Il Blog

1536651_676614785694781_1698527021_n
Pubblicato: 2 mesi ago

La donna che non c’era

Mina in studio rewind / 5

LA DONNA CHE NON C’ERA

di Flavio Merkel

Si conclude con un prezioso amarcord dell’indimenticabile Flavio Merkel la nostra serie di testimonianze riproposte in occasione del ventennale del film-evento del 2001. Ma per festeggiare ufficialmente questo importante anniversario è in previsione un’allettante sorpresa che i collezionisti mazziniani accoglieranno coin gioia…

Ride, fa versacci, “sporca” le canzoni, fuma (sempre Marlboro rosse), è tenera, professionale ma allegra, e non parla quasi mai, come se la sua voce esistesse solo per il canto e non per la parola. Il suo volto è finalmente visibile, senza sguardo: gli occhi si intravvedono qua e là dietro le spesse lenti quando i primi piani sono molto ravvicinati. Magra, lunga e nera in quella sua mise senza tempo, bianca di pelle, una pelle che riflette – non assorbe – la luce. E poi il miracolo di quella Voce, ancora più sfumata, complessa, potente e variegata, incanta anche chi non la ama, stupisce gli increduli, nutre gli ammiratori, fa invidia alle coetanee colleghe (italiane e straniere) ormai sfiatate. Un miracolo, ripeto, e un mistero. Perché non sappiamo niente di più di quanto sapessimo (o immaginassimo) prima. Sì, l’abbiamo finalmente rivista, ma alle sue condizioni: quasi spiata, da dietro, di fianco, di profilo, raramente di faccia, rendendoci tutti voyeurs, intrusi privilegiati che la spiano nel privato. Abbiamo verificato che esiste davvero e canta e si diverte. Ma il mistero rimane. Chi è Mina?