Il Blog

Pubblicato: 5 anni ago

Di una cosa son sicura, sai…

Unknown-4

In occasione della recente “prima” milanese del docufilm autobiografico Ricetta di donna curato e prodotto dalla sua amica Alexandra della Porta Rodiani, Ornella Vanoni ha concesso al nostro Lucio Nocentini una lunga intervista della quale vi anticipiamo il divertente botta&risposta riguardante Mina:

Lucio: Tu conosci molto bene Mina e la citi allegramente nel docu-film dicendo che lei ha portato la gioa nella musica e tu hai portato la cultura. Hai parlato poco fa dei live che saranno per voi cantanti l’ultima spiaggia, è fantascientifico immaginare secondo te un concerto di addio di Mina?

Ornella: Escludo che Mina riappaia, perché sarebbe un errore e lei di errori non ne fa, in questo senso. Mina è un mito perché la possiamo solo immaginare. Non si sa cos’è più. E’ un ricordo, e questa è la sua forza. Se si presentasse certo, sarebbe un successo pazzesco, la gente si ammazzerebbe per avere un biglietto. Però lei perderebbe questo spessore. Insomma Mina non si deve vedere, sennò non è un mito. E lei lo sa molto bene. I miti o muoiono giovani o spariscono. Comunque abbiamo fatto un pezzo insieme, Amiche mai, e lei poi mi ha telefonato e mi ha detto che avrei dovuto dirlo io a lei “certo che sei sciupata” e non lei a me.

Lucio: E magari potresti incidere un disco con lei? L’ultimo?

Ornella: Ma figurati. Son quattro anni che abbiamo detto di andare a mangiarci questa raclette e ancora non ci siamo riuscite! Figurati se facciamo un disco!

Comments
  1. Annunziato

    Mario, la sovraesposizione della Carrà in effetti in quell’anno fu notevole, non solo per Milleluci, ma anche per Canzonissima (la cui conduzione era stata proposta – come l’anno precedente – a Claudia Mori, solo che la signora Celentano oppose un netto diniego.

  2. miguel angel lodeiro

    MI DESEO DE QUE MINA VUELVA A LOS ESCENERIOS!!!!! Y QUE VENGA A LA ARGENTINA, SERIA UN EXITO TOTAL!!!!!!TENDRIA QUE DAR UN MONTO DE FUNCIONES PARA TANTA GENTE QUE LA SIGUE.

  3. PieraPaso

    Stamattina,sul giradischi..c’è la bellissima canzone che la nostra MINA In Love canta nell’ Abum Frutta e Verdura ..è:
    FA’ QUALCOSA
    si’ la nostra MINA Laugh lo sta’ facendo per NOI Fans..friggo..di sentire il nuovo Album
    Parla
    fa’ qualcosa
    sto morendo
    fa’ qualcosa
    parla
    dimmi che mi uccidi
    dimmi che mi odi
    ma non stare lì le mani in mano
    come uno
    che ha perduto
    come un uomo già finito
    sento tanta nostalgia
    per la fantasia
    che c’era in te
    quando
    ogni giorno
    profumava
    d’avventura
    e bevevo gioia pura
    perché tu ragazzo
    anche se eri totalmente pazzo
    eri vero
    eri vivo
    e anche allora
    io morivo
    ma morivo di allegria
    di poesia
    vicino a te.
    Parla
    fa’ qualcosa
    sto morendo
    fa’ qualcosa
    non lasciarmi andare fuori
    sbatti qualche porta
    mandami dei fiori anche se non sono morta
    è importante
    anche un fiore solamente
    so che non hai colpa tu
    se la vita è quel che è
    e io credo ancora in te.
    Ma parla
    fa’ qualcosa
    o do’ fuoco
    a questa casa
    una donna puoi tradirla
    non dimenticarla
    come fai con me
    una donna puoi tradirla
    non dimenticarla
    come fai con me.
    Grazie MINA In Love

  4. PieraPaso

    Stamattina, sul giradischi..c’è la bellissima canzone del Grande Autore Pino Donaggio ..che la nostra MINA In Love canta per i bellissimi Caroselli Barilla nel ’61 è:
    COME SINFONIA
    Sogno, sogno
    e tu sei con me
    chiudo gli occhi
    e in cielo splende già
    una luce.

    Io sogno
    d’esserti vicino e di baciarti
    e poi svanire
    in questo sogno irreale.
    Lassù
    sento gli angeli che cantano per noi,
    dolcemente, dolcemente
    É un canto fatto di felicità!

    Ascolto
    e ti sento ancora più vicino
    la musica che sento
    è come sinfonia
    Lassù
    sento gli angeli che cantano per noi,
    io vorrei, io vorrei
    che questo sogno fosse realtà
    realtà d’un sogno amor
    Grazie MINA In Love
    P.s un grazie aa Marina per i testi delle canzoni

  5. ciano forma

    Divina Ornella dimentica che però Mina nel 2001 è tornata ha sbancato internet stravenduto il dvd con grandissimo successo… e popi è tornata nell’ombra come prima eppure non sembra abbia perduto spessore.. come dice Ornella… Mina è riuscita a RIAPPARIRE SENZA APPARIRE se questo non è genio !!!!

  6. PieraPaso

    Stamattina, sul giradischi ..c’è la canzone che MINA Laugh ..canta in duetto con la Vanoni:
    AMICHE MAI
    Tu cosa ci fa qui
    io non ho voglia di parlare con te
    Tanto lo sai
    che lui mi ama solo me
    Se fossi al tuo posto
    non ne sarei così sicura
    Forse a te promette
    invece a me lo giura

    Ma io lo conosco bene
    tu non sei il suo tipo
    Non vuoi convincerti ma
    è tanto che te lo dico
    Le tue sono parole
    ma lui con me fa i fatti
    Potrai piacergli un po
    ma non so cosa ti aspetti
    Grazie MINA In Love

  7. FrancoPisa

    X gigra:
    Verissimo, perfetto, intelligente: mi associo non fa una grinza!

  8. alberto imparato

    Condivido

  9. Mario Ciampoli

    Ornalla Vanoni ha una bellissima voce; è una bravissima cantante (con Moraes, Toquinho, tra l’altro è assolutamente insuperabile) e una splendida attrice.
    È di Milano e è parte profonda della Città grazie specialmente alle sue scelte culturali passate e per questo io personalmente Le sono grato artisticamente e “culturalmente”.
    Venendo a Mina trovo molto significativo il “distacco” nell’evitare documentari, autobiografie, tanto meno esibizioni. Trovo ciò qualcosa di estremamente prezioso.
    Ritengo altresì che Mina sia meticolosa cesellatrice nel “pensare” Arte, per cui, di volta in volta, accanto a rara poliedricità, rende rigorosa aderenza di lettura in ciò che porge (La Lettura Corretta).
    Dato il Dono suddetto che in tutti i casi le viene spontaneo essendo un “Musicista Nato” e alla voce fuori da qualsiasi canone umano (è una forza della natura alla massima potenza), unitamente a vibrante intelligenza e sensibilità, penso che sia conseguenza logica il fatto che la via sia sfociata nella direzione per come possiamo vedere (anche se qui non posso non fare a meno di considerare egoisticamente come sarebbe stato non solo meraviglioso ma paradisiaco poter vedere Mina dal vivo ancora qualche pò).
    Dimenticando comunque completamente quanto sopra è estremamente accattivante (e esilarante) l’invito a Mina da parte di Ornella per la raclette ! … e vai ! Grande !
    Saluti,
    Mario

  10. gigra

    Penso che parallelismi, assonanze o disappartenenze non possano essere più’ fatti, trattandosi di due universi ormai lontanissimi, non solo musicalmente, ma anche tecnicamente, per non parlare dell’immagine e nell’offerta ad un pubblico fruitore. Certamente due universi al femminile di forte espressività’ , due intelligenze a forte contenuto carismatico, ma ormai così distanti e differenti che sarebbe come voler paragonare l’America con l’Asia, senza alcun riferimento individuale.
    Parlar di mina in questo blog sembra superfluo, perché’ oltre ad una storicità’ amorosa , esiste anche una buona conoscenza dettagliata del prodotto offertoci. Pero’ posso dire, per fortuna, mina ha fatto la sua scelta, che oltre a trasferirla immediatamente nel grande alone del mito, le ha permesso un’ulteriore libertà’ di scelta e di canto, che forse alla vanoni non le viene dato, perché’ ormai il prodotto firmato ornella, e non solo per la ridondante crisi giustificatoria, ha perso notevolmente mordente di cultura canora, senza parlare di espressività’ vocale. La superesposizione della vanoni, che ormai stona e talvolta sconclusiona, ha la sua immagine nel prodotto musicale che lei stessa concepisce, una forzata voglia di presenza e di giovanilismo non supportati nemmeno da una possibile voce corretta in studio.
    La vanoni, grande stella italiana, penso ormai che sia solo storia, ancor più’ da quando cadde nella gestione di lavezzi. La grande vanoni di uomini , di ricetta di donna, o di de moraes ,non e’ mai più’ riuscita a riaffermarsi, forse perché’ e’ venuta a crollare la necessaria coniugazione della scelta con la voce.resta in piedi il personaggio… Ma forse quello viene dimenticato dalla fuggevolezza dell’immagine.
    La vanoni , volendo, avrebbe potuto accedere all’iridescenza del mito, ma le scelte sono state altre.
    Con mina si e’ assistito ad un processo inverso, ad una polarita’ contraria: con il passar del tempo gli album invece di impoverirsi o di riempirsi esclusivamente di pezzi, si sono impreziositi notevolmente.potremmo quasi dire che la produzione di mina, anche se e’ stupido il concetto sottostante, e’ diventata, in quest’ultima attualità’, ancora più’ bella, più’ raffinata, più’ colta, sia su di un piano musicale che contenutistico.e non bisogna dimenticare il necessario cambiamento della voce nel tempo, che a tutt’oggi viene utilizzata con intelligenza, con agilità’ e con immutata espressività.
    Ed allora Mina resta sempre come sei e come vuoi essere, perché’ a me come sei fisicamente o su di un palcoscenico non interessa proprio niente, e’ il libero canto e la ricca espressione musicale ,che fanno quei grandi album che produci, sono quelli ad interessarmi e a nutrirmi di amore e di cultura musicale.’

  11. mario basileus

    Mina e Ornella, i due pilastri dell’Universo Musicale Femminile Italiano. Intelligentissime e complementari tra di loro. Ornella sempre presente sulla scena e Mina sempre presente nell’immaginario collettivo. Produzioni discografiche eccellenti per entrambe. Il prossimo disco della Vanoni ‘Meticci’ purtroppo sarà l’ultimo in studio (ormai i dischi non si vendono più), ma Mina continua imperterrita a regalarci capolavori (altri due questo anno?).
    Mi dispiace sono una cosa: che non abbiano registrato MILLELUCI insieme. Ve lo figurate? 12 puntate a colori di due ore ciscuna con loro due, altro che Raffaella Carrà…

Comments have been disabled.