Il Blog

Pubblicato: 3 anni ago

Due sorsi di Selfie

di Alessandro Mariotti e Silvano Terzo

Un “selfie” di classe; un “selfie” rinfrescante; un “selfie” introspettivo; un “selfie” sorprendente. Mina riesce sempre a ribaltare le opinioni: dopo i due dischi jazzati “12” e “Christmas song book”, in cui qualche maligno aveva ipotizzato l’approdo al porto sicuro della classicità (pur legittimo, dopo 55 anni e rotti di attività), viene fuori con un disco proiettato nell’agone del pubblico di ogni età, a contendere l’alta classifica a “colleghe” come Pausini, Giorgia, Elisa e giù rotolando fino alle Emme, alle Amorose e compagnia brutta. “Selfie” è il disco che ci voleva per questa strana estate, un po’ torrida e un po’ monsonica, con incertezze tra la fine della crisi e l’inizio dell’Era dell’Acquario. Già altri hanno vivisezionato minuziosamente i brani: io vorrei porre l’accento solo su due gioielli come l’introspettiva “Questa donna insopportabile” e la elegantissima “mai visti due”, che mi ha piacevolmente ricordato le atmosfere della splendida “Mente”. Ovviamente ho già comprato il biglietto di ogni data della tournée… – Alessandro Mariotti

Scrivere qualcosa di non detto su “Selfie” è come trovare parole nuove per parlare della Gioconda… Alle puntuali recensioni dei giornalisti accreditati, stanno facendo seguito gli entusiastici commenti degli ammiratori, unanimi nel considerare questo nuovo lavoro di Mina come uno dei migliori, se non il migliore, tra i dischi di inediti degli ultimi decenni. Sicuramente “Selfie” è un sorso di cedrata (!) rinfrescante in una giornata di canicola, una bibita alla frutta che scende giù a dare tono e refrigerio; nessun ingrediente sofisticato o mal dosato, nessun gusto troppo forte che stordisce e confonde; qui è tutto naturale: la Voce di Mina innanzitutto che stupisce, rapisce, trascina nel suo vorticoso gioco di abilità canora e lascia increduli che tutto questo possa ancora avvenire…straordinaria Voce che non imita nessuno, neanche se stessa, sempre in grado di sperimentare, eppure sempre fedele all’idea che abbiamo di lei. E’ questa la Mina che mi piace, quella che spazza via, nel breve tempo di una canzone, tutti i motivetti circolanti nell’aria, tutte le banalità musicali destinate a non lasciare traccia. Impossibile per me soffermarmi su uno o l’altro brano: la scelta effettuata da Mina è variegata come un buon gelato artigianale dai gusti nuovi e mai assaggiati prima e che accontenta tutti i palati. Mi stupisco in questi giorni quando provo l’urgenza di risentire una canzone per l’ennesima volta, come accadeva anni fa, quando la mia curiosità era più accesa, all’ascolto di un nuovo disco. Forse il miracolo che “Selfie” opera in me è proprio questo: la ri-scoperta di una Voce senza età, il piacere ritrovato dell’ascolto ripetuto, la voglia di canticchiare il pezzo appena sentito. Non sto ad indicare quali siano i miei brani preferiti; “Selfie” è un lavoro unitario, un bellissimo mosaico che non sarebbe tale se mancasse l’una o l’altra tessera… – Silvano Terzo

 

Comments
  1. Domenico/Napoli

    Sono giorni che leggo i vs. commenti e ogni volta vorrei scrivere qualcosa anch’io…ma che scrivere…ripetermi…mai commenti così perfetti; non sono bravo nello scrivere e non riesco a commentare così eloquentemente come i tanti post diquesti giorni; so’ solo che non dovrei più meravigliarmi o restare così preso emotivamente da ogni nuovo lavoro della Nostra, ma non è così…la sua magia è tale che ci casco ogni volta; sembra sempre la stessa Mina di ieri eppure è una Mina del domani; ma la cosa più sorprendente è la sua voce ancora così giovane, pulita, ma con il calore e l’emozione che solo una grande anima che si è arricchita negli anni può esprimere; un’anima/voce che non invecchia ma si arricchisce di nuovi toni, sfumature, vibrazioni..no! non può essere il semplice lavoro “di una operaia della canzone” come Lei disse….Lei canta perchè si emoziona prima Lei, la sua è una dimensione decisamente fuori da ogni schema o paragone che si possa fare; è il caso MINA..la puoi definire solo così..lei è paragonabile solo a se stessa è MINA, dove Mina stà quale aggettivo sinonimo di MINA.

  2. pietro

    Lo capisci subito, dall’attacco delle prime note che il disco che stai ascoltando è un disco “felice”, (forse) quello che stavi aspettando. SELFIE seduce e attrae, ti incolla e ti inchioda allo stereo. E Lei… Lei sembra di sentirla ancora più vicina mentre canta. Ti sembra quasi di toccarle le intonazioni, il fraseggio, i sussurri, quei grappoli di note… (De André, sic!). Hai quasi l’impressione che l’inedita Mina stia proprio cantando a te e per te solo. I testi a servizio delle melodie e/o il contrario? In questo nuovo lavoro Mina sembra “convinta” più che mai del mosaico musicale concepito, totale corrispondenza tra intuito e resa finale. SELFIE è sfaccettatura a pieno tondo, vibrante racconto musicale, policroma tavolozza, “naturale” canto-cantato che vorremmo ascoltare ogni giorno, alba o tramonto che sia. Questa Donna non si ferma e non sta ferma. Ogni volta sembra dimenticarsi del suo essere “la Mina” (ha ragione quando intona “il mio nemico è ieri…”) per volgere lo sguardo sempre avanti, oltre e altrove. Prerogativa questa, che nessun detrattore (della sua Arte) potrà mai scalfire e usurpare. Chapeau, Signora!

  3. Lillo

    La versione (nient’affatto male) di Don Backy: http://www.youtube.com/watch?v=cje0KoKVrHc

  4. Lillo

    Su youtube (http://www.youtube.com/watch?v=UC3PaeFahQk) è possibile ascoltare FINE cantata da una certa Isabel. Discreta interpretazione. Ma con Mina siamo in tutt’altra dimensione. Per cui non ha alcun senso fare paragoni.

  5. Romeo

    Selfie…Si
    Compagna di viaggio …dalla Languedoc sino nella splendida e verde Scozia….Cosa posso dire, la sua voce riesce ancora a sorprendermi come il paesaggio che ci accompagna in questo lungo tragitto europeo….cambi di corsia ….sorpassi azzardati…temporali improvvisi….grandi spazi verdi e montagne pieni di conifere…Il suo canto brunato ma sempre preciso,questa volta coadiuvato da tanta bella musica e tanti bei testi intelligenti…mi fanno rilassare ,e mi dicono che in fondo la mia meta e vicina.
    Queste 13 canzoni fanno da sottofondo …alle mie emozioni piu’ grandi ….Grazie grande Artista.

  6. PieraPaso

    Stamattina, sul giradischi c’è la bellissima canzone che MINA Pain canta nel nuovo
    Album capolavoro Selfie è:
    IL GIOCATTOLO
    Non è perfetto l’amore che si fa
    e lo capisco ma mi manca
    non è questione di sesso ma di curiosità
    e ricomincio a finire.

    Mi fai male, se mi lasci morire
    qui davanti al telefono.

    E le ore passate a aspettare un segnale di te
    ah, che strazio
    la tua voce di miele che toglie il respiro dov’è
    ah, con qualcun altro.

    Io che mi aspetto poi da uno che non sa
    cos’è il rispetto ma io voglio te
    ma se io penso di finire così
    non c’è più gusto romperei il giocattolo.

    Mi fai male, se mi lasci morire
    qui davanti al telefono.

    Le nottate spaccate tra averti e scordarmi di te
    ah, che strazio.
    Sento ancora il profumo lasciato nel letto e non so
    ah, se voglio un altro

    Sento ancora il profumo lasciato nel letto e non so
    ah, che strazio
    Grazie MINA Pain

  7. Robi

    Cari amici mazziniani non so voi ma io continuo ad ascoltare da una settimana il nuovo cd di Mina Selfie in continuazione e non riesco a smettere. Grave vero? No è solo la passione immensa per questa artista unica, irripetibile. Si rimane a “bocca aperta”, in silenzio e quasi sotto incantesimo ascoltanto la sua intramontabile voce!! Per me è così da sempre. In attesa della prossima fanzine, un abbraccio a tutti e alla “colonna portante” del “nostro” Mina Fan Club: Loris Biazzetti.

  8. emilio bocchi

    Io ricambierò con quelli di cui tu sai….

  9. Non ho ascoltato “Selfie” tranne qualche canzone a cui non ho resistito la curiosità, ma preferisco aspettare l’arrivo del cd per fare il rituale di aprirlo e ascoltarlo da capo a fine. Fino a adesso, l’album di inedito che preferisco dal 2000 in poi ( scegliendo tra : Veleno, Bula Bula, Bau, Facile, Caramella e Piccolino) è FACILE. È l’album di inediti dove ci sono più canzoni che mi piacciono… Vedremo cosa succede dopo l’ascolto di ” Selfie”.

  10. selfiefabri

    Self, è bello dall’inizio alla fine.Concordo con Alessandro e Silvano.Grandissima Mina

  11. Al_Fi(e)

    ho preso i biglietti anche per te, Emilio Wink
    Al_Fi(e)

  12. Piero

    sono d’accordo con te, bravo

  13. emilio bocchi

    Ah, ah, Alessandro il Selfie tour…

Comments have been disabled.