Il Blog

Pubblicato: 10 anni ago

Mina, Caramella.

Comunicato stampa a cura di Franco Zanetti.

Provate ad ascoltare, anche solo per una mezz’oretta, “Mina: ieri, oggi e domani”, la webradio che dal 19 marzo propone, 24 ore su 24, soltanto canzoni dello sterminato catalogo discografico di Mina. E’ un’esperienza istruttiva: ci si rende conto, per merito della programmazione “randomizzata”, di quanta incredibile varietà, di quanto eclettismo, di quanti diversi generi e stili e repertori caratterizzino la carriera inimitabile di una voce ineguagliata.

Un po’ la stessa cosa succede ascoltando “Caramella”, il nuovo album di Mina, che esce a nemmeno sette mesi di distanza dal precedente “Facile”: fra le due versioni di “You get me” che incorniciano la tracklist (la prima in duetto con Seal, la seconda, come ghost track, cantata da Mina da sola) scorrono canzoni di autori diversi, di atmosfere diverse, di sonorità diverse, il cui denominatore comune è la stessa voce – una voce che però non è mail la stessa, non è mai uguale a sé stessa, anzi cambia e muta di canzone in canzone, a volte anche nella stessa canzone, a dimostrazione di una versatilità interpretativa (e anche di una curiosità professionale) senza precedenti e senza pari.

La curiosità è dimostrata, ad esempio, da “You get me”, brano assolutamente sconosciuto da noi, come sconosciuto ne è il coautore e interprete, Teitur Lassen, musicista nativo delle isole Faroe che ha all’attivo solo quattro Cd; per la canzone, scritta insieme alla neozelandese Pam Sheyne (già autrice per Christina Aguilera, Sheena Easton, Jessica Simpson, e corista per Celine Dion e i Pet Shop Boys), Mina ha invitato al duetto l’anglonigeriano Seal, che ha registrato i suoi interventi a Los Angeles con la produzione di David Foster.

“You get me” è stata segnalata a Mina da Axel Pani, il nipote che da un paio di album compare fra gli autori “della casa” (ha debuttato nel ruolo nel 2006 firmando “Per poco che sia”, in “Bau”, ha bissato lo scorso anno con “Il frutto che vuoi” e “Con o senza te”, in “Facile”, e torna adesso con “Il povero e il re”). La signora, evidentemente, si avvale di talent scout di gusto: tant’è vero che, dopo aver cantato “Non ti voglio più” di Davide “Boosta” di Leo, non solo conferma l’interesse per il fondatore e tastierista dei Subsonica incidendo qui “La clessidra”, ma compie altre due incursioni nel rock “alternativo” italiano di qualità: cantando “Solo se sai rispondere” (di Massimiliano “Max” Casacci, chitarrista, produttore e – anche lui – fondatore dei Subsonica) e riscoprendo, dal disco di debutto da solista dell’ex Scisma Paolo Benvegnù (“Piccoli fragilissimi film”, 2003), una perla sconosciuta ai più intitolata “Io e te”, firmata dal chitarrista e autore milanese con Andrea Franchi e Gionni Dall’Orto, suoi compagni di avventura – insieme a Marco Parente – nel Proiettili buoni, 1999-2000.

Senza trascurare, nel contempo, autori meno “alternativi” e già nell’elenco dei “fornitori” più o meno abituali: come Andrea Mingardi e Maurizio Tirelli (qui presenti con “Accendi questa luce” e “Mi piacerebbe andare al mare”), Samuele Cerri (che con il contrabbassista Massimo Moriconi è autore di “Così così”), Mauro Santoro (“Come se io fossi lì”), Maurizio Morante (“Ma comme faje” e “Inutile sperare”, scritta con un altro habitué, Mauro Culotta) e Fabrizio Berlincioni (che con Silvio Amato – debuttante alla corte di Mina, ma autore e musicista di lungo corso, attivissimo nell’ambito delle sigle e delle musiche per il cinema, per il teatro e per il balletto – firma “Amoreunicoamore”).

La tracklist di “Caramella” si amplia a comprendere altri due titoli già precedentemente pubblicati, ma non ancora presenti nella discografia di Mina: “Poche parole”, il duetto con Giorgia dall’album “Stonata”, 2007, e “Amore disperato”, il duetto con Lucio Dalla dall’album “Lucio”, 2003.

Non è certo compito dell’estensore di queste note informative segnalare in particolare l’uno o l’altro dei titoli di “Caramella”: non solo non è il caso di stilare graduatorie di preferenza, ma anzi è bene lasciare che sia l’ascolto – preferibilmente attento, preferibilmente ripetuto – a suggerire spunti e riflessioni e annotazioni a chi di questo disco avrà occasione di scrivere o di parlare.

Certo colpiscono immediatamente le atmosfere rarefatte di quella trenodia elettronica che è “La clessidra”, la tematica assai impegnativa del testo di “Accendi questa luce”, la drammaticità trattenuta e desolata di “Mi piacerebbe andare al mare”, le immagini evocativamente liriche di “Io e te” (“…siamo quei venti / che cambiano i deserti”), l’eleganza da jazz ballad di “Così così” sottolineata dal sassofono di Phil Woods; e l’irruenza melodica di “Solo se sai rispondere”, e la cantabilità immediata di “Come se io fossi lì” e “Amoreunicoamore”, e la dolceamarezza partenopea di “Ma comme faje”, e la dolorosa intensità di “Inutile sperare”, e la candida sincerità di “Il povero e il re”; ma al secondo ascolto già le prospettive mutano, al terzo le sensazioni si precisano, al quarto certe frasi acquistano un peso diverso: mentre su tutto si staglia la voce che mette ordine in questo apparente caos di suggestioni, e trasforma l’ascolto di un disco in una fortissima esperienza emozionale.

Comments
  1. Giamma

    Buonasera a tutti, navigando in internet mi sono imbattutto in questa novità in uscita il 1° giugno:
    http://dischi.fnac.it/a537551/MINA-Picture-box-vol-1-box-10lp-CD-album?Mn=-1&Ra=-28&To=0&Nu=1&Fr=3
    per chi non lo sapesse
    un saluto e tante caramelle a tutti
    Gian Smile Smile Smile Smile Smile Smile

  2. Antonius

    Anch’io ho ascoltato il nuovo disco di Mina e poi ho riascoltato amoreunicoamore, con commozione, la seconda, la terza, la quarta volta ecc.. ecc.. Complimenti agli Autori per la semplicità ed efficacia del testo e per la raffinata tessitura musicale,in particolare dell’inciso, e grazie soprattutto alla nostra grande interprete.

  3. GMMC

    …allora oggi è arrivata la mia Caramella…il corriere si è fatto un pò attendere…però credo ne sia valsa la pena. Mi riservo di dare la mia opinione in merito alle canzoni ad un ascolto più attento…!Per ora posso dire la mia sulla parte grafica del cd. Bhè nessuno, Balletti in primis…me ne vogliano, ma la copertina non è brutta, ma neanche meravigliosa: niente di spettacolare…si è fatto di meglio, e infine l’effetto è quello di una delle solite foto elaborate in modo diverso…. Certo molto colorata, fresca (anche il libretto interno lo è…), ma niente di particolarmente gustoso. Forse vedere una bella foto di mina recente…abbracciata e sorridente, con i suoi collaboratori…sarebbe stato interessante…!Forse è questo…che abbiamo sempre più bisogno di lei…di lei meno sfinge…di lei più reale!vabbè…ci risentiamo…

  4. taiale

    aiuto !!!
    c’è troppo da leggere per sapere se uscirà anche il vinile, cortesemente qualcuno me lo potrebbe dire ? grazie 1000 !! Big Smile

    PS: ma il duetto con la Vanoni perchè non è stato inserito ?? Frown

  5. Luigi Proto

    Caro Gil, i due dischi da te citati di Patty Pravo li conosco, ma non trovo nessuna assonanza con La clessidra. Torno a ripetere che solo la prima nota mi riporta all’intro di You keep me hangin’on nella versione di Mina.
    Un abbraccio

  6. non cambia nulla infatti era una curiosita…come quando esce un vinile…cosa cambia,come quando esce una raccolta di canzoni…cosa cambia ?..nulla.
    Ma tutti qui a parlare dell’uscita di un piscture come se fosse festa patronale…ma la custodia?,..oddio ma lcustodia?
    Cosa cambia?
    NULLA!
    Non ho detto di aver scoperto il sacro Graal…era una curiosità.
    E santa Madonna (Ciccone) tutti col ditino puntato!

  7. emilio bocchi

    Mina…Benedetta…ma forse è proprio Uffa…cosa cambia,è un piacere vedere in vetrina tutti quei cd che fanno una bellissima macchia di colore, e poi quella cartina trasparente dolce e appiccicosa fra le sue labbra socchiuse è molto sensuale.

  8. emilio bocchi

    Bellissimo commento Eno.

  9. Romeo

    BRAVA …SIGNORAMINAMAZZINIQUAINI…..BRAVA..BRAVA ..BRAVA..QUANTE EMOZIONI DOLCISSIME!!
    SUONATO ..MIXATO…CANTATO CON TANTA PASSIONE!!!
    ADORO GLI ARCHI DEL SIG.FERRIO.
    AMO LA CLESSIDRA.
    MI FA EMOZIONARE AMOREUNICOAMORE.
    MI FA PENSARE TANTO SOLO SE SAI RISPONDERE.
    BRIVIDI FORTI CON IO E TE…TOCCO MOLTO SOUND PROGRESSIVO 70.
    TUTTE LE ALTRE A PARI MERITO NEL MIO CUORE ..AL LIMITE DIABETICO.
    BRAVA AD AVER PREFERITO LA TUA VOCE ALLE SIGARETTE..CI FARAI ANCORA TANTI REGALI DEL GENERE..LE NOSTRE ORECCHIE TI RINGRAZIERANNO IN ETERNO!!
    CON TE SARA’ SEMBRE DIVERSO!!
    ROMEO

  10. eno

    DOVE NON HO PIU’ PAROLE INIZIA MINA.

    A ogni uscita discografica di Mina si può esprimere meraviglia e stupore (ohhhhhh), oppure si può correre per strada, agitare le braccia verso il cielo e prima che arrivi la croce verde, ma appena dopo aver sottolineato con impertinente irriverenza i dati anagrafici della signora e i lustri di onorato servizio, gridare al miracolo per la freschezza della voce e bla bla bla. Oppure si può andare in loop disquisendo all’infinito su talento, genialità, intelligenza, talento, genialità, intelligenza, talenzalità, gentalenza, inteniento… tarattattà.

    Forse ci si potrebbe semplicemente abbandonare e lasciandosi trasportare dai pensieri scrivere qualche parola che riesca a descrivere le canzoni di Caramella, titolo zuccherino del nuovo album da cui è opportuno non lasciarsi fuorviare. Ma che senso avrebbe?
    Volendo paragonare in questo caso le canzoni a caramelle, non è nemmeno indispensabile sapere che nel nuovo cd di gusti se ne trovano molti e diversi: dal più dolce, così dolce che il coma diabetico è lì lì a venire, all’amaro più amaro che nemmeno il rabarbaro e il fernet.
    E se non sento l’impellente necessità di addentrarmi in cervellotiche elucubrazioni sui testi e sulle musiche che Mina ha scelto per se stessa e per allietare gli ascoltatori che sanno riconoscere in lei un’ineguagliabile perfezione espressiva, figuriamoci se me la sento di arrogarmi il diritto di esprimere ancora giudizi sulla voce, una voce che a questo punto dovrebbe essere considerata da chiunque al pari dell’affresco di Michelangelo della cappella Sistina, un patrimonio dell’umanità.

    E quindi, mentre c’è chi gioca a fare i suoi esercizi di stile (e che stile!) sulla sua voce, sulle sue scelte, sulle sue interpretazioni e addirittura sulle copertine dei suoi dischi, vivisezionando, azzardando analisi che manco gli sceneggiatori di CSI o di Lost, a ‘sto giro Mina me la godo per quello che è, anzi, almeno per una volta mi schiero dalla parte di chi sente, a ragione, il bisogno di ringraziarla per le sensazioni che con la sua passione continua a elargire al mondo e per tutte le canzoni che ancora inciderà, e che chiunque potrà scegliere di ascoltare una, un milione di volte o per tutta la vita.

  11. RECENSIONI CERCANSI!!!

    Scusatemi, chi di voi ha letto “Bugiardo e incosciente” di Paolo Limiti (Mondadori 1999), potrebbe, per favore, parlarmene un po’?
    Grazie.

  12. e’ un album bellissimo e gà queto basta.
    ma l’idea di farlo ascoltare per intero oltre a far “uscire” altre due canzoni sul web secondo me è stata ottima!
    I link hanno girato su facebook e molta gente ha apprezzato.

    Mi ricorda tanto qualdo si “facevano le cassette”,ch poi si andava subito a comprare il disco….

  13. In questo momento è al secondo posto!

  14. ciano forma

    Caramella per chi ancora non lo sapesse è già al terzo posto della classifica di I Tunes !! Nonostante sia partita con un giorno di ritardo la messa a disposizione sul sito I Tunes
    del relativo download !!! Grande Mina

  15. bho…io non capisco.
    Non c’è nessun intento DENIGRATORIO in quello che ho scritto.
    Anzi,volevo fare una cosa carina.
    ma pare davvero bello se fosse confermato…la trovo una cosa molto dolce!

    PERCHè DOVETE SEMPRE TIRARE LE PIETRE E VEDERE IL MARCIO DOVE NON CìE’?????

  16. giorgiofranco

    DECORAZIONI SEGRETE, SCUSA , MA HAI COMPRATO IL CD PER FARE UN ESAME DI RADIOSCOPIA OFORSE QUELLO CHE CONTA è IL SUO CONTENUTO?!? BOCCA SUA O NON SUA MA CHE TE NE IMPORTA…TUTTO SOMMATO AL LIMITE RIMANE IN FAMIGLIA NO?!!?

  17. con le stesse parole:

    che commento spocchioso!
    Non si puo’ dire una cosa che tocchi sto tizio che si ergono sempre i paladini dei mulini a vento.
    A me chi sia nella foto non mi cambia la vita…ho solo notato una cosa,condivisa da molti, e ho provvduto a verificarla.

  18. alessandro.matti

    mamma che latte che mi fà venire decorazioni segrete…la prossima volta chiederò a Mauro di mettere UFFA , il cane di Benedetta in copertina: i suoi occhi, la bocca del postino, le orecchie del maiallino di mia sorella e il naso di mio nipote…

  19. per quale ragione dovrebbe essere impossibile?
    Non potrebbe essere un dolce gioco di mamma?
    Poi dopo la sovrapposizione voce-volto molto ben riuscita nel video di “adesso e’ facile” potrebbero aver ripetuto l’esperimento!

    non lo trovo così impossibile…anzi è plausibile.

  20. Valerio

    Dai coincidere coincide… però non è possibile!! ahahahahah
    Anche io l’altro giorno scarabocchiando ho disegnato mina e mi è uscita benedetta, ma si somigliano in un modo incredibile…è ovvio che possa sembrare lei, ma secondo me non lo è!! Smile

  21. Credo di poter dire E’ UFFICIALE !!!!!
    Almeno la BOCCA della “DONNA” nelle elaborazioni interne del cd è Benedetta Mazzini.

    Ho sovrapposto le due bocche e coincidono al 100%.
    Quindi nessun dubbio,per me.

    La bocca l’ho prsa da questa foto:
    http://www.facebook.com/profile.php?id=1639029844&v=wall&story_fbid=124521934236835#!/photo.php?pid=3317546&id=247643178638

  22. Io aspetto che arrivino le mie caramelle …

  23. PieraPaso

    caro Emilio,
    condividio tutto il tuo messaaggio
    grazie ancora per avermi portato la CARAMELLA Laugh
    .da Brescia
    Piera

  24. Tiger People… è ufficiale “C’HO ER DIABETE” a furia di ascoltare e riascoltare, e riascoltare ancora, ancora, ed ancora, me sò CARIATA!! Mina ma che mi farai mai????? Question

  25. Sergio

    Sì concordo in pieno con Emilio e Pina. Avete fatto proprio una bell’analisi su fenomeno MINA che suscita l’invidia di molti crititi e non che vorrebbero cantare come lei ed aver da 50 anni il suo successo!.

  26. PINA

    Ciao, Emilio.
    Al solito mio, nel copia dal mio file di scrittura e incolla sul blog, solo adesso mi accorgo di aver lasciato incompleta la mia replica, proprio sul più bello, dove mi riferisco alle tue impressioni su “Caramella”.
    Ecco qua.
    E, per concludere con una nota veramente positiva, bellissime le tue appassionate frasi su “Caramella”, poetiche le righe dove racconti le tue sensazioni ed impressioni. Ognuno di noi ha espresso le sue preferenze e, a modo proprio, descritto le emozioni suscitate da Mina, che più che mai ci ispira con le atmosfere che ci regala. Non finiremo mai di ringraziarla per questi pregiati e suggestivi momenti musicali.

  27. Vassallo paleologo giuseppe

    Buondì… il giradischi oggi torna a suonare per voi e la CARAMELLA scelta è MA COMME FAJE….dedicata a Madame x Smile

    ‘A COLPA È SUL’A MIA CA NUN CAPISCO CHIÙ / PECCHÉ TE STÒ VICINO / SI PURE TIEN’O CORE DINT’A CHILLU CORE TU

    NUN FAJE TRASÌ A NISCIUNO / NUN SACCIO COMME FAJE / A DÌ TE VOGLIO BENE / SI PARLE E TE STAJE ZITTO M’ACCARIZZE CHIAGNE E RIDE

    SULO QUANNO TE CUNVIENE / E NUN TE MPORTA ‘E NIENTE / PECCHÉ TU SÌ ACCUSSÌ / TU ME DAJE RISO E CHIANTO / FIN’A ME FÀ MURÌ

    ‘ACOLPAÈSUL’AMIACANUNCAPISCOPECCHÉRIESTE /PECCHÉNUNM’ABBANDUNE/ ‘O SSAJECANUNM’ABBASTAPECCHÉ‘O SSAJECANUNÈCHISTO

    ‘O MOD’E VULÈ BENE / NUN SACCIO COMME FAJE / SÌ COMME NU MARIUOLO / C’A SCUSA ‘E M’ABBRACCIÀ M’ARRUOBB’E SCELLE E T’E NASCUNNE

    PE PAURA CA IO VOLO / MA PURE S’I’ PUTESSE / NUN M’ABBASTASS’O CIELO / SCENNENNO TE DICESSE / IO SENZA TE NUN VOL

  28. Caro Claudio! Bentornato! Anch’io ho fatto FINALMENTE la mia iscrizione al club propio oggi! Sono felicissimo nel pensare di poter godere quel ottimo lavoro che è la Fanzine ! Laugh
    Un abbracio da Buenos Aires, Argentina.

  29. PINA

    Caro Emilio,
    grazie per aver replicato simpaticamente al mio commento di oggi pomeriggio.
    E adesso replico io un po’ su tutti gli argomenti che tu hai affrontato, iniziando dalla nota dolente dell’argomento “critiche a Mina nei momenti di… festa”, dicendoti che questo, a mio modesto parere, non dovrebbe succedere, ma purtroppo si verifica, quando, qualcuno “colpevole” di un grande successo, è costretto a subire e ad attirarsi addosso giudizi lapidari. Succede ad una donna che è al centro di un fenomeno più unico che raro, grazie alle sue prerogative e geniali capacità che non sono solo talento ed alta professionalità, ma grande umanità, intelligenza e simpatia.
    Fra quelli che citi, manca l’articolo un po’ più inquietante uscito il 25, quando, subito dopo la lettura, ho passato qualche ora a cercare di capire come fa un critico musicale a definire il dignitoso, sereno anche se sofferto, ritiro di un’artista , l’azione di chi se “l’è data a gambe”. Sono giunta alla conclusione ancora una volta (ed è sempre questo l’epilogo) che se le avessero usato rispetto e una maggioranza si fosse meritata un talento di tale rilevanza, forse ancora lei sarebbe sulle scene. All’estero avrebbero fatto salti di gioia per un’artista di questo livello.
    Mi riferisco a Giuseppe Videtti che, dalle pagine della “Repubblica”, ha scritto cose poco simpatiche nei confronti di Mina.
    Riguardo ad Axel, nel quale intravedo un estro che è preludio di grandi cose, anche io, come te, spero che il suo fardello non sia pesante. Essere il nipote di Mina non è detto che dovrebbe essere per lui un ostacolo, piuttosto che un trampolino di lancio, come invece spero.
    In riferimento al lavoro di Mauro Balletti ho già scritto il mio parere sul blog e credo che la sua si possa definire un’opera.
    Difficilmente mi era capitato di scrivere al pari dell’opera di Mina, qualcosa sull’opera della copertina e stavolta è tutto un grande merito per l’artista grafico che ha così genialmente rivestito un’opera musicale di questa levatura.

  30. Gil

    Caro Luigi,
    non allertarti perché mi sembra che qui nessuno ha detto che “La clessidra” riporta alle canzoni di Patty Pravo… OsvaldoRM ha solo affermato che “questa canzone ricorda alcuni esperimenti musicali di fine anni Settanta di Patty Pravo” dimostrandosi, così, un buon conoscitore di musica in quanto forse pochi ricordano che la signorina Strambelli, a fine anni Settanta, ha realizzato due album di cui il primo di canzoni tra funky e new wawe e il secondo (Munich album) all’epoca molto all’avanguardia musicalmente e permeato di atmosfere decisamente punk.
    Però c’è da dire che Patty, visto l’insuccesso, non ha insistito su questa strada nonostante avesse appena 30 anni quando ha provato (e subito abbandonato) certe sperimentazioni miseramente fallite… Mina, al contrario, di anni ne vanta “qualcuno in più” e ha il coraggio di rimettersi ancora in gioco musicalmente rischiando alla sua età dove le altre sue colleghe non hanno osato, sebbene allora ancora giovanissime… Big Smile

  31. emilio bocchi

    Ma che belle Pina queste tue emozioni che precedono l’ascolto di un nuovo disco di Mina,c’è tutta l’ansia dell’attesa di ascoltare ancora una volta la Voce e ti visualizzo correre nel traffico ,entrare nel negozio,cercare con gli occhi il cd esposto,averlo finalmente fra le mani e poi e poi….

  32. emilio bocchi

    Quello che mi da fastidio da sempre all’indomani dell’uscita di un disco di Mina,sono le critiche faziose e prevenute dei vari critici musicali,devo dire che stavolta come per Facile la Caramella della Signora è stata piuttosto bene accolta da parte della stampa in generale.Se si esclude lo striminzito e poco lusinhiero servizio di Fegiz ha ricevuto diversi elogi,Mina una caramella dai mille sapori titola il Messaggiero. Caramela di gran classe Brescia oggi.Una caramella di emozioni Mina gioca di testa e di cuore Marco Mangiarotti su Il Giorno.Silenzio canta Mina in Caramella i sapori del mondo sulle pagine de Il Giornale.Per questo è ancor più triste trovare proprio qui sul blog a lei dedicato i commenti più spocchiosi e la maniacale ricerca del pelo nell’uovo.
    Trovo estremamente offensivo considerare il lavoro di Balletti ad esempio una cialtronata ,per quanto riguarda la bellissima e coloratissima cover di Caramella mi sembra di grande effetto e che faccia bella mostra di sé negli scaffali dei negozi.
    Trovo Caramella un gran bel disco con belle canzoni dalle sonorità nuove e molto d’impatto che mi ricordano le atmosfere di Kyrie che ho amato moltissimo e Leggera.Mina alla faccia di chi dice che non ha più la voce d’un tempo, è di una freschezza vocale impressionante ,la ragazza lo sa come non farci dormire…la ragazza si ,la ragazza perchè la sua voce è sempre più giovane e affronta ogni nota colorandola di mille sfumature ,ora grevi e inquietanti ora leggere come ali di farfalla.per poi passare con grande maestria alle note alte per salire sempre più su,lassù sulla stella più alta la più lucente…
    Un bravo di cuore anche ad Axel per la deliziosa Il povero e il re, purtroppo dovrà pagare lo scotto per essere il nipote di Mina ,se la stessa canzone fosse stata firmata dai vari Scanu o Pierdavide di Amici avrebbero gridato al capolavoro cosi come per le canzoni di Mingardi se portassero una firma più altosonante come quella di uno Zucchero o di un Vasco sarebbero giudicate in maniera sicuramente più favorevole.
    Impossibile stilare una classifica ,le canzoni brillano tutte di luce propria ora soffusa e calda ora accecante come una giornata di pieno sole.
    Emilio

  33. robertobagna

    La CARAMELLA fa gola a molti, Grande Mina, è al 2° posto in ITunes!!!!!!!!!

  34. casimiro lotti

    complimenti a MINA per l’ottimo lavoro che ha fatto. ho ascoltato più volte questa CARAMELLA e devo dire che ci sono buone e più canzoni. un lavoro molto superiore a FACILE e la grande voce di MINA superara se stessa. speriamo che oltre noi mazziniani gli altri sappiano apprezzare e rendere omaggio alla nostra grande SIGNORA della canzone italiana. GRAZIE MINA CHE CI REGALI SEMPRE NUOVE EMOZIONI.Un ciao a LORIS grandissimo amico di questo grande club senza di te come faremo noi…ciao

  35. claudio rodeghiero

    Grazie Loris del benvenuto. A presto, C.

  36. claudio rodeghiero

    Ciao Franco, certo che mi ricordo di te, e anzi, scusa se non sei fra quelli che ho menzionato nel mio primo messaggio. Sei un grande e ti ammiro per la tua dedizione e continuità, di cui sono un po’ in difetto. Il mio amore per Mina è sempre stato però fortissimo in questi anni. Mi nutro della sua musica e riesco ad addormentarmi soltanto con la sua Voce che mi sussurra (o grida) dalle cuffiette dell’i-pod. Ma lo sai che ‘Inutile sperare’ è una delle canzoni di Caramella che mi piace di più? E’ così raffinata! E poi sono tutte bellissime, vanno ascoltate e riascoltate e ogni volta scopri qualcosa di nuovo, qualche dettaglio della Voce che non avevi notato prima. Che portento! Mina riesce sempre a stupirti, ad inventarsi nuovi strumenti con i quali arricchire la grande orchestra che ha in gola. Ogni confronto con qualsiasi altro cantante, italiano o no, risulta impietoso verso gli altri. Ti abbraccio e spero di vederti presto, magari ad un prossimo raduno. Mai pensato a Firenze?

  37. francesco cremona

    non dirmi chi seei, , , , , ma quanto amore hai,

    non dirmi chi sei….. ma quanto amore hai

    resta qui solo se sai rispondere………………..

    mina, che emozionissime,,,,,,,,,,,

    mi fai felicissimo Grin

    le mie caramelle preferite

    io e te

    solo se sai rispondere

    amoreunicoamore,

    poi la song napoletana e come se io fossi li,

    le altre caramelle da gustare

    ciao mina

    ciao tà.

  38. piera, attenta alle carie!!!!!!io ho già telefonato al mio dentista che vorrebbe togliermi tutte le caramelle!!!!!ma come si fa????

  39. francelucca

    Mi sembra un ottimo lavoro questo disco, piu’ raffinato di Facile.Non sto a dare voti o cose del genere perchè è ancora presto ma ripeto che la Mina di oggi mi piace tantissimo.Non ho parole per i commenti cattivi ma cattivi davvero fatti dai giornali.Quanta rabbia che traspare dalle parole di questi sapientoni per la sua assenza;e qui non si tratta di essere ammiratori o no…questa donna canta divinamente , si rimette sempre in gioco…continua a darci moltissimo.Insopportabili e pericolosamente contagiosi perchè tutti questi dischi belli che Mina fa non arriveranno mai piu’ al grande pubblico.Il duetto stesso con Seal è anni luce lontano da quel che passano in radio, dallo squallore e la banalità della musica italiana di oggi.Se c’è una che si salva vogliono farla fuori, ma questo lei lo aveva già capito tanto tempo fa.Per me e’ DIVINA punto e bastaBig Smile Big Smile Big Smile

  40. Luigi Proto

    Dentro la radiolina, penserò che ci sei tu Mina in un attesissimo tuo ritorno da parte di me e penso di tutti, con un nuovo programma radiofonico, anche, cantandoci questa meraviglia che è Come se io fossi lì.
    Amoreunicoamore come hanno già detto in molti, è destinato a diventare un classico dei grandi successi di Mina, è straordinario. Io però insisto su Accendi questa luce di Andrea Mingardi se solo alcuni si togliessero quelle critiche su di lui, nelle radio andrebbe alla grande. Gli acuti di Mina in “non puoi lasciarci qui da soli” sono emozionanti e perfetti. Non dimentichiamo la cantabiltà che ha a puro titolo d’esempio Amiche mai, ebbene anche Accendi questa luce lo è. La voce di Mina in napoletano nel pezzo di Morante è qualcosa di grandioso. Ieri ascoltando il disco ho parlato a mio modo degli altri brani, di cui non ho parlato oggi. Ed ho votato immediatamento nel sondaggio qui sul blog per Io e te, Accendi questa luce e La Clessidra. Grazie ancora Mina per averci inciso questo bellissimo tuo nuovo disco, che con te ed il tuo team artistico c’è sempre un nuovo grandioso sound

  41. Ivano

    anche il TG5 questa mattina ha parlato della grande Mina e del suo ultimo lavoro. Grin

  42. Franco Ghetti

    ciao claudio. chissa’ se ti ricordi di me. sai io stavo sempre zittino zittino in un angolo.
    a quei tre raduni c’ero anche io. dai stringi le meningi. ciao bentornato e bentrovato.
    MINA ti sta aspettando e mi sembra che tu sia tornato nel momento clou. ciao
    grazie MINA. Grin

  43. saverio

    Dopo ripetuti ascolti di Caramella ho detto BASTA SI CAMBIA,ho messo sù MINA R del 74…………che dire? MAI PRIMA e SOLO LUI mi hanno commosso fino alle lacrime.Era una vita che non le sentivo.Penso sia una grande fortuna essere fan di MINA,è un onore avere tanto repertorio così vario,così bello e con un una sola e unica voce.Questo per me purtroppo non è un bel periodo ma quando sento lei stò bene,mi ricarico e quindi posso solo ringraziarla per questo.Bene,ora col caffè mi farò un ‘altra CARAMELLA.

  44. Luigi Proto

    Contuino con quello che ho scritto ieri. Leggo che il brano “La clessidra” riporta a delle canzoni di Patty Pravo? Vorrei sapere quali, perchè a me non sembra, anzi… casomai riporta al repertorio della stessa Mina, al suo disco “Kyrie” e più precisamente alla cover che lei ha fatto in maniera strepitosa di “You keep me hangin’on”. Sento la prime note strumentali e mi riportano alle prime note della cover fatta da Mina, ma solo le prime, perchè lei è sempre nuova su tutti e tutte. Detto questo, vado avanti con le tre canzoni che già avevamo avuto modo di ammirare in questi anni e che nel contenuto del nuovo disco, ci stanno perfettamete bene, acquistano il sapore di sentirle finalmente nel cd di Mina e non i quelli di Lucio, Giorgia e Massimo che sono bravissimi, ma io sono proprio contento di ascoltare Così così direttamente dal suo disco, in egual modo per Poche parole e Amore disperato. Sono tutte e tre di generi diversi, ma entrambe belle.

  45. Valerio

    Evvivaaaa!!! Smile un bacio

  46. Franco Ghetti

    inutile sperare…………….. quando ascolto questa canzone ………. mi sembra di prendere il volo.
    mi sembra di essere su un tappeto volante……………………
    non non ho bevuto. mi sento cosi’. ciao
    grazie MINA. Laugh

  47. PieraPaso

    Emilio e il DOTTORE Ale..hanno fatto la MAGIA

    mi hanno portato le C A R A M E L L E

    Piera
    strafeliceeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!

  48. loris (Author)

    Claudio, benritrovato. Non potrei dimenticarti di te perché ai soci di quegli anni è legato il ricordo di una stagione carica di entusiasmo e di grande “fratellanza” all’interno della nostra community, anche perché si era molti di meno… Quanto alla partecipazione nel blog anche come “esterno”, non c’è alcun problema: oltre la metà di coloro che solitamente intervengono in queste colonne è costituita da fans non abbonati alla fanzine. Le due “anime” del Club – quella virtuale e quella cartacea – hanno target molto diversi tra loro. E va bene così…

Trackbacks.

Comments have been disabled.