Il Blog

14900358_10209773413844672_8412581487114093891_n-1
Pubblicato: 7 mesi ago

La ragazza della via Gluck

Tutto è nato il 25 marzo di un anno fa, con quel “Io e te saremo sempre le Migliori” con cui Celentano concludeva sibillinamente il suo messaggio di auguri alla Mina neo-75enne. L’uso dell’articolo femminile destò non poco stupore, dato che a impiegarlo non era un uomo qualsiasi, ma colui che, nell’immaginario collettivo italiano, rappresenta da sempre, più di qualsiasi altro idolo eterosessuale, la quintessenza di una virilità ‘a denominazione d’origine molleggiata’, il portabandiera di una maschiezza immune da qualsiasi parvenza di ambiguità anche nelle rare apparizioni cinematografiche en travesti. Non meno sorprendente è il fatto – sottolineato in un intelligente articolo apparso venerdì scorso sul Corriere – che ci abbia pensato proprio lui, Er più, “a inserirsi nel dibattito sull’uso delle parole, a buttarsi tra le tifoserie composte da chi pensa che declinarne certe al femminile sia solo un vezzo intellettuale senza significato e chi invece crede che i cambi di mentalità passino anche da lì. Certo, lo ha fatto a modo suo. Prima innestando la sua testa sul corpo non di una, ma di due modelle vestite con colori sgargiantissimi e collane eccessive. Ma lo ha fatto soprattutto decidendo di intitolare Le migliori il nuovo album di duetti con Mina”. E a spiegare ancora meglio le ragioni di questa scelta è stata Claudia Mori a Natalia Aspesi nel Venerdì di Repubblica dell’altroieri: “In tempi in cui ancora si tende a declinare quasi tutto al maschile, Adriano ha scelto il femminile perché crede alle tante espressioni della sessualità e oltre, perché pensa che bisogna amarsi tutti, al di là del colore della pelle, della religione, della cultura, del denaro: ma anche in omaggio alla grandezza di Mina”. E visto che dietro un grande Uomo-Donna non può esserci che una grande Donna-Uomo, ci piace pensare che a favorire questa epocale svolta celentanesca a favore della pari dignità di genere sia stato proprio l’influsso illuminante della sua straordinaria consorte. Quasi a voler spiritosamente confermare quanto si vocifera da sempre, e cioè che a indossare i pantaloni in Casa Celentano è proprio Lei…