Il Blog

Pubblicato: 4 anni ago

Zucchero e fiele

“Per le canzoni di questo disco si sono mobilitati autori, autorini e persino autisti”, scrisse il cantautore (nonché, per un certo periodo, critico musicale de La Stampa) Gianfranco Manfredi commentando in termini non propriamente lusinghieri le scelte di repertorio operate da Mina per il volume inedito del doppio Dracula del 1985. Il giochino di parole dell’arcigno recensore (che, per ironia della sorte, avremmo ritrovato l’anno dopo in Sì Buana come autore – o autorino? O autista? – della deliziosa Un cucchiaino di zucchero nel thè cofirmata da Ricky Gianco) aveva chiari intenti spregiativi, ma in fondo può benissimo essere impiegato ancora oggi per sottolineare l’assoluta imparzialità e democraticità con cui Mina è solita selezionare le canzoni, giudicandole per le loro intrinseche qualità senza badare alla maggiore o minore fama dei mittenti. Non è un caso che, ogni anno, migliaia di compositori – dalle firme più illustri del cantautorato ai più improvvisati carneadi – scelgano lei come destinataria delle loro proposte, sicuri di poter contare su un’ascoltatrice paziente, attenta e priva di preventive orecchie di riguardo per chicchessia. Da quando, poi, il sito ufficiale ha attivato l’account ineditipermina, la valanga di provini inviati da tutta Italia si è fatta a dir poco insostenibile, tanto da costringere la redazione mazziniana a bloccare temporaneamente la ricezione di nuove mail. Anche perché – pare – la scelta dei brani per il prossimo disco sarebbe già a buon punto…

 

Comments
  1. marcello murabito

    Per Agostino Canciello, le date del concerto di MINA Live 78
    sono giorno 8 giorno fila 6 e 18 fila 16
    . e un bglietto senza data numero 2006 questi sono i biglietti che mi anno permesso di vedere dal vivo la stupenda Mina

  2. emilio bocchi

    Agostino io il primo luglio e con me c’era la Pina e credo anche Franco ma non ci conoscevamo ancora.

  3. PieraPaso

    4.000 Fans..su Fb del MINA In Love Fan Club ..CHE MERAVIGLIA

  4. AGOSTINO CANCIELLO

    grazie per l’informazione. Un abbraccio da Napoli

  5. PieraPaso

    Stamattina, sul girasischi..c’è una bellissima canzone che la nostra MINA In Love canta è:
    ATTIMO PER ATTIMO
    Si’ guardero’ e sentiro’..il “13”
    E vivrò cercandoti
    attimo per attimo
    perché sei l’unico
    l’unico che amerò.
    Non farò che illudermi
    attimo per attimo
    che tu ritornerai
    tu ritornerai da me.
    Ma tu ti ostini a non credermi
    perché il tuo mondo va a rotoli
    sapessi che solitudine
    contare i giorni che passano
    giurando sopra ciò che ho
    che domani ti vedrò.
    E così ti aspettero
    attimo per attimo
    perché sei l’unico,
    l’unico che amerò.
    Grazie MINA In Love

  6. Il problema di “You are my love” è il testo così semplice, elementare. Il pezzo è molto bello e come dici tu, sarebbe stato meraviglioso in italiano. “In autostrada” per me è il meno riuscito del volume.Un fatto strano: Nella edizione argentina ( quella che io ho comprato nel 1986 ) ci sono soltanto 10 canzoni e non c’è “Questione di feeling” ! Smile

  7. Forse si dovrebbe pensare che a quel tempo i fans avevano sentito brani inediti meravigliosi come quelli contenuti in “25” e “Catene” e allora in Dracula la qualità non era allo stesso livello anche se c’erano brani stupendi come ” Mio di chi”, “Nei miei occhi” , “Mi mandi rose” e “Questione di feeling”.

  8. Io ho visto un biglietto del 22 luglio .

  9. PieraPaso

    -1..aL 4.000

  10. AGOSTINO CANCIELLO

    Ciao dolce amica mia, e che succederà fra 2 giorni?
    Suppongo che uscirà 12 in Vinile?
    Lo spero tanto!!!! Ho un bisogno più che fisico di sentire 12 col caldo suono del vinile.
    LEGITTIME CURIOSITA’
    Mi elencate per favore le date del LIVE 78?
    allora una data sicura è Sabato 24 giugno, che è stata la serata del debutto. Mentre l’ultima serata è stata Mercoledì 23 Agosto 1978,che era l’Undicesima serata.
    Quali sono state le altre serate?
    Pina ha assistito allo spettacolo di Sabato 1 Luglio, mentre non ricordo le date di Franco Ghetti e di Emilio (me le ridite per favore?), Loris e altri certosini mi aiutate a sapere le serate dello spettacolo?
    Beati a chi ha potuto emozionarsi assistendo a qualche live della nostra Dea.
    Buona domenica atutti
    Agostino

  11. PieraPaso

    -2 al 4.000 che cosa è? lo sapete cari Amici Fans?

  12. PieraPaso

    io dal 1964 con lo spartito di CITTA’ VUOTA

  13. PieraPaso

    Stamattina, sul giradischi c’ una bellissssima canzone che rimane Evergreen nel mondo della Musica LEGGERA ..che la nostra MINA In Love ha cantato in tante trasmissioni.. io ho avuto..l’onore di sentirla dal LIVE ..al Concerto del Teatro Lurico il 12,2.71 ..l’articole del giornale dice: “La TIGRE ..ha sfoderato gli artigli” è
    NON CREDERE
    No, no, no
    non crederle
    non gettare nel vento
    in un solo momento
    quel che esiste fra noi.
    No, no, no
    ascoltami,
    tu per lei sei un giocattolo
    il capriccio di un attimo
    e per me sei la vita.
    Se lei ti amasse io,
    se lei ti amasse io
    saprei soffrire ed anche morire
    pensando a te.
    Ma non ti ama, no
    lei non ti ama, no
    ed io non voglio vederti morire
    morire per lei.
    No, no, no
    non crederle,
    non gettare nel vento
    in un solo momento
    quel che esiste fra noi.
    Se lei t’amasse, io
    se lei t’amasse, io
    saprei soffrire e anche morire
    pensando a te.
    Ma non ti ama, no
    lei non ti ama, no
    ed io non voglio vederti morire
    morire per lei.
    Ma non ti ama, no
    lei non ti ama, no
    ed io non voglio vederti morire
    morire per lei.
    Grazie MINA In Love

  14. emilio bocchi

    Mazziniano dal 1959 da quando la vidi uscire da dietro un juke box in televisione al Musichiere.

  15. PieraPaso

    Caro Tullkio, hai scritto LA VERITA’…
    la Ornella faceva p…tà..

  16. PINA

    Il “mio concerto”, il 1° luglio 1978 a Bussoladomani. Indimenticabile!

  17. PINA

    Mazziniana dal 1962 (e pure non fuori corso).

  18. vimercati tullio

    Una divagazione : stasera girando da un canale all’altro,mi son fermato su’RAI1,c’era Ornella Vanoni,una cosa veramente penosa,fuori tempo con la musica,senza voce e il viso che purtroppo,nonostante i vari ritocchi,evidenzia il passare degli anni.Ed allora,mi viene in mente,quello che diceva Mina,ricordando De André,che a una certa età è meglio scomparire dalla scena,e farsi ricordare per quello che si era.

  19. ciao Pierissima! Senti ma la registrazione di cui parli è quella con bugiardo e incosciente tagliata sul finale?

  20. MAZZINIANO DAL 1987 (in corso).

  21. PieraPaso

    sI’ Caro Massimo,
    scrivimi il tuo indirizzo di casa sulla mia email: piera.pasotto@tiscalinet.it

  22. massimo catti

    piera,posso osare anch’io e chiederti una copia di quel concerto?
    max

  23. PieraPaso

    Stamattina, sul giradischi ..c’è una simpatica..divertente canzone che la nostra MINA In Love canta e':
    ALLEGRIA
    che avro’ quando vedrò e quando sentiro’ il “13”

    Tutta la gente per strada
    guarda di qua e di là
    vola nell’aria di festa
    un aquilone sulla città.
    Una canzone per strada
    corre di qua e di là
    va rimbalzando nel vento
    come una bolla che non scoppia mai
    che non scoppia mai
    che non scoppia mai.
    Ho spalancato le braccia
    corro volando da te
    cose da fine del mondo
    stanno accadendo per me
    stanno accadendo per me
    stanno accadendo per me.
    Un motivo certo che c’è
    tutto questo ha un suo perché
    l’allegria nasce da me
    perché mi sto innamorando di te.
    Graziee MINA In Love

  24. PieraPaso

    Caro Mario, CHE MERAVIGLIA leggerti..perchè sento l’aria della Svizzera..che fa’ piacere..sapere che sei vicino a MINA In Love
    hai scritto LA VERITA’ la Grande Voce di MINA In Love …arriva all'”anima” e l’EMOZIONE..vederla e sentirla dal LIVE..ti da’ un sciock positivo che non si dimemtichera’ MAI..
    Ricambio con un bàsìnn FORTISIMO spciale della
    Piera
    nazionale
    p.s. se vedi MINA In Love ..in Via Ciani..dalle un saluto speciale da parte mia.

  25. Mario Ciampoli

    Ciao Piera, Ciao Domenico,
    grazie ai vostri ricordi si sono ripresentate le emozioni di allora.
    E i brividi !
    Mina dal vivo è una forza della natura tra le più spettacolari.
    Ero estremamente appassionato di concerti tra cui Ella Fitzgerald le tre volte che è venuta a Lugano, Ray Charles e Amalia Rodriguez sempre qui a Lugano; sono andato a Roma apposta per i Jethro Tull e Joe Cocker, e altri.
    Quanto sopra solo per esprimere una considerazione personale e cioè che, al di là dell’immenso e intenso patrimonio che grandi Artisti del calibro di quelli sopraccitati che ho avuto la Suerte di sentire mi hanno lasciato, Mina dal vivo mi ha regalato emozioni ancora più profonde. Non so se questo dipenda dal fatto che la amiamo sinceramente per quella sua Voce universale; sta di fatto che Mina dal vivo ti arriva dritta dritta nell’ ANIMA.
    Personalmente avevo visto Gaber/Mina al Politeama di Como e al Lirico di Milano e, come dice giustamente la Pierina, il Teatro Lirico “veniva giù” dagli applausi e dalle urla di giubilo.

    Besos,
    Mario

  26. PieraPaso

    Caro Donenico,
    anche io ho provato..la stessa EMOZIONE..al Teatro Lirco a Milano il 12.2.’71 ..quando MINA In Love l’ha cantata ..crollava il “Lirico” per gli applausi..lo dice anche un’articolo sul giornale..che ho conservato.
    Il mio caro Amico Bruno De Filippi..mi ha dato la registrazione del concerto..se lo vuoi te lo mando si sente io che grido a SQUARCIAGOLA ..BRAVA MINA In Love

  27. raccontaci tutto!!!

  28. Domenico/Napoli

    Piera che emozione quando ascoltai questa canzone al tour con Gaber al Politeama di Napoli; quel “vedrai” rauco, sofferto! Mi manca Mina dal vivo, quanto mi manca..ecco mi è venuto un velo di tristezza! Un bacio.

  29. PieraPaso

    Stamattina, sul giradischi..c’è una stupenda-meravigliosa cazone che la nostra MINA In Love canta è di L.Tenco
    VEDRAI VEDRAI
    si’ io “friggo” di vedere e sentire il “13”
    Quando la sera
    ritorno a casa
    non ho neanche voglia di parlare
    tu non guardarmi con quella tenerezza
    come fossi un bambino
    che rimane deluso.
    Si lo so che questa
    non è certo la vita
    che hai sognato un giorno
    per noi.
    Vedrai vedrai
    vedrai che cambierà,
    forse non sarà domani
    ma un bel giorno cambierà
    Vedrai, vedrai, no
    non son finita sai
    non so dirti come e quando
    ma vedrai che cambierà.
    Preferirei sapere che piangi
    che mi rimproveri d’averti deluso,
    e non vederti sempre così dolce
    accettare da me
    tutto quello che viene.
    Mi fa disperare il pensiero di te
    e di me che non so darti di più.
    Vedrai, vedrai
    vedrai che cambierà,
    forse non sarà domani
    ma un bel giorno cambierà,
    vedrai vedrai
    non son finita sai
    non so dirti come e quando
    ma vedrai che cambierà.
    Vedrai, vedrai, no
    non son finita sai
    non so dirti come e quando
    ma vedrai
    che cambierà.
    Grazie MINA In Love

  30. PieraPaso

    -3 …al 4.000 che piace In Love MINA
    indovinate dove?
    è un sito MAGNIFICAT..che ADORO

  31. Romeo

    Questa volta ..sono totalmente dalla parte della SIG.ra Di LUGANO(non condividevo l’entusiasmo su Mengoni)
    Chiara Ha una bellissima timbrica vocale…finalmente un suono che esce fuori cosi naturale.
    Sono sicuro che con FAZIO LA VOCE E4 LA MUSICA NE USCIRANNO VINCENTI.

  32. PieraPaso

    Stamattina, sul giradischi..c’è una bellissima canzone che la nostra MINA In Love canta è:
    UNA CANZONE
    ..si’ UNA CANZONE ..inedita “friggo” di sentirla nel “13”
    Anche stamattina è mattina,
    se potessi quasi non m’alzerei
    e questo giorno lo so
    si nascondeva da un pò
    in agguato fra i sogni miei.
    Basterebbe questa canzone
    anche se poi rimane tutto com’è,
    ma capiresti di più,
    se ti parlassi di me
    come tu non hai fatto mai.

    Una canzone
    per chi non ce la fa più,
    un’emozione
    che mi butta giù,
    che mi prende, che mi ruba.
    Una canzone anche per te
    e per quello che non c’è,
    per chi ha un sogno a metà
    e per chi non ha niente.
    Una canzone se la vuoi,
    sia che resti o te ne vai.

    Anche stamattina è mattina,
    se rimanessi qui non ci crederei,
    anche se dici di sì,
    una mattina così
    non è certo come la vorrei.
    Sembra quasi un soffio di vento
    quest’emozione che non se ne va più,
    che bussa dentro di me,
    che vuole uscire ma tu
    certamente non la sentirai.

    Una canzone
    per chi non ce la fa più,
    un’emozione
    che mi butta giù,
    che mi prende, che mi ruba.
    Una canzone anche per te
    e per quello che non c’è,
    per chi ha un sogno a metà
    e per chi non ha niente.
    Una canzone se la vuoi
    sia che resti o te ne vai,
    per un giorno che
    brucia nelle mani,
    e per oggi e per domani
    canterò
    Una canzone anche per te
    e per quello che non c’è.

    Una canzone se la vuoi
    sia che resti o te ne vai
    per un giorno che
    brucia nelle mani
    e per oggi e per domani
    canterò.
    Una canzone anche per te
    e per quello che non c’è
    Grazie MINA In Love

  33. FrancoPisa

    Io sono pienamente in linea con quello che dice NOSTRA SIGNORA.
    A me Chiara piace molto. Piu’ di tutte le altre galline – a parte la Ferreri – che attualmente razzolano nel pollaio musicale.

  34. mario basileus

    Chiara Galiazzo nell’occhio del ciclone. La sua partecipazione a Sanremo 2013 sta facendo davvero tanto rumore già ad un mese dall’evento, figuriamoci dopo! A dispetto di quella che era stata la polemica di Anna Oxa, genericamente rivolta al fenomeno dei talent show, Ornella Vanoni ha, invece, sparato pesante sostenendo l’ingiustizia della partecipazione di Chiara Galiazzo priva di storia musicale e meritevole solo del fatto di aver vinto X Factor.
    Sicuramente le parole della Vanoni sono lo specchio dell’amarezza per non essere stata nemmeno presa in considerazione come artista in gara. “Dov’è finito il Festival di Sanremo, come tutti noi abbiamo imparato a conoscerlo? Non dovrebbe rispondere ai gusti dell’Italia tutta?”.
    Fortunatamente Chiara Galiazzo ha dalla sua un grande avvocato, Mina che, dalla sua casa di Lugano, non smette di mandare segnali di grande apprezzamento per la giovane artista. “Ha grazia, stile ed una voce pazzesca” dice Mina, sottolineando anche l’umiltà della ragazza che, a dispetto di altri giovani artisti, appare modesta, quasi nemmeno consapevole del suo enorme potenziale.
    Come è possibile che due pilastri della musica leggera italiana come Mina e la Vanoni abbiano pareri così divergenti? Sarà che Mina è , oramai, fuori dai giochi, per sua volontà ovviamente, da oramai tanto tempo, per cui riesce a guardare le cose con maggiore distacco ed obiettività. I tempi sono cambiati e, per dirla tutta “Sanremo non è più Sanremo” , almeno non come abbiamo imparato a conoscerlo.
    E’ giusto che si adegui al momento storico, che risponda a quello che vuole la gente. L’importante è che non si perda mai di vista il talento, e che si tenga presente il fatto che, protagonista di Sanremo, è e deve rimanere la Canzone Italiana.
    by Francesca Verde from optimagazine

  35. PieraPaso

    Caro Mario, grazie per l’articolo che hai mandato..vedo che “La Stampa” arriva anche nella tua Svizzera meno male..cosi’ c’è l’hai potuta inviare..ha! ha!
    Ricambio i cordiali saluti con un bàsìnn speciale della
    Piera
    nazionale
    p.s.
    se Vedi MINA In Love in Via Ciani, dalle un salutino da parte mia

  36. PieraPaso

    Stamattina, sul giradischi..c’è a simpatica canzone che In Love MINA canta: UN CUCCHINO DI ZUCCHERO NEL THE
    per me lo zucchero sara’..sentire il n. “13”

    Io non ci credo agli altri, sì
    lasciali credere, loro vogliono così
    chi siamo noi per rovinare il gioco
    di chi dal mondo ha avuto molto poco.
    Lascia che credano ai Santi e ai peccatori
    e che decidano chi è dentro e chi sta fuori
    la gente ha sempre una gran voglia di nemici
    come le piante hanno bisogno di radici
    perchè un nemico nella vita sai cos’è
    un cucchiaino di zucchero nel the.

    Senza i sapori dell’avventura
    sabato sera è una noiosa fregatura
    si resta lì, reggendosi la testa.
    Lascia che credano agli angeli e all’inferno
    e se la prendano con i ladri e col governo
    la gente ha voglia di gridare e fare a botte
    come le stelle hanno bisogno della notte
    perchè un nemico nella vita sai cos’è
    un cucchiaino di zucchero nel the.
    Graz uie MINA In Love

  37. Al_Fi(e)

    Rispetto, ovviamente, il tuo pensiero. comunque quando uscì gli iscritti al club rimasero in gran parte delusi da questo disco (rileggersi le impressioni dei fans sulla fanzine dell’epoca). ma sono d’accordo con te: ognuno vive le cose in maniera personale, quindi “de gustibus”… Smile
    Al_Fi(e)

  38. Domenico/Napoli

    ‘Uagliò si gruosso!= Ragazzo sei un grande!

  39. Christian contaMINAto Mangano

    Il volume di inediti di Dracula il meno riuscito degli anni 80?

    Con tutto il rispetto per il “de gustibus”, ma non posso far altro che dissentire.

    Ricordo lo stupore nell’ascoltare per la prima volta tutte le canzoni di “Finalmente ho conosciuto il conte Dracula” (essendo fan di Mina da soli 5 anni, non è semplice scoprire ed apprezzare l’intera discografia di Mina). Oggi è uno degli album che riascolto con maggior entusiasmo e trasporto.

    Nominando “Dracula” mi vengono subito in mente la spietata “senza umanità” o la travolgente “spara” che ad ogni ascolto diventa sempre più bella, passando subito dalla delicatissima “Dopo il cielo” ed apprezzando a pieno delle doti vocali della Signora nella superba “nei miei occhi”, che nel verso “e in fondo ai miei occhi, qui dentro di me”, si lascia andare ad un “urlo” liberatorio, seguito da una serie di note alte e basse, cantate come solo lei sa fare.

    L’interrogativa “Mi mandi rose” prende prepotentemente il posto della “quasi” sdegnata “Questione di feeling”, cantata, parodiata, stufata e sempre riproposta ogni qual volta si nomini Mina, quasi come se avesse cantato solo questa canzone durante tutta la sua carriera artistica.

    Piacevole è l’ascolto di “You are my love”, “in autostrada” e “c’aggio a ffa” che creano il giusto intermezzo tra un capolavoro e l’altro.

    Al primo posto di questo gioiellino (pur essendo l’ultima traccia del disco) troviamo la grandiosa “Mio di Chi” le quali parole in merito a questo capovavoro risulterebbero vane, in quanto nessuna descriverebbe correttamente quanto sia grandiosa ed emozionante questa canzone… Solo una parola può descriverla al meglio: Mina, sinonimo da sempre di assoluta perfezione.

  40. Domenico/Napoli

    Siamo alle solite….ma quanto siamo rompi..ma vado errato o la Divina ha inciso più di mille brani! e cavolo non tutte le ciambelle escono non il buco! se vogliamo considerare che se fossero solo il 10%, e non credo, i “cosidetti veri capolavori”, significherebbe che sarebbero almeno 100 i pezzi da ritenere validi..mi sapete indicare se c’è un altro artista che potrebbe annoverare tali risultati! Mi sembra che ognuno, non parlo di noi, ma dei vari colleghi e critici/pseudo musicologi quando si tratta di Mina hanno sempre qualcosa da dire; la Signora fà sempre “odience” e ognuono si sciacqua la bocca! Uffa!

  41. Mario Ciampoli

    La canzone di Marinella – La Stampa, 29 gennaio 2013

    Invito a leggere un articolo che “La Stampa” di Torino ha pubblicato oggi in concomitanza proprio della News del Mina Fan Club.
    Al di là del fatto che l’articolo suscita un profondo interesse in sè e per sè, trovo la combinazione estremamente pertinente all’ argomento “inediti” dato il fatto che “La canzone di Marinella” è uno dei brani che Mina già scelse di fare suo.

    http://www.lastampa.it/2013/01/29/cultura/questa-di-marinella-e-la-vera-storia-Qt6YV02rtmtEXCc1i5WeeI/pagina.html

    Codiali saluti,
    Mario

  42. Al_Fi(e)

    Beh, in effetti bisogna ammettere che il volume di inediti di “Dracula” è decisamente il meno riuscito del decennio ’80 (comunque un decennio meraviglioso, per quanto riguarda la produzione mazziniana): personalmente salvo solo la deliziosa “mi mandi rose”, la splendida “mio di chi” e, in seconda battuta, “questione di feeling”, che pur essendo forse la canzone minesca di maggior successo commerciale del decennio e ormai un suo classico, non ho mai amato alla follia, e “you are my love”, che se fosse stata in italiano sarebbe stata veramente splendida…
    Al_Fi(e)

Comments have been disabled.