondo discografico: in precedenza mi ero già cimentato come produttore per l’etichetta Divergo e avevo firmato diversi testi per artisti come Franco Nebbia, con cui ho fatto del cabaret, e Milly (nel suo album premiato dalla critica Canti d’amore e libertà, registrato nel ’72 in Basilica da Abramo Pesatori per la PDU). Nel ’78 mi sono messo alla prova persino come cantautore in un paio di brani dell’album Punto a Capo, inciso per la Divergo insieme ad altri interpreti. Poi, ho continuato a scrivere testi più che altro per hobby. Uno di questi – una storia dai colori forti, genere odi et amo, che mi sembrava perfetta per Mina – lo diedi da musicare ad un compositore ben inserito nell’entourage mazziniano, delegandogli anche il ruolo di intermediario con lei, dato che non mi andava di espormi in prima persona. Dopodiché, delle sorti di quella canzone – sempre che sia mai arrivata negli uffici di via Senato – non ho più saputo nulla…”.

(Da Storia e gloria della PDU di Mina - Il suo canto libero - fanzine n° 67, marzo 2008)

DY5QnOwWAAAutBl
Pubblicato: 6 mesi ago

Base Maeba chiama Terra

Oltre a essere una delle firme storiche della fanzine del Minafanclub, Stefano Crippa ricopre magistralmente da decenni nella redazione de Il Manifesto il ruolo di critico discografico che per tanti anni fu appannaggio dell’altrettanto “nostra” (e indimenticabile) Rina Gagliardi. La sua (bellissima) recensione “ufficiale” di Maeba l’avete letta quasi tutti il 23 marzo scorso sulle pagine cartacee e online dell’ultimo, irriducibile quotidiano comunista. Quello che segue è. invece, l’emozionato ‘album di viaggio’ – più “da fan” che “da giornalista” – che Stefano ha redatto appositamente per noi all’indomani del suo primo ascolto del disco nella sala GSU di Lugano con Massimiliano in veste di munifico anfitrione…

di Stefano Crippa

Mattinata uggiosa di un inizio primavera insolitamente freddo nella Capitale, per lo scrivente di bergamasche origini una manna e non me ne vogliate amanti del caldo e delle temperature tropicali… Lavoro di preparazione in redazione per il giornale ancora in fieri: consultazione dei quotidiani, uno sguardo alla stampa estera e poi mail, social, comunicati stampa, telefonate. Già telefonate, arriva la chiamata attesa dalla Sony: “Ciao Stefano, giovedì della prossima settimana presentiamo il disco nuovo di Mina, ma questa volta vorremmo farlo dai suoi studi di Lugano, che ne dici?”. Brividi di freddo: io nella ‘casa’ di Nostra Signora del Canto? Silenzio; non so cosa dire bloccato dall’emozione. Poi subentra la professionalità e rispondo, fingendo aplomb: “Non dovrebbero esserci problemi, fammi sapere se viene tutto confermato”. Rassicurato, abbasso la cornetta. Metabolizzata l’emozione – ebbene sì, si può trepidare come un ragazzino anche over 50 – comincia la fase di preparazione: come organizzarsi, partire per Milano prima? Impossibile, ho mille impegni e devo fare incastrare i miei viaggi con i colleghi. Decido, levataccia all’alba e andata e ritorno sul treno in giornata, con l’idea di scrivere il pezzo sul frecciarossa del pomeriggio. Ma per Mina, questo e altro, mi scivolano addosso anche gli ululati di un gruppo di studenti in gita che pare si siano adunati tutti sulla carrozza sei (la mia…).

L’arrivo in Centrale rasenta la puntualità svizzera; veloce trasbordo alla sede Sony dove ci aspettano le navette per Lugano per poi approdarvi in sessanta minuti. Gimcana intorno al lago dell’opulenta cittadina elvetica mentre il pazzo fan che è in me si immagina le strade dove ogni tanto la Tigre viene braccata da qualche paparazzo, e invece ci si imbatte in una quantità folle di amanti del jogging, tutti in tiro, tutti griffatissimi.

Finalmente si arriva agli studi GSU dove ci aspetta l’ufficio stampa della Sony, Ugo Bongianni defilato tra gli invitati e il padrone di casa, Massimiliano Pani. Non sono studi mastodontici, sono passati i tempi delle grandi sale, il digitale ora presuppone spazi minimi e tanto lavoro – e di scambio di file – tra  musicisti e artisti. Buffet pronto con mille delizie, ma non posso resistere: mi infilo nel gruppo della tornata precedente di giornalisti – in tutto saremo tre blocchi che Max ‘affronta’ dalla mattina alla sera – ed entro nella sala dove troneggia il pianoforte appartenuto a Benedetto Michelangeli che Mina e i suoi musicisti si portano dai tempi della Basilica a Milano, uno dei cento esemplari Costum costruiti dalla casa storica. Lo stesso – pensa il fan, ma lo tengo per me  – dove Danilo Rea ha registrato i due album di standard più recenti. Uno studio spartano ma bellissimo, costruito con pannelli di legno che arrivano dal tetto perfettamente separato dalla sala con il mixer, e dove fanno bella mostra una serie di strumentazioni vintage – quella antecedente a Rane supreme, alla svolta digitale. C’è anche l’Hammond, il Fender sempre usato da Rea e persino un moog utilizzato da Battisti. E poi al centro il microfono dove la signora incide – sottolinea Max “sulle basi” perché quando si registrano i live in studio “lei si mette nell’altra sala, vicino al mixer, per evitare che rientrino gli strumenti”. Già, ed è proprio qui che in gruppo di otto persone ci accingiamo all’ascolto di Maeba: “Non state dietro, venite davanti perché con questo sistema di amplificazione bisogna stare più al centro possibile”, ci suggerisce Max. E parte l’ascolto guidato – Volevo scriverti da tanto, Il mio amore disperato, e poi il sussulto sulle note di Ti meriti l’inferno: “Federico Spagnoli è un bravo autore, questo è il terzo pezzo che scrive per Mina, è l’ennesima dimostrazione di come lei non guardi in faccia agli autori dei pezzi. Le piace una traccia e la incide”. Il colpo al cuore – che lascia un po’ tutti a bocca aperta è naturalmente Il tuo arredamento: chi si può immaginare una quasi ottantenne misurarsi con un brano poco canonico con arrangiamenti che citano Beatles e Radiohead, con così incredibile nonchalance?

Ci si sofferma sul duetto con Conte: “Ci ha telefonato e le ha proposto la canzone, è stata Mina ha suggerire il duetto”, e sul crepuscolare ed elettronico Un soffio di Boosta: “L’ha preparato qui in sala e poi Mina ha cantato”. Spuntano i telefonini, qualche selfie con Max – io non oso tanto, mi è bastato fare qualche scatto (malissimo) prima di ascoltare il disco. Mi alzo e mi accorgo che sulla spalliera c’è – fermata con una spilla da balia, una pezza fatta di un diverso tessuto di un altro colore: “Non è un rammendo – mi indica Max –  sono i resti di altre poltroncine che ci portiamo dietro dai tempi della Basilica. Qui si siede Mina di solito”. Quasi svengo…

Poi – mentre attendiamo i transfer per il ritorno – gita  negli uffici, qualche fotografia riporta alla mente luoghi, la Basilica, i vecchi studi GSU dove giusto diciassette anni fa veniva realizzato il documentario live in studio, e poi un bellissimo cartonato con la Mina più smagliante e sexy della sua ‘prima vita’… Qualche scambio di battute sui destini dell’industria discografica, e poi via, è ora di tornare a Milano e – per il sottoscritto – a Roma dove mi aspetta un reportage in tempi strettissimi – sul frecciarossa. Ma questa è un’altra storia.

18425317_10212553301377065_6818095525803706322_n
Pubblicato: 6 mesi ago

La pelle che abito

“A un’età in cui per qualsiasi grande artista sarebbe inevitabile diventare il remake e la copia conforme della propria gloria, la maniera e la “marca” di se stesso (come un tailleur di Chanel: uguale dal 1920), Mina invece non è mai uguale a se stessa e, se lo fosse, non avrebbe cantato quest’album che è una follia in voce e musica. Una lunga magica pazzia senza una nota comune con il recente passato, senza l’ansia della minosità per forza, senza lo scorno delle imperfezioni, senza l’ansia da prestazione. La voce sale ai cieli e scende nei pozzi. Si amplia e si riduce. Gioca. Si allarga in un’estensione impensabile per una quasi bisnonna, è come una dieresi che slaccia una sillaba, la scinde, e quadra un verso. Dove non riesce il testo, compensa la voce”: queste illuminanti parole che Alessandro Basso – giovane firma tra le più valide del nostro blog – ha scritto all’indomani dell’uscita di Maeba ci son tornate in mente ieri guardando e ascoltando il video de Il tuo arredamento proposto in apertura dello special di Mollica Mina l’aliena. Che la canzone del napoletano Zorama sia uno dei momenti più esaltanti e sbalorditivi dell’album – anche grazie al fantastico arrangiamento (“per il quale – ci ha confessato il sempre più bravo Franco Serafini – ho tirato fuori tutti i Beatles ‘strani’ e i Deep Purple che sono in me”) – lo hanno ampiamente sottolineato pressoché tutti i critici nelle loro recensioni del disco: “Un esercizio di stupefacente, immutata abilità vocale di Nostra Signora - lo ha entusiasticamente definito Marinella Venegoni su La Stampache a tratti ricorda le acrobazie di Brava, su un tappeto rock poco condiscendente e di difficoltà assurda. Un pezzo di bravura immarcescibile”. Un brano così folle e forte non poteva che meritare una trasposizione “cinematografica” altrettanto geniale e folgorante. Girato a Roma in tempi rapidissimi da Mauro ‘von Stroheim’ Balletti nei giorni immediatamente precedenti il compleanno di Mina, il video trae nobile ed esplicita linfa ispirativa dal cult movie hitchcockiano Vertigo (alias La donna che visse due volte, titolo che meglio di qualsiasi altro riassume alla perfezione l’epopea umana e artistica di Mina pre- e post-ritiro) e vede come fascinosi ed enigmatici protagonisti un lui e una lei che, novelli James Stewart e Kim Novak, si muovono e si duplicano, si respingono e si attraggono all’interno di un appartamento che è in realtà la trasposizione del loro inconscio, tra richiami al tema freudiano del “doppio” (nel gioco di specchi tra i due) e allucinazioni oniriche. Insomma, l’ennesimo capolavoro del grande fotografo-regista milanese. Peccato solo che una così intrigante anteprima sia stata “bruciata” alle ancora assolate sette di sera di una tiepida domenica pasquale che ha sicuramente tenuto lontana tanta gente dal piccolo schermo. Così come avremmo preferito che lo special di Raiuno – pur confezionato con la consueta abilità da un mazziniano doc come il nostro amatissimo Vincenzo Mollica – avesse dedicato maggiore spazio alla superba e rivitalizzata Mina del presente (perché non riproporre l’emozionante Volevo scriverti da tanto che tanti consensi sta riscuotendo presso il ‘grosso’ pubblico?) anziché indugiare per oltre i due terzi del programma sulle solite stranote perle dell’era paleominoica.

29354469_10212277539948727_247844208013469963_o
Pubblicato: 6 mesi ago

Prima!

Non possiamo propriamente definirlo una sorpresa, l’ingresso di Maeba direttamente al primo posto nella classifica FIMI resa nota poco fa: stabilmente in vetta da ormai otto giorni nella hit di iTunes, il nuovo magnifico lavoro mazziniano è risultato il più venduto della settimana anche secondo Musica & Dischi che non ha mancato di celebrare l’exploit con un editoriale – dal significativo titolo Mina è sempre Mina – in cui il direttore Mario De Luigi ci ricorda che Maeba è il 23° album number one della Tigre da quando – alla fine del 1964 – debuttarono in Italia le classifiche dei 33 giri. Senza contare i 13 LP con cui negli ultimi 53 anni la Tigre si è piazzata in seconda posizione e gli altri 8 che hanno conquistato il comunque onorevole terzo gradino del podio. L’altissimo gradimento che il nuovo album sta riscuotendo anche al di fuori della consueta schiera di irriducibili aficionados fa ben sperare in una sua lunga vita in hit parade. E dopo l’ottimo lavoro di promozione che ne ha accompagnato il lancio (brava, Sony!) a dare a Maeba un’ulteriore spinta provvederà lo speciale di Vincenzo Mollica Mina l’aliena che Raiuno proporrà la sera di Pasqua a partire dalle 19,10 con tanto di video in anteprima del travolgente secondo singolo Il tuo arredamento. E la prossima settimana allertate il vostro postino: la nuova, strepitosa fanzine numero 83 è finalmente in viaggio da oggi e, essendo stata spedita per posta prioritaria, dovrebbe raggiungere tutti gli abbonati nel giro di pochi giorni…

27578869_1998115333776702_1873838448209559552_n
Pubblicato: 6 mesi ago

Happy (Mae)birthday!

Buon compleanno alla colonna sonora della nostra vita.