Il Blog

Pubblicato: 4 anni ago

Tu si’ ‘na cosa grande

di Giancarlo Nino

Opulenza. E’ la prima parola che mi viene in mente mentre rigiro tra le mani InDVDbile. Ed è sfarzo in tutti i sensi, in lungo e in largo. A cominciare dal packing. Una copertina abbacinante, stampata su un cofanetto che potrebbe benissimo essere caduto dalle mani della Grimilde di Biancaneve, tutto ricoperto di foglie d’oro. Apri il piccolo scrigno e con l’aiuto di un nastrino di raso dorato fai sgusciar fuori il prezioso contenuto: i quattro magici dvd, letteralmente incastonati come gemme in fogli di cartone duro (rigorosamente color oro) ripiegati in quattro a mo’ di portafogli, e il libretto dei credits stracolmo di foto. Ma non foto e basta. Sono immagini stampate su carta lucidissima in piccolo formato, come le pellicole che fino a qualche anno fa si portavano a sviluppare dal fotografo. E’ una sorta di album dei ricordi, una raccolta personale che, per bontà dell’interessata, ci è concesso ammirare. E poi, ovviamente, ci sono i filmati. Oltre la bellezza, l’eleganza, la straordinaria caratura artistica di riprese più o meno antiche, c’è una ricchezza meravigliosa del suono. E non parlo semplicemente di masterizzazione, non è un discorso puramente tecnico sulle tracce audio. Parlo del favoloso connubio che la sua Voce forma con l’immagine fisica, dello straordinario potere espressivo che trasuda dallo schermo e ti entra negli occhi e, insieme, nelle orecchie. Persino quando la registrazione sonora è un po’ deteriorata, il video ne ricuce le abrasioni, le scioglie nella magia di un gesto, di un sorriso, nella inimitabile presenza scenica della protagonista (che non è la cedrata o la pasta, ma è sempre e solo Lei ). Certo la Voce, su quello non si discute, anche senza il supporto visivo resta oggi come allora un fiume magmatico di emozioni. Ma il poter apprezzare allo stesso tempo la sua silhouette che si staglia tra le fontane di Villa D’Este piuttosto che tra gli strumenti dell’orchestra ne amplifica enormemente la portata. Ed è come un re che ritrova il suo trono, il ritorno del navigante, lo Spirito nel suo tempio. Una celebrazione fantastica, insomma, per questi primi 55 anni di sfolgorante carriera, che segna una consapevolezza, credo di dedurre dalle parole di Massimiliano Pani, da parte di Mina e del suo staff: quella di proteggere e riscoprire un immenso patrimonio sommerso di musica e di spettacolo che, diversamente, sarebbe destinato a rimanere confinato nelle pieghe della più stupefacente storia artistica della musica italiana.

 

P. S. Segnaliamo a chi incontrasse qualche difficoltà a reperire InDVDbile nei punti vendita della propria città due preziosi link presso i quali si può ordinare online il nuovo, imperdibile cofanetto:

(http://www.musicfirst.it/it/musica/canzone-italiana/mina/mina-indvdbile-edizione-deluxe-box-4dvd–1libro-illustrato.html

http://www.amazon.it/s/?ie=UTF8&keywords=indvdbile&tag=slhyin-21&index=aps&hvadid=12879333194&ref=pd_sl_7kdubdeqy5_b)

 

 

Comments
  1. PieraPaso

    Stamattina, sul giradischi..c’è la bellissima canzone che la nostra MINA canta nel superlativo InDVDbile è:
    LA BARCA
    Dicen que la distancia es el olvido
    Pero yo no concibo esta razón
    Porque yo seguiré siendo el cautivo
    De los caprichos de tu corazón
    Supiste esclarecer mis pensamientos
    Me diste la verdad que yo soñé
    Ahuyentaste de mi los sufrimientos
    En la primera noche que te amé
    Hoy mi playa se viste de amargura
    Porque tu barca tiene que partir
    A cruzar otros mares de locura
    Cuida que no naufrague en tu vivir
    Cuando la luz del sol se esté apagando
    Y te sientas cansado de vagar
    Piensa que yo por ti estaré esperando
    Hasta que tú decidas regresar
    Supiste esclarecer mis pensamientos
    Me diste la verdad que yo soñé
    Ahuyentaste de mi los sufrimientos
    En la primera noche que te amé
    Hoy mi playa se viste de amargura
    Porque tu barca tiene que partir
    A cruzar otros mares de locura
    Cuida que no naufrague en tu vivir
    Cuando la luz del sol se esté apagando
    Y te sientas cansado de vagar
    Piensa que yo por ti estaré esperando
    Hasta que tú decidas regresar.
    Grazie MINA

  2. pietro

    La (ri)vedi nel nuovissimo, imperdibile box – che già di per sé, per l’idea che ci sta dietro, per il titolo, la veste grafica eccetera meriterebbe un Oscar – e non stai più li a chiederti perché mai Una così, da cinquantacinque anni (dei quali “solo” venti realmente vissuti sulla scena) negli scaffali dei negozi di dischi, nelle vetrine degli stessi, sulla stampa ma soprattutto nelle nostre teste e nel cuore, è ancora quella cosa lì, Lei. La Mina (e che bello poter fare a meno di dire di ieri e di oggi). Da sempre. La vedi nei Caroselli Barilla e seppur giovane già “adulta”, matura e avanti rispetto alle altre (e agli altri). Te la godi nel ’72, nella sua Bussola, dove la sua voce fa a gara coi fiati più arditi – vogliamo parlare di Someday? (ed è ancora Lei a vincere, a surclassare, a primeggiare e Lei manco sa cosa si provi a sentire-vedere Una che sembra nata per “abitare” un palco). Te la rivedi – di una bellezza stridente e ammaliante (l’occhio, quegli occhi, senza contare le mani con la sua inaudita gestualità) – già “grande”, ovvero fuori portata per l’immaginario abituale, mentre ti invita a berti una bibita buona e che fa bene. Sì, perché proprio in quella manciata di anni era già “oltre” (la prima in assoluto a fare doppi dischi così come decidere bellamente di fare a meno di potenziali singoli di successo per il lancio dei suoi dischi. E oggi, unicamentementemina a pubblicare un box con 4 DVD). Te la ritrovi lì – e manco ci speravi più – in quel freddo febbraio del 2001 in forma smagliante, divertita e suo agio nel suo studio. Choc!. (Le altre, non necessariamente emule ma pur famose, apprezzate e vai che vai canterine di successo non si sarebbero fatte mancare l’occasione per promuovere nuovamente i loro cavalli di battaglia in siffatta occasione. Mina no, e qui ancora la zampata della Tigre. Lei che invece è fatta di altra pasta, per il docu-film sceglie di cantare solo ciò che le va, omettendo qualunque citazione autoreferenziale (mai prendersi sempre sul serio, vero?). Di più, riportando a nuovo e dunque rinobilitando, come nel caso di “Oggi sono io”, brano che oggi proprio per il suo tramite diresti suo in toto. E grazie a questa sorpresa di inizio estate, poter godere di quel gioiello sinuoso e ammiccante de “La barca”, brano semi-dimenticato (ma non per me & tanti altri…) se non sconosciuto ai più: oltre cinque minuti di autentica libidine, dove il controllo e il pathos sembrano viaggiare paralleli su un tappeto di perfetta consapevolezza dei propri mezzi. Che meraviglia!
    Te la rivedi in un lasso di tempo importante, con quella Voce per cui avresti comprato anche i rapanelli, con quell’innata eleganza che nemmeno Naomi, con quel profilo greco quand’era bionda e riccioluta, con la radiosa serenità della Donna capace di spiazzare qualunque pronostico mentre la senti dire “no fotografare… … …!”.
    Come ha ragione la Venegoni quando dice che Mina, anche quando torna a mostrarsi in occasioni come queste, ha pur sempre il sapore del “magico”. Vero, verissimo. Una manciata di novità, ma tanto basta – eccezion fatta solo per Lei – per ricordare ai più distratti che ogni sua apparizione assomiglia a quel “colpo al cuore” che ognuno di noi vorrebbe sempre augurarsi…

  3. Stefano Crippa

    Sì, c’è maggiore profondità nel suono. Mentre – ma l’ascolto è stato effettuato in cuffia da un computer – ho l’impressione che i suoni dei caroselli Tassoni siano troppo sparati, qua e là vagamente gracchianti…
    Stefano

  4. sandrolondon

    Ciao ragazzi!
    Ho una domandina per voi riguardante “InDVDbile”. Io ho comprato la mia copia e attendo pazientemente il suo arrivo, ma mi chiedevo se l’audio del DVD Barilla fosse stato aggiustato rispetto alla versione precedente del 2003 – a differenza del VHS che aveva l’audio in Stereo 2.0, il DVD era in MONO 1.0 rendendo sgradevole l’ascolto di alcune canzoni (vedi il carosello di Ta-ra-ta-ta). Spero che abbiano rimediato a quella svista originale e grazie a chiunque risponda al mio quesito.

    Sandro

  5. PieraPaso

    CHE MERAVIGLIA …il DVDbile
    il mio è n.333
    è unumero..MAGNIKFICAT
    come il DVDbile

  6. PieraPaso

    Stamattina, sul giraDISCHI..C’è la bella canzone che la nostra MINA canta molto sensulmente nell’ Album Catene è:
    ESTATE
    che sia buona per tutti Voi.. e’ incominciate ieri,
    Estate
    sei calda come i baci che ho perduto
    sei piena di un amore che è passato
    il cuore mio vorrebbe cancellar.

    Odio l’estate
    il sole che ogni giorno ci scaldava
    che splendidi tramonti dipingeva,
    adesso brucia solo con furor.

    Tornerà un altro inverno
    cadranno mille petali di rosa
    la neve coprirà tutte le cose
    e forse un pò di pace tornerà.

    Odio l’estate
    che ha dato il suo profumo ad ogni fiore
    l’estate che ha creato il nostro amore
    per farmi poi morire di dolor.
    Tornerà un altro inverno.
    Graziee MINA

  7. sono d’accordissimo! avevo sperato nel 2011 in un’edizione per il decennale di MINAINSTUDIO con gli inediti finalmente disponibili ma niente…ad ogni modo ora ci siamo! stavolta invece, piuttosto che il solito (seppur eccelso) Live ’72, speravo nel video registrato per SULLA TUA BOCCA LO DIRò…a quanto pare Mina fa di testa sua! strano eh? Smile

  8. sono d’accordissimo! avevo sperato nel 2011 in un’edizione per il decennale di MINAINSTUDIO con gli inediti finalmente disponibili ma niente…ad ogni modo ora ci siamo! stavolta invece, piuttosto che il solito (seppur eccelso) Live ’72, speravo nel video registrato per SULLA TUA BOCCA LO DIRò…a quanto pare Mina fa di testa sua! strano eh? Smile

  9. mario basileus

    Tra le coriste di DALLA BUSSOLA , MINA c’è RITA MONICO , classe 1950 , che nel 1966 lanciò senza molta fortuna la canzone QUANDO TU VORRAI di BACHARACH . Era bravissima ( lo affermò anche LUCIO DALLA ) e avrebbe meritato sicuramente maggiore fortuna .

  10. mario basileus

    Ma perché un gioiello prezioso come LA BARCA ha dovuto aspettare 12 anni per uscire fuori dallo scrigno?

  11. massimo catti

    Nel nuovo settimanale “è donna” da oggi in edicola a 50 centesimi articolo su due pagine dedicato a mina canta limiti.trascurabile come sempre il testo, ci sono però due foto (direi del 59-60) poco viste.
    buona lettura

  12. PieraPaso

    Stamattina, sul giradischi..c’è la bellissima canzone che la nostra MINA canta nel progamma Mille e una luce ne ’78
    come sigla è:
    ANCORA ANCORA ANCORA
    si è bello sentirti cantare cara MINA
    ANCORA ANCORA ANCORA
    Se vuoi andare, ti capisco
    se mi lasci ti tradisco, sì
    ma se dormo sul tuo petto
    di amarti io non smetto, no.
    Tu stuopendo sei in amore
    sensuale sul mio cuore, sì
    se poi strappo un tuo lamento
    è importante questo momento perché
    io ti chiedo ancora
    le tue mani ancora
    le tue braccia ancora
    di abbracciarmi ancora
    di pigliarmi ancora
    farmi morire ancora
    perché ti amo ancora.

    Confusione la tua mente
    quando ami completamente, sì
    ho le sue percezioni
    mette a punto le mie inclinazioni perché
    io ti chiedo ancora
    le tue mani ancora
    le tue braccia ancora
    di abbracciarmi ancora
    di pigliarmi ancora
    farmi morire ancora
    perché ti amo ancora.
    Graziee MINA

  13. PieraPaso

    Stamattina, sul giradischi..c’è la bellissima canzone che la nostra MINA canta nell’ Album Sconcerto e MINA in Studio è:
    TU SI’ ‘NA COSA GRANDE
    Dedicata a MINA
    E dillo ‘na vota sola
    ca pure tu stai tremmanno
    dillo ca me vuò bene
    comm’io, comm’io, comm’io voglio bene a te

    Tu sì ‘na cosa grande per me
    ‘na cosa ca mi fà ‘nnamurà
    ‘na cosa ca si tu guarda a me
    me ne moro accussì guardanno a te

    Vurria sape’ ‘na cosa da te
    pecchè cuanno te guardo accussì
    si pure tu te siente murì
    nom me ‘o dice a nun me ‘o fai capì
    ma pecchè

    E dillo’na vota sola
    ca pure tu stai tremmanno
    dillo ca me vuò bene
    comm’io, comm’io, comm’io voglio bene a te.
    Grazie MINA

  14. Nella versione di LA BARCA, mi fa ridere come Mina si lamenta che sono tutte le parole sbagliate ! RazzP Beh, l’hanno fatto sbagliare davvero perche doveva aver detto ” que no naufrague ” ( naufraGHE ) con la G soffice, invece di quella forte che suona come la J di Jamás…

  15. bravo Loris, il commento di Giancarlo meritava un posto d’onore!

  16. PieraPaso

    Graziee caro Loris
    per i link..io oggi un centro commerciale.
    non l’ho trovato il DVDbile
    Piera
    lo spera con i tuoi link

  17. Annunziato

    Avevo già apprezzato il commento di Giancarlo, certo che meritasse il giusto risalto… ed eccolo qua Grin !

  18. Giancarlo

    Ovviamente, ancora una volta, grazie!

Comments have been disabled.