Il Blog

Mina Fan Club fanzine 74
Pubblicato: 5 anni ago

Non può morire (di fame) un’idea

Mina Fan Club fanzine 74Semestrale sulla carta, ma ogni volta puntualmente in ritardo di qualche settimana. Bella, ricca e lussuosa come nessun’altra fanzine in Italia, ma a costi sempre più difficili da sostenere. Ostinatamente cartacea in un mondo ormai dominato dalla comunicazione virtuale. Ma nonostante tutto ancora viva e determinata a non soccombere. A inizio estate ve l’avevamo promessa in spedizione entro settembre, ma nel sommario pubblicato giorni fa nel blog l’uscita risulta invece procrastinata a ottobre (e questo anche per darci il tempo, prima di andare in stampa, di inserire qualche timida indiscrezione dell’ultima ora sulle novità mazziniane d’autunno, a cominciare dal disco di ballads atteso per novembre e proprio in questi giorni in fase di completamento). Insomma, la nostra rivista non vive tempi facili, ed è inevitabile che sia così: se già il mestiere di chi vive di musica “non garantisce più il pane in tavola” (Mina dixit) e di dischi non se ne vendono più, figuriamoci in quali ‘floride’ condizioni può trovarsi chi semplicemente si diletta a scrivere di cantanti e di canzoni per pura passione…

Comments
  1. Annunziato

    Loris, magari potete rendere scaricabili a pagamento – come e-book dal blog – i numeri esauriti della fanzine che su eBay – fotocopiati – raggiungono cifre folli…

  2. PieraPaso

    Stamattina, sul giradischi c’è una bella e simatica canzone che MINA canta: E’ MIA
    questa Fanzina di carta che mi arriva!
    È mia
    questa felicità che danza,
    che corre insieme a me tra la gente,
    quando,
    rivedo te.
    È mia,
    questa felicità che vola,
    il cui perché suppongo che sia
    averti adesso qui,
    il cui perché suppongo che sia
    averti adesso qui.
    Pensa che solo ieri,
    già rassegnata pensavo che
    l’arca dei grandi amori
    fosse partita senza di me.
    È mia
    questa sorpresa che darà
    una vacanza alla malinconia,
    che è sempre stata di casa con me.
    È mia
    questa felicità che vola,
    il cui perché suppongo che sia
    averti adesso qui,
    il cui perché suppongo che sia
    averti adesso qui.
    È mia
    questa felicità che danza,
    che corre insieme a me tra la gente,
    quando,
    rivedo te.
    È mia
    questa felicità che vola,
    il cui perché suppongo che sia,
    averti adesso qui,
    il cui perché suppongo che sia,
    averti adesso qui.
    Pensa che solo ieri,
    già rassegnata pensavo che
    l’arca dei grandi amori
    fosse partita senza di me.
    È mia
    questa sorpresa che darà
    una vacanza alla malinconia
    che è sempre stata di casa con me.
    È mia
    questa felicità che vola,
    il cui perché suppongo che sia
    averti adesso qui,
    il cui perché suppongo che sia
    averti adesso qui.
    grazie MINA

  3. Lillo

    Addio a Roberto Roversi, autore anche di 20 PAROLE, una delle più belle canzoni di BULA BULA.

    Io ti ascolto da solo, mio cuore
    Tu che guardi dai vetri
    Le rare foglie del cielo la terra toccare
    L’ora del giorno è rubata dal sole
    Montagne rosse, tre colpi di tosse lontani
    E poi scende la sera
    Sull’asfalto le voci dei cani
    Sotto i lampi di una nuvola nera

    Posso strapparti d’amore il vestito
    Sono i diavoli padroni delle giornate
    Io ti amo da altezze incredibili
    Ragazzo vestito di bianco e di arancio
    Per guanciale il tuo corpo mi dai
    Solo i sogni non muoiono mai

    Io ti amo da spazi infiniti
    Ragazzo vestito di sale e di vento
    E ti ascolto da solo, mio cuore
    Questa sera di nuvole nere
    Sul guanciale rimane l’amore
    Con un sogno di 20 parole

  4. PieraPaso

    Stamattina, sul giradischi ..c’è la bellissima canzone:
    CHE MERAVIGLIA
    sara’ ricevere Ancora la Fanzine In Love di carta…semprre dempre sempre

    E’ sera, sta piovendo
    ma tra la gente sto correndo,
    sto correndo incontro a te.
    E già ti vedo da lontano
    tutto bagnato e spettinato.
    Che meraviglia,
    che cosa bella che sei per me.
    In mezzo alle macchine, semafori, mi sembri più piccolo
    migliaia di luci, di clacson tra noi
    e già mi saluti da lontano, sorridendo timido,
    la pioggia ha bagnato il tuo corpo, ti abbraccerò.
    E la gente si mette a girare,
    tutto il mondo si mette a girare
    intorno a me.
    Che meraviglia,
    che siamo noi,
    che meraviglia.
    È sera sta piovendo,
    ma tra la gente sto correndo,
    E già ti vedo da lontano,
    tutto bagnato e spettinato,
    che meraviglia,
    che cosa bella che sei per me.
    In mezzo alle macchine, semafori, mi sembri più piccolo,
    migliaia di luci, di clacson tra di noi,
    e già mi saluti da lontano, sorridendo timido,
    la pioggia ha bagnato il tuo corpo ti abbraccerò.
    E la gente si mette a girare,
    tutto il mondo si mette a girare,
    intorno a me.
    Che meraviglia,
    che siamo noi,
    che meraviglia
    che siamo noi,
    che meraviglia
    che siamo noi,
    che meraviglia
    grazie MINA Laugh

Comments have been disabled.