Il Blog

87045781_2908639945825576_1485537283976200192_n
Pubblicato: 8 mesi ago

Una storia da scansare

“Grazie, ho trascorso una serata veramente meravigliosa. Ma non è questa” (Groucho Marx)

Le esecuzioni ascoltate ieri sera in Una storia da cantare avevano almeno un pregio: ci risparmiavano per qualche minuto l’insopportabile inflessione meneghina del conduttore (al cui confronto il cumènda milanese impersonato dal compianto Guido Nicheli nei film balneari dei fratelli Vanzina pareva Giorgio Albertazzi nel Macbeth). Senza troppo infierire sulle singole prove dei volenterosi interpreti coinvolti (ma con un paio di notazioni di merito per la calligrafica e algidamente impeccabile Luna diamante di Tosca e la sorprendente E penso a te arditamente riletta da Piero Pelù), vi riproponiamo la recensione della serata redatta dal “nostro” Franco Zanetti per il “suo” rockol.it

di Franco Zanetti

Accendo raramente la televisione, se non per i programmi di informazione. Stasera, sabato 22, ho scelto, in via del tutto eccezionale, di guardare il “tributo” a Mina annunciato per una puntata di “Una storia da cantare”.
Per la prima mezz’ora non ho fatto altro che chiedermi cosa ne stesse pensando la destinataria del “tributo” (continuo a scriverlo fra virgolette, come avrete notato).
Poi mi sono interrogato su quali fossero i criteri con i quali gli autori abbiano scelto le canzoni e gli interpreti, e quale fosse – scusate la brutta parola – lo “storytelling” del programma.
Poi ho smesso di farmi domande, e ho cominciato a immaginare i dialoghi fra gli autori del programma, nello stile sarcastico e paradossale con cui, anni fa, due colleghi vivacizzavano il blog nel quale commentavano il Festival di Sanremo.
Poi ho riflettuto sul fatto che fra gli autori di “Una storia da cantare” ci sono proprio quei due colleghi, e mi sono domandato come quei due colleghi avrebbero commentato, in un loro ipotetico blog, la trasmissione che hanno contribuito a scrivere.
Poi ho considerato che non è bello, dal divano di casa, permettersi di esprimere pareri sul lavoro di due stimati colleghi.
E a quel punto ho spento la televisione (per mia fortuna dopo l’intervento di Stefano Bollani).
E sono andato a dormire, prima di ricominciare a farmi altre domande inutili.