Il Blog

Pubblicato: 5 anni ago

D’altro canto

Fino a qualche anno fa – almeno, diciamo, fino alla svolta monografica di Napoli che nel ’96 interruppe la lunga serie di variegatissimi doppi album tuttifrutti – Mina si era concessa solo sporadicamente qualche “parentesi” tematica incentrata su un singolo genere o su un singolo autore. Fecero eccezione, negli anni Settanta, lo scintillante American Graffiti di Baby Gate, il supremo exploit multivoci di Plurale e i tre portrait cantautorali dedicati a Califano (e Pes), a Battisti e a Jannacci. In un Sorrisi dell’estate ’77, dando per scontato che la lista degli “omaggi d’autore” fosse destinata ad avere in seguito, Gherardo Gentili scrisse: “Con Jannacci, Mina si appresta a proseguire l’operazione già tentata con Lucio Battisti: interpretare un autore dandogli una dimensione nuova, senza tradirne lo spirito originario. Operazione che con Lucio ha dato risultati eccellenti e che naturalmente ha determinato una lista di aspiranti. Quali saranno i prossimi cantautori dopo Enzo? Possiamo azzardare qualche nome. Il gioco delle ipotesi è affascinante. Modugno, Celentano, Endrigo, Le Orme, Gli Alunni del Sole. Il lettore è invitato a continuare…”. Nello scrutare la sua sfera di cristallo, come si vede, l’oracolare Gherardo aveva azzeccato con decenni di anticipo i primi due nomi. Quanto al compianto e mai abbastanza ricordato Sergio Endrigo, non è detto che prima o poi Mina non decida di recuperare qualche preziosa gemma del suo repertorio. Ma oggi che, come anticipato da Massimiliano, l’infaticabile Tigre ha inaugurato col superbo 12 una serie di incursioni monografiche nei generi più disparati (dal Brasile ai tanghi argentini, dai classici della canzone italiana alla chanson française fino – perché no? – alle nenie tantriche) o nei songbook di singoli autori italiani e stranieri, prevedere quali “mondi musicali” Mina abbia intenzione di esplorare nel prossimo futuro è impresa a dir poco ardua anche per le più provette Sibille Cumane de noantri. Anche perché, tra un omaggio al passato e l’altro, la Signora continua a non perdere di vista (e d’orecchio) il presente: tant’è vero che ha già praticamente pronto per l’autunno un nuovo album di inediti che si preannuncia – possibile? – ancor più bello di Facile, Caramella e Piccolino

Comments
  1. pol

    molto molto bello anche questo di spunto! adesso vedo bene come strutturarla e poi sarete i primi a sapere com’è venuta! Grazie grazie davvero!

  2. gigra

    La comunicazione e’ dedicata a po! Che chiede consigli e idee per la sua tesina.

  3. gigra

    Eppure, piu’ che fare un’analisi di un testo ed il probllema dell’autenticità della traduzione, situazione gia’ largamente discusso, mi interesserebbe osservare e studiare il significato della parola e del suono non compreso e la capacita’ del trasferimento in musica, specie se supportato da una grande voce -e su questo Mina non teme confronti- di trasmettere emozioni.
    O anche un esame sul suono linguistico, deprivato dell’immagine di supporto.
    O ancora il tentativo di trasferire in musica il romanzo breve, attraverso l’analisi di alcuni testi’ .
    I rimandi socio-antropologici e culturali della figura i mina nel tempo, penso siano argomenti gia’ largamente disquisisti
    Comunque, qualsiasi aspetto di Mina esaminerai, sarà’ sempre interessante.
    In bocca al lupo!

  4. pol

    si si è proprio quello che volevo fare! grazie milleee

  5. Allora io direi che hai diverse possibilità: frequentando il linguistico potresti azzardare l’analisi di un brano come “e poi…” e le traduzioni realizzate per l’estero. O ancora meglio “comme un homme” e i temi tipicamente francesi quali la dicotomia “reine – serviteur” e dunque le differenze con la versione italiana. Oppure ancora gli anni del boom con Mina fenomeno che varca, suo malgrado, i confini nazionali…che dici?

  6. PieraPaso

    Stamattina, sul giradischi..c’è la bella canzone che la nostra MINA Wink canta nell’ Album Piccolino è:
    E COSI’ SIA
    Dentro me
    è ancora giorno
    e senza risveglio
    tu dimmi che notte c’è, se c’è

    Forse è un sole spento
    quello che sento
    e che brucia in fondo all’anima
    senza più attese,
    senza alcuna dignità

    Ho tanta paura di noi due
    che sia soltanto neve già

    Forse è
    un sole spento
    quello che sento
    e che brucia in fondo all’anima
    senza più attese,
    senza alcuna dignità

    Ho tanta paura di noi due
    che sia soltanto neve già

    Senza di te non c’è più il giorno
    che si consumi senza l’inganno
    e io ti sento ancora, pazzo di me
    anima mia, mentre vai via
    e così sia, così sia
    se tu vai via, se tu vai via e così sia,
    Così sia
    anima mia

    Senza di te non c’è più il giorno
    che si consumi senza l’inganno
    ed io ti sento ancora pazzo di me
    anima mia, mentre vai via e così sia
    Così sia
    se tu vai via
    se tu vai via
    e così sia
    anima
    Grazie MINA In Love

  7. pol

    si si grazie mille… le materie che vorrei portare sono tre e le sceglierei tra storia, italiano, inglese, francese e spagnolo, posso collegarci anche cose fuori dal programma, ma in ogni caso ciò che abbiamo fatto si riferisce a ‘800 e ‘900.

  8. PieraPaso

    Stamattina, sul giradschi .avendo finito le canzoni cOn il “CANTO” ..quindi devo ricominciare DA CAPO a scegliere una canzone che la nostra MINA In Love canta nell’ Album MINA con Bigne’ è:
    DA CAPO
    sembra facile da fare
    ma non so nemmeno io da quale parte
    bisognerebbe cominciare
    e i pensieri nella testa,
    non si mettono d’accordo mai
    e io spreco le giornate qui,
    tra gli angoli di casa mia.

    Dalla sedia alla poltrona,
    e sdraiata sul divano
    non mi guardo neppure più allo specchio,
    per non dirmi sei cretina,
    e rimango sempre al buio
    e la luce mi fa male
    nei miei occhi c’è la sabbia
    nella bocca c’è del sale.

    E il cuore, il cuore poi,
    fa un casino di rumore
    batte forte contro il letto
    senza farmi più dormire
    senza farmi più dormire,
    non si rende neanche conto
    che non c’è più niente da fare
    che non c’è più niente da fare
    che non c’è più niente da fare
    che non c’è più niente da fare
    che tu non vuoi più ritornare
    che tu non vuoi più ritornare
    e lo so dovrei capire,
    e convincermi per sempre
    che io avrò una nuova vita
    che per Dio non è finita
    sarò la donna più completa
    che tu possa immaginare
    io saprò ricominciare
    io saprò ricominciare
    e non dovrò più rimanere
    in questa casa che mi opprime
    in questa notte senza fine
    in questo stato di torpore.

    Ma per chi
    ma perché
    ma per chi
    ma perché
    ma per chi
    Grazeee MINA In Love

  9. Sarebbe più facile aiutarvi se ci informassi circa il programma affrontato. Ad ogni modo direi che sarebbe interessante un approfondimento storico sugli anni del boom con Mina colonna sonora dell’Italia in trasformazione o ancora il ’68 con Mina regina negli anni della contestazione…oppure il ritiro in quelli bui delle Br…che dici?

  10. È un vero peccato che la recente produzione di Mina coincida con la crisi del disco. Album come Napoli, Dalla Terra e poi STBLD così come Sconcerto o tra gli inediti i recenti sfavillanti Facile-Caramella-Piccolino avrebbero meritato ben altre sorti se usciti in momenti più propizi o se, non riesco a non dirlo, supportati da adeguata promozione. I progetti monografici mazziniani insomma sono, a mio parere, un po’ tardivi sia cronologicamente che anagraficamente (troppe sigarette si sentono)…Da fan maniaco che di Leo acquisterebbe persino un pezzo con i “cantanti” di The Voice non posso comunque non pensare al fatto che rarissimamente infilo nell’impianto un doppio mentre girano all’impazzata le semi sconosciute Mine recenti…

  11. pol

    Ciao a tutti, vi leggo ogni giorno da almeno 3 anni, ma ora avrei bisogno di voi. Frequento la 5 in un liceo linguistico e vorrei fare la tesina su Mina… avevo pensato di partire da una canzone per materia per parlare di un argomento trattato a scuola. Voi avete qualche consiglio da darmi?

  12. PieraPaso

    Stamattna, sul giradischi..c’è un “Canto” seciale di una giovane MINA In Love che canta..la simpatica canzone di Sanremo è:
    CANTA RAGAZZINA
    Tu sei come me
    quando ero bambina.
    Sei bella e lo sai
    tutto quello che hai.
    Canta ragazzina
    che il giorno dura solo poche ore
    e quando arriva sera puoi scoprire
    che il sole se n’è andato e resti tu.
    Canta ragazzina
    e non fermarti a piangere o a pensare
    che tanto tutto passa, anche l’amore
    e alla fine resti solo tu.
    Non fare come me
    non fare come me.
    Un giorno vale un anno
    e la vita vale un attimo.
    Ti svegli un mattino e ti trovi già donna.
    Canta ragazzina
    che il giorno dura solo poche ore
    e quando arriva sera puoi scoprire
    che il sole se n’è andato e resti tu.
    Canta ragazzina
    e non fermarti a piangere o pensare
    che tanto tutto passa, anche l’amore
    e alla fine resti solo tu.
    Non fare come me
    non fare come me
    non fare come me.
    Graziw MINA In Love

  13. PieraPaso

    Stamattina, sul giradischi ..c’è un “Canto” nella canzone ch
    e la nostra MINA In Love canta ..nell’ Album Uialla è:
    CANTERO’ PER TE
    Lo si può toccare
    questo sentimento
    che diventa grande
    da far male dentro.
    Vorrei fosse dolce
    ma in un modo forte
    qui tra le tue braccia
    proprio questa notte.
    Oh oh oh
    canterò per te.
    Oh oh oh
    canterò per te.
    E userò le labbra
    per accarezzarti
    mentre con le mani
    proverò a parlarti,
    non sono parole
    non sono silenzi,
    sono suoni intensi
    da fermare il cuore.
    Oh oh oh
    canterò per te.
    Oh oh oh
    canterò per te.
    E prenderò la parte migliore
    di quest’amore
    di quell’amore che sei,
    domani può cambiare il vento
    e forse il tempo
    e per adesso c’è lei,
    la luna coi suoi raggi rossi
    quanti riflessi per noi
    quanti riflessi per noi
    adesso se vuoi.
    Muovi le tue mani
    senza alcun timore
    sono io l’orchestra
    tu sei il direttore
    fammi andare in alto impetuosamente
    scendere pian piano, semplicemente.
    Oh oh oh
    canterò per te.
    Oh oh oh
    canterò per te.
    Per te che sei
    la parte più vera
    di un’avventura
    di un’atmosfera così
    e se così non è abbastanza
    in questa stanza
    vedrai che nascerà qui
    la luna coi suoi raggi rossi
    che ci ha commossi perché
    io canto per te,
    io canto per te.

    Prima che ti tocchi
    non aprire gli occhi
    per vedere la luna coi suoi raggi rossi.
    Prima che ti tocchi.
    Prima che ti tocchi.
    Graziee MINA In Love

  14. Ale

    Riguarda il carosello Barilla di cui si parla nella pagina facebook,si,io seppur ancora bambino,me lo ricordo benissimo:Mina indossava un vestito corto nero con un grande cappello e aveva dei grossi orecchini di perle.La mancanza di questo filmato nel dvd,la notai subito e ricordo di averlo anche segnalato.Credo di avere ancora la locandina che ritagliai dal “Radiocorriere”.Speriamo che per la nuova edizione del dvd sia ritrovato,bisognerebbe controllare bene nell’archivio Barilla.
    E i caroselli Tassoni ed anche quelli della Birra quando si decideranno a metterli insieme e al sicuro su dvd?.Sempre che non siano andati già persi,sarebbe un vero peccato…

  15. Giancarlo

    Stamattina apro l’homepage di Repubblica e leggo una dichiarazione di Mika, che a quanto pare si appresta a vestire i panni di nuovo giurato per l’edizione di X Factor Italia dell’anno prossimo: “Sì, sto prendendo lezioni di italiano non solo nel senso della lingua, ma anche della musica: sto guardando tutte le passate edizioni di Sanremo in dvd, sto ascoltando Mina, il vostro pop-rock degli anni Settanta”. In più, quando gli chiedono chi vorrebbe al suo fianco come giudice, risponde: “Mina no, sarei in soggezione”.

  16. PieraPaso

    Stamattina, sul giradischi..c’è ANCORA un “Canto” che da’ allegria che la nostra MINA In Love canta nella 6′ puntata di Canzonisssima ’68 è:
    CANGTO DE OSSANHA
    O homem que diz dou não dá
    Porque quem dá mesmo não diz
    O homem que diz vou não vai
    Porque quando foi já não quis
    O homem que diz sou não é
    Porque quem é mesmo é não sou
    O homem que diz estou mas não tá
    Ninguém está quando quer
    Coitado do homem que cai no canto de ossanha traidor
    Coitado do homem que cai no canto de ossanha traidor
    Vai, vai, vai, não vou
    Vai, vai, vai, não vou
    Não vou, que eu não sou ninguém de ir
    Em conversa de esquecer a tristeza de um amor que passou
    Não, eu só vou se for pra ver uma estrela aparecer
    Na manhã de um novo amor
    Amor, saravá
    Xangô me mandou lhe dizer
    Se é canto de ossanha não vá
    que vai se arrepender
    pergunte ao seu orixá
    Amor só é bom se doer
    Vai vai vai amar
    Vai vai vai chorar
    Vai dizer que eu não sou ninguém de ir
    em conversa de esquecer a tristeza
    Vai vai va
    Graziee MINA In Love

  17. gigola fabio

    Ritorna CAROSELLO….chissà!!!

  18. emilio bocchi

    perché proprio il 3 5 13?

  19. PieraPaso

    Stamattina. sul giradischi c’è un Canto ..che la nostra MINA In Love Canta nell’Album Caterpillar è:
    CANTO SE SONO STONATA
    Perché non hai la voce di Dorelli e di Arigliano

    neanche di Sinatra, di Cigliano, Celentano,

    eppure tanta voglia di cantare a perdifiato

    da quando di te sono tanto innamorato.

    Canti

    anche se sono stonato

    perché

    sono letteralmente impazzito per te
    Senti, canto così sottovoce

    perché

    perché la mia voce
    in genere non piace

    Da cinque mesi
    canta il suo amore in sordina perché
    forse teme di farsi sentire da me

    Si
    ma da quest’oggi ho deciso di cambiare
    provando a cantare con voce da rock
    mi faccio sei uova alla coque

    e come una belva del ring

    ti sforno quintali di swing

    sperando di darmi lo show che forse

    proprio così, Mina

    Lelio

    mi dirai di si.

    Da cinque mesi
    canta il suo amore in sordina perché
    forse teme di farsi sentire da me

    Si
    ma da quest’oggi ho deciso di cambiare
    provando a urlare con voce da rock
    mi faccio sei uova alla coque

    e come una belva del ring

    ti suono quintali di swing

    sperando di darmi lo show che forse

    proprio così, Mina

    Lelio

    mi dirai di si.

    E forse proprio così, mi dirai di si.
    Grazee MINA In Love

  20. gigola fabio

    Ciao Loris la gradita sorpresa primaverile di cui fai cenno su facebook si svelerà, per caso, il 03.05.13?

    Un caro saluto.

    Fabio Milano

  21. PieraPaso

    29 Aprile 1967 5′ puntata di SABATO SERA con MINA In Love
    Rcky Robrts e Lola Falana
    In apertura viene proposta SONO QUI PER TE in un arrangiamento per voce ed archi.
    Co-protagonista della puntata è Giancarlo Giannini..con cui MINA recita nella scenetta “La duchessa del bar Tabarin” e canta PIETRE. Ancora con Giannini MINA è nel numero “espressivo” ” Cirque d’ hiver” nei panni di un clown triste e nel duetto in francese TU ME FAIS TOURNER LA TEèTE.
    MINA canta TU NON CREDI PIU’, CRY .. e duetta con Lola Falana.
    Ospite musicale è la Banda dela NATO che accompagna MINA in ZUM ZUM ZUM
    dal Dossier MINA IN TV 1959/1978
    del mina fans club (copertina rosa con bella foto di MINA)
    è nella mia MINAera
    grazie Loris

  22. PieraPaso

    Stamattina, a proposito di canto ..sul giradischi ..c’è la bella canzone che la nostra MINA In Love canta nell’ Album OLlio è:
    CANTO LARGO
    Va, e va, e va, e va, e va
    ma è possibile
    Va, e va, e va, e va, e va
    ma è afferrabile
    quando sembra qui, vicino a te
    poi va

    Va, e va, e va, e va,
    e si fa più ingannevole,
    Va, e va, e va, e va
    e si fa più accessibile
    sembra quasi parli proprio a te,
    poi va.

    Lo vorrai, chiederai, cercherai di lui
    griderai, piangerai, morirai di lui
    lui, lui, lui.

    Va, e va, e va, e va,
    se sei fragile
    Va, va, va, e va, e va
    ti fa vivere,
    ti fa stare come mai
    chiama e vai.
    Graziee MINA In Love

  23. PieraPaso

    Stamattina sul giradschi..c’è la bellissima canzone che la nostra MINA In Love cantA .nell’ Album Napoli secondo estrtto è:
    ‘O SOLE MIO
    friggo che arrivi presto FORTISSIMO!
    Che bella cosa na jurnata ‘e sole
    n’aria serena doppo na tempesta
    pe ll’aria fresca pare già na festa
    che bella cosa na jurnata ‘e sole.
    Ma n’atu sole cchiu’ bello, oi ne’
    ‘o sole mio sta nfronte a te
    ‘o sole, o sole mio
    sta nfronte a te
    sta nfronte a te.
    Quanno fa notte e’sole se ne scenne
    me vene quase ‘na malincunia
    sotto a fenesta toia restarria
    quanno fa notte e ‘o sole se ne scenne.
    Ma n’atu sole cchiu’ bello, oi ne’
    ‘o sole mio sta nfronte a te
    ‘o sole, o sole mio
    sta nfronte a te
    sta nfronte a te.
    Grazie MINA In Love se lo canti tu arrivera’ senzj’ALTRO

  24. Franco Ghetti

    la MINA e’ sempre dei grandi successi, non so se te ne sei accorto.

  25. Appunto… è proprio questo che ci si domanda… un album ancora piu bello di FACILE, CARAMELLA E PICCOLINO???? mah… è mai possibile? Smile tutto l’impossibile immaginabile è possibile… specialmente se ciò riguarda LEI… Grin

  26. PieraPaso

    Stamattina, sul giradischi,..c’è la bellissima canzone che la nostra MINA. In Love .canta a Canzonissima ’68 ..con un acuto strepitoso iniziale che solo MINA sa’ fare
    (una cover di Timi Yuro) è:
    E POI VERRA’ L’AUTUNNO
    ..friggo che arrivi presto per sentire il nuovo Album di MINA
    E poi verrà
    e poi verrà l’autunno
    camminerò
    camminerò nel vento
    ma tu sarai lontano
    ma tu avrai scordato
    che io
    volevo bene a te.

    E pioverà
    e pioverà sui vetri
    e guarderò
    e guarderò la strada
    e lacrime di pioggia
    dai rami piangeranno
    e piangeranno insieme a me.

    Ed ogni giorno avrò in mente
    ogni giorno
    il tuo amore
    e sarà inutile ogni mio giorno
    senza te.

    Poi verrà
    e poi verrà l’autunno
    ti cercherò
    ti cercherò ancora
    ma tu sarai lontano
    ma tu avrai scordato
    che io volevo bene a te.

    Ed ogni giorno avrò in mente
    ogni giorno
    il tuo amore
    e sarà inutile
    ogni mio giorno
    senza te
    senza te.
    Graziee MINA

  27. Jack Vitale

    Paoli Celentano o Gaber non sarebbe poi tanto male,potrebbe provare qualche autore piu moderno tipo Zarrillo……dovrebbe scegliere Mina un nuovo arrangiatore,non piu gianni ferrio, e provare arrangiamenti meno caramellosi alla 12…rivogliamo la Mina quella dei grandi successi…….

  28. PieraPaso

    SOGNO ..che POI ARRIVERA’ L’AUTUNNO
    presto!
    Grazie MINA

  29. Franco Ghetti

    piu’ di piccolino impossibile……………………..

  30. mario basileus

    E allora… LUNGA VITA alla SIGNORA e LUNGA VITA anche a NOI!

Comments have been disabled.