Il Blog

Pubblicato: 5 anni ago

E rido quasi fosse un gioco

Nel giugno 1990, nel suo appassionato discorso di presentazione – pazientemente trascritto dal nostro Massimo Catti per la fanzine numero 30 – del volume Mina nelle fotografie di Mauro Balletti alla Fiera Internazionale del Libro di Torino, l’illustre critico Federico Zeri affermò tra l’altro: “Mi hanno detto che tutte le immagini del libro sono state approvate dalla stessa Mina: allora dev’essere proprio una donna con un sense of humour più unico che raro. Conosco poche, pochissime dive che si sarebbero presentate con certe immagini, come quella, di una comicità estrema, in cui appare tutta fasciata di bianco con gli occhiali a fessura (la copertina di Del mio meglio numero 8, n.d.r.). In scatti come questo si vede che la Mina è una donna che sa prendersi in giro, che sa ridere. E si vede anche che è una donna che nella vita ha molto amato. Generalmente le donne che hanno conosciuto il vero amore, intendo proprio a livello carnale, sono poi donne che sanno ridere…”. La brillante osservazione mi è tornata in mente l’altra sera, dopo l’ennesimo riascolto “visivo” della prodigiosa Oggi sono io, al termine della quale Mina reagisce con una sonora, solare, autoironica risata all’attonito stupore dei suoi collaboratori – che pure a simili “miracoli” dovrebbero essere abituati – per quella strabiliante performance. E ho ripensato anche a tutte le altre volte in cui il “riso” – in tutte le sue mille possibili sfumature e gradazioni – ha fatto capolino nelle sue canzoni: lo sghignazzo cavernoso, satanico e vendicatore di Nessun dolore; quello beffardo e irridente con cui resiste alle tentazioni del diavoletto maldestro di Sacumdì Sacumdà; il risolino amaro e sofferente con cui, in Io tra di voi, cerca di nascondere al fedifrago partner l’imbarazzo (“Oh no, non è niente, solo un po’ di fatica…”) per la “magnifica serata” passata a fare da terza incomoda. O, ancora, il risetto impudente con cui la single allupata di Ma chi è quello lì cerca di abbordare con una scusa banale (“Scusi, scusi lei… mi consiglia i pomodori migliori?”) l’aitante sconosciuto incrociato al supermarket. E l’elenco delle Minae ridentes potrebbe continuare con decine di altri esempi, uno diversissimo dall’altro: provate ad aggiungerne qualcuno voi…

Comments
  1. PieraPaso

    Stamattina sul giradischi.c’è una giovane MINA In Love che canta la canzone; CUBETTI DI GHIACCIO
    per rinfrescarci dal grande caldo ci vogliono!
    Cubetti di ghiaccio tintinnano
    nei bicchieri che si appannano
    ti guardo negli occhi
    un bacio prometti
    voglio whysky cubetti cubetti

    Cubetti di ghiaccio si velano
    d’una nebbiolina candida
    mi porgi le labbra
    ti sfioro le mani
    domani domani chissa’

    Domani con il sole dell’alba
    questa notte un ricordo sara’

    Cubetti di ghiaccio tintinnano
    nei bicchieri che si appannano
    un sorso gelato
    non spegne nel cuore
    la febbre bruciante d’un bacio d’amor

    Domani con il sole dell’alba
    questa notte un ricordo sara’

    Cubetti di ghiaccio tintinnano
    nei bicchieri che si appannano
    un sorso gelato
    non spegne nel cuore
    la febbre bruciante d’un bacio d’amor
    grazie MINA Laugh

  2. emilio bocchi

    e le bellissime risate di Mina in studio..

  3. PieraPaso

    grazie caro Emilio..
    si’ a vederla cosi’ sorridente la MINA In Love
    mi dà ALLEGRIA

  4. emilio bocchi

    http://thumbsnap.com/l5Ns3lmw

    eccola qui una bella risata di Mina trovata dalla Piera.

  5. Domenico/Napoli

    Grande, grande, grande Lillo. Grazie.

  6. Domenico/Napoli

    Chissà quante volte il Bibi Le avrà proposto qualcosa, ma la Ns. è proprio di coccio! Che ce la spunti il Bibi!

  7. MarioBeda

    C’è anche la MINA RIDENS che scrive, e rideva sicuramente mentre scriveva questa dedica; avrà riso anche il destinatario… Grin !

    ” Bibi, scusa, ma perché non mi fai lavorare? Buon Natale Mina – Lugano dicembre 2011″

    http://thumbsnap.com/AcsSDwFV

    Per chi non lo avesse capito, il destinatario è il famoso Bibi Ballandi, produttore dei grandi show di Celentano, Fiorello, Morandi ecc

  8. PieraPaso

    sTAMattina sul giradischi dall’Album Veleno..c’è la canzone:
    MENTE..(La mia pensa sempre al Vito..)
    E sì, lo sai
    sì lo sai bene
    che quando dice tu,
    tu sei la sola,
    mente.

    E’ vero, solo lui
    lui lì davanti che parla e parla
    e dice che non è importante
    tradire con il corpo
    e vuole tu ci creda per davvero
    con te lì, persa ma ostinata
    e sai che mente
    e sai che mente
    e quando dice
    che non esiste nessun’altra
    e giura sei tu, sei tu la sola,
    mente.

    Ma solo se qui
    lui sa di tutto e tu non sai di niente
    è calmo lui e ti parla
    parla del clima
    della notte prima
    stressante inconcludente
    buttata via per nulla
    non è servita a niente.
    Soltanto una riprova
    di quanto sia paziente.

    E tu gli resti accanto
    per niente rassegnata
    per non sentirti offesa
    dalla paura di non avere niente
    così gli stai vicina
    vicina, vicina
    per quello che ti chiede
    l’orgoglio inesistente
    e il cuore che ti batte
    disordinatamente
    ed ostinatamente
    mente, mente, mente.
    grazie MINA In Love

  9. DavideMartini

    BELLISSIMA QUESTA RIFLE-OSSERVAZIONE!!!!
    ANCHE IO QUESTA SETTIMANA HO ASCOLTATO LE STESSE CANZONI CITATE…
    “OGGI SONO IO” MI FA VIBRARE D’IMMENSO OGNI VOLTA CHE L’ASCOLTO, CHE LA GUARDO, CHE L’ASSAPORO!

    UN ABBRACCIO A TUTTI PER UNA GIORNATA SEMPRE MIGLIORE.
    DAVIDE MARTINI Cool

  10. pietro

    Potrei anche sbagliare, ma qualche risatina o ammiccamento simile si può ascoltare nel brano TIMIDA del cd (volume 2)PAPPA DI LATTE.

  11. pietro

    Anche se non appartiene a Mina, la cito ugualmente in quanto contenuta in un brano cantato in coppia con Piero Pelù: è la risata finale di quest’ultimo in STAY WITH ME dall’album OLIO.

  12. Luigi Proto

    In “Galeotto fu il canotto” quando pronuncia “cioccolata” le scappa da ridere. Anche nel brano “The end” per tutta la durata, lo intepreta ironicamente con la sue bellissima voce, “lacrime salate…” . Questo pezzo è bellissimo, sia in alcune frasi del testo efficaci per il ritmo della musica e della voce di Mina che è strafortissima quando canta” io schiaccio la mia voglia eeeeeeee (applausissimo) tu i tuoi punti neri, ed appluasissimo anche quando canta con il coro “la fine” dove è la nostra musicalissima Mina.

  13. Christian contaMINAto Mangano

    E come dimenticarsi le fragorose risate con il marito Eugenio nella “Si, l’amore” firmata dalla stessa signora Mazzini?

  14. PieraPaso

    Nella Radio..di Gran Varietà, ci sono tante risate di MINA
    tutte piene di ALLEGRIA..con tanta ironia simpatica che sole LEI sà fare!

  15. alberto imparato

    La risata ‘birignao’ alla fine de IL FRUTTO CHE VUOI ..

  16. MarioBeda

    “So..so che tu ami le stelle..” RICOMINCIAMO

  17. MarioBeda

    “Vivo così in serenitàààà….” ROBINSON

  18. pietro

    Mi torna in mente la risatina nel finale di LE FARFALLE NELLA NOTTE e quell’accenno di risata contenuta nella deliziosa SCETTICO BLUES.

  19. Domenico/Napoli

    Quella che maggiormente ricordo, anche se non è proprio una vera risata, è nell'”INTRO” di Plurale quando dice: girati, girati…..ricordo male o per quel lavoro fu in nomination per un Gramy!

    Il buon fan di turno che è riuscito a registrare la puntata di porta a porta la può rendere visibile anche a noi meno bravi!

Comments have been disabled.