Il Blog

Unknown-1
Pubblicato: 1 mese ago

Il brivido? Eccolo qua…

Nell’autunno 1969, le nobili pagine di Musica e Dischi preannunciavano l’uscita dell’album Bugiardo più che mai… più incosciente che mai definendolo a scatola chiusa come “l’LP più atteso del prossimo Natale” nonostante l’agguerrita concorrenza dei dischi-strenna di Pezzi da novanta come Battisti, De André e i Beatles. Più o meno le stesse parole, a mezzo secolo di distanza, sono state spese in occasione del lancio in preorder su Amazon e altre piattaforme digitali – con prenotazioni da record – del nuovo Mina Fossati che, come ha scritto la sempre fantastica Marinella Venegoni su La Stampa del 25 settembre scorso, “sarà accolto dagli ‘ah’ e dagli ‘oh’ di quella maggioranza silenziosissima di fanatici della canzone d’autore che non ha nemmeno idea di chi sia Sfera Ebbasta e però tiene le orecchie dritte perché sente intorno a sé da troppo tempo il gelo, la mancanza di un brivido: ed eccolo, finalmente. Il frisson, bontà sua, è già un regalo di Natale da una coppia veramente inattesa: i due desaparecidos delle sette note, i due che vissero due volte, mettono insieme la famosa ritrosia e ne fanno un boato, annunciando l’impensabile connubio discografico, con tanto di copertina già sfornata e data di uscita il 22 novembre. Due ritrosie davvero diverse. La popolarità spaziale di lei contro il vasto segmento più sofisticato e cerebrale di lui. Lei estroversa con la risata contagiosa e le note incredibili, lui di poche parole, attento alle virgole e pacatamente proprompente nella scrittura e nel canto trattenuto. E poi c’è la musica, quando sa fare i miracoli. La sorpresa che li diverte, la sfida del riprovarci ancora. La bellezza della creazione, la goduria dell’ascolto e del canto. E il ritrovarsi a rinnovare quell’insoluto mistero che resta la sorpresa della scoperta reciproca…”. Prepariamoci, allora, al primo frisson. Che ci scuoterà nella prima settimana di novembre, quando nelle radio e su iTunes debutterà lo strepitoso singolo apripista dell’operazione. Tutti pronti col plaid sur le genou?