Il Blog

Pubblicato: 8 anni ago

Morti di FM

Si è parlato e riparlato, ultimamente, delle difficoltà incontrate da Mina ad essere trasmessa in radio (Amoreunicoamore, in compenso, sta muovendosi piuttosto bene nelle medio-piccole emittenti). Ma il problema non è certamente nuovo. Leggete che cosa scriveva sull’argomento il nostro Antonio Bianchi una dozzina di anni fa...

“… Provate a pensare al pubblico delle radio. Per causa di forza maggiore, si tratta di ascoltatori onnivori – conoscono di tutto un po’ – ma supini. Subiscono le scelte altrui. E provate voi a considerare l’acquirente di dischi, colui che ascolta solo la musica che sceglie. Il più delle volte è meno “informato” rispetto al pubblico radiofonico, ma quasi sempre ha un taglio più specialistico. E’ il vero appassionato di musica, la esplora in modo più intimo e personalizzato. Rifugge gli agglomerati informi, le accozzaglie. Ese ascolta la radio è solo per trasmissioni dai contenuti un po’ più rigorosi. E spegne se sente le voci di Nek o Ligabue. Per questi due tipi di ascoltatori, la musica ha valori diversi. Addirittura contrapposti. L’ascoltatore delle radio vive di simultaneità, di compresenza: passato, presente, buono, cattivo, pop, rock, fine, sguaiato convivono. L’acquirente di dischi salvaguarda la dimensione diacronica, scandaglia separatamente epoche, stili, personaggi, filoni. Esplora, sceglie, discrimina. E il peso di un personaggio come Mina appare molto più delineato. Chi ascolta solo la modulazione di frequenza è depistato dall’abbinamento tra personaggi di spessore e personaggi dell’ultima ora. Tutto è nello stesso calderone. Tutto è contaminato, svilito dalla contrapposizione bislacca. A pagarne lo scotto maggiore sono i personaggi più ricchi e complessi. Troppa storia, troppe sfumature, troppa leggenda sono un tedio per l’ascoltatore distratto. A nessuno piace verificare la propria ignoranza…”. (Da Leggera, per chi? di Antonio Bianchi, fanzine numero 49, marzo 1998)

p.s. Occhio al nostro prossimo post: vi mostreremo in anteprima la copertina della nuova fanzine 71 pronta a settembre!

Comments
  1. PieraPaso

    Caro Dario,
    è questa chhttp://www.youtube.com/watch?v=DCtMWIDo1bIe cerchi:

  2. Gil

    Non ho capito se per “ufficiale” ti riferisci a quella in disco o a quella eseguita a Studio Uno 1961… a meno che non ne esiste una terza versione che io non conosco. Affidandomi al mio orecchio, ritengo che quella del film coincide con quella su disco mentre la versione in Studio Uno, invece, la sento impercettibilmente accelerata (e meno soft) rispetto a disco e colonna sonora e infatti c’è una differenza di 10 secondi tra i tempi di durata delle due versioni. Ma questo è normale perché anche se non è eseguita dal vivo, comunque veniva registrata in “live” nella settimana durante le prove per la puntata, così come avveniva in “Studio Uno 66” e “Sabato Sera” del ’67, a parte l’eccezione di “Hymne à l’amour” eseguita rigorosamente dal vivo.

  3. Gil

    Caro Dario,
    però almeno la Spagna non adottava il sistema “due pesi e due misure” ma, al contrario, era molto imparziale nella sua pur esagerata azione “purificatrice”. La censura italiana, invece, in alcuni casi era molto permissiva e in altri decisamente intollerante e, guarda caso, lo era di più proprio con Mina. Ma anche in altre occasioni è stata contraddittoria nelle sue azioni censorie come quando a Canzonissima 71 all’ospite Gina Lollobrigida (nel massimo splendore della sua sfolgorante bellezza) non fu consentito di indossare un costumino di scena che scopriva l’ombelico… cosa, invece, permessa a “qualcun’altra” nella stessa trasmissione. Però ora mi sorge il dubbio se è stato per motivi di censura o perché non si ammetteva che la Gina nazionale, con la sua prorompente bellezza, avrebbe poi messo troppo in ombra una conduttrice con gambe da culturista e su 20 cm di tacco per simulare un’altezza che non aveva.

  4. io adesso ho 4 gatti più 4 cuccioli,ne terrò uno…un bel Rossetto.
    Il numero conta poco pero’ per me nella perdita di Bimbo…era unico,ed aveva un posto speciale nel mio cuore.

  5. Dario

    Questa è per i super espertoni : Ho visto il film “Leoni al sole” di Vittorio Caprioli e ascoltato Mina che in una scena canta (in sottofondo) la bellissima “Giochi d’ombre” dello stesso Caprioli … a me è sembrata diversa dalla versione “ufficiale” … mi sbaglio?

  6. Dario

    Caro Gil,
    se in Italia c’era la censura pensa alla Spagna, ricordo che nello speciale alla TV spagnola dello stesso anno, Mina indossa la stessa zerogonna con i pantaloni ….
    http://www.youtube.com/watch?v=VqPre2X3aqE

  7. PieraPaso

    Caro Gil
    vedo che il mio video di INSIEME.. ti ha ispirato la tua MENTE.. certosina e hai scritto i passaggi.. censurati e non di MINA.

    Pero’ non solo le gambe.. erano censurate.. anche il movimento delle mani.. era pieno di significati.. che solo LEI sapeva fare.. che tutte cercano di imitare ANCORA oggi

    E’ vero..LEI è magnetica.. appare e incanta.. quando canta.. ci incolla al video!

    Che bello sentirti parlare di MINA perché riesci sempre a cogliere e a dire tutte le cose che pensiamo tutti della nostra Really Pissed SIGNORA PIU’ CHE MAI.

    la “grande voce” di ROTFL MINA

  8. Dario

    Felice per “Caramella”, il picture sarà sicuramente bellissimo, lo stesso dicasi per “Bau” a mio avviso una delle più belle cover degli ultimi anni.

  9. loris (Author)

    Ma che bel nick, Alessandro: identità e provenienza riassunte in una sigla ad alto tasso minoso. Come già scritto da tanti in queste colonne, l’uscita in vinile di Caramella è in previsione ma fino a dopo la pausa ferragostana ogni progetto è sospeso. Di Bau, è vero, ancora non s’intravvede l’ipotesi del vinile…

  10. Gil

    Piera adorata,

    tu che forse hai più memoria storica di me ricorderai che la Mina di “Insieme”, nel video da te proposto, all’epoca era censuratissima. Ormai la minigonna nel ‘70, a quattro anni dal suo avvento, aveva già fatto il suo tempo e le varie donne dello spettacolo si orientarono tutte verso l’abito lungo. Mina, che è andata sempre controcorrente e che è stata contro le tradizioni scontate e ripetitive, alzò la gonna oltre il consentito trasformandola da “minigonna” in “zerogonna” e questo sconvolse gli equilibri negli ambienti RAI perché le gambe di Mina, le più lunghe mai apparse sul piccolo schermo, turbavano gli spiriti diventando il sogno erotico degli italiani. Per i dirigenti RAI non faceva scalpore la Carrà che nello stesso anno in succinti costumi mostrava l’ombelico e poi, assurdamente, censuravano Mina in abiti un po’ ridotti. Giusto per dovere di cronaca, la prima a mostrare l’ombelico in TV non è stata la Carrà in Canzonissima 70 ma le gemelle Kessler in Canzonissima 69 per cu,i anche in questo, alla Carrà si attribuisce un primato indebitamente.

    Per quanto riguarda Mina in miniabito, la TV ovviò all’inconveniente dell’abito troppo corto con riprese in campo lungo (per rimpicciolire l’immagine), in campo americano (cioè dalla vita in su), dall’alto (per appiattire l’immagine) e con primissimi piani e quasi mai riprese frontali proprio perché il suo corpo statuario e le gambe lunghissime alimentavano le fantasie erotiche del pubblico maschile ma, stranamente, beneficiavano della complicità di quello femminile che ha sempre visto in Mina un modello e mai una rivale. E che dire del ’78 e cioè quando ormai in televisione non scandalizzava il dilagante turpiloquio ed il nudo integrale? Per i dirigenti RAI, invece, scandalizzava Mina che in primissimo piano si umettava per qualche secondo le labbra con la lingua in “Ancora ancora ancora” tanto da mandarne al rogo il relativo video alla maniera di “Ultimo tango a Parigi”. Comunque, a parte i miniabiti dei primi anni ’70 e qualche ammiccamento di “Ancora ancora ancora”, al contrario delle altre sue colleghe, Mina non aveva bisogno di vestirsi per attrarre e di spogliarsi per sedurre. Bastava che nel buio un forte spot, mentre cantava, illuminasse il suo viso con questi grandi occhi e la magia era fatta. La sua sola presenza emanava un magnetismo mai riscontrato nella storia della TV e dello spettacolo.

    P.S. Pierina cara, si dice che “Il postino suona sempre due volte”! Per me invece è bastata una sola volta per cui, oggi in particolare, ti dico: “W Mina”… A buon intenditore poche parole!

  11. Al_Fi(e)

    salve a tutti. qualcuno sa se è uscito (o è previsto) il vinile di “caramella”? e del vinile di “bau” si sa niente? sono gli unici due “padelloni” mazziniani che mancano al mio appello… grazie per le eventuali risposte! un minoso proseguimento di agosto a tutti! Smile
    al_fi(e)

  12. PieraPaso

    ..io questa MINA ROTFL ..vertiginosa l’ho vista dal LIVE

  13. Daniele Cai

    Cari Adoratori della Tigre,intanto c’è un errore macroscopico :nel 67 la trasmissione “Sabato sera” non era condotta da Lelio Luttazzi ma dalla sola Mina che ad ogni puntata era affiancata da un ospite diverso.Superficialità di questo genere di notizie.E poi effettivamente come ha fatto notare la saggia Piera come facevano all’epoca a contare gli ascolti non essendoci all’epoca le valutazioni odierne?Ricordo invece che l’unico strumento di allora era l’indice di gradimento,e Lei e le Sue trasmissioni avevano un gradimento (come ovvio) altissimo,tant’è che era la vedette della trasmissione di punta dell’anno.Purtroppo per ragioni anagrafiche ricordo benissimo i sabato sera dell’epoca da Studio Uno in poi e ricordo l’attesa ansiosa e direi spasmodica per rivederLa sullo schermo.Il sabato serasoprattutto quando c’era Lei’era sacro e la domenica diventava pù festiva se la sera prima avevamo vissuto le sue canzoni e la sua eleganza unica.Anche l’estate era più completa quando ci accompagnava la sua nuova canzone dai juke-box.Viva lei.

  14. PieraPaso

    ..Vi porto il saluto del Luigione,
    che oltre al gambone ha la FEBBRE DELL’ULA HOP

  15. Vassallo paleologo giuseppe

    Buongiorno e buona settimana figli della tigre….il giradischi apre questa settimana con una perla spagnola NADIE ME AMA:

    Nadie me ama, nadie me quiere
    nadie me llama, nadie me es fiel
    triste es mi vida, sin un cariño
    lloro en silencio mi desventura
    Voy por el mundo cruel de fracaso en fracaso
    llamo a la puerta del cielo que nunca traspaso
    vencida y cansada de tanto sufrir
    ruego a Dios que se apiade de mí
    Voy por el mundo cruel de fracaso en fracaso
    llamo a la puerta del cielo que nunca traspaso
    vencida y cansada de tanto sufrir
    ruego a diós que se apiade de mi
    nadie me ama, nadie me quiere

  16. PieraPaso

    ..anche io per la mia Margherita

  17. PieraPaso

    caro Mario,
    il mio vinile 5043 se lo vedi, si vede che è consumato,
    per le tante volte che ho sentito questa canzone..non c’era
    il Cd hai tempi dell’uscita di questo Album stupendo!
    Lo dedicata e sdradetica all’AMOR MIO

  18. PieraPaso

    Caro Gil,
    io non credo a queste ressurezione dei dati Auditel..
    come fanno a riprenderle?
    MINA ROTFL ..è MINA supera tutto e tutti..blocca e incolla tutti al video.
    Io friggo quando leggo questi commenti di classifiche,
    scrive bene Emilio, MINA è molto amata,questo scatena anche un po’
    di invidia secondo me.
    BUONDI’ da
    Piera

  19. mario r.

    http://www.youtube.com/watch?v=gBXpOMny7Fo

    FIUME AZZURRO

    Il mio cuore non recita più
    c’è un padrone e quello sei tu
    basta un bacio e io sento che
    sei forte più di me.
    La neve e il sole no
    insieme non si può, no.
    Qui nel buio c’è un ombra con me
    la mia pelle non chiede chi è
    fiume azzurro vai, dove arriverai
    sempre mi troverai,
    ma questa sera no
    non mi difenderò, no.
    Ma tu avrai l’onestà
    di credermi?
    Che sorprese l’amore ti dà
    nei tuoi occhi non vedo pietà
    cosa siamo noi, dove andiamo mai
    c’è chi ci guida, sai
    ma cosa dico, no
    forse mi perderò, no.
    Fiume azzurro va,
    tu sei la verità,
    quello che volevo
    non mi basta più,
    prima non sapevo,
    ora ci sei tu
    la tua bocca un nome griderà
    ora io credo
    ma tu avrai l’onestà
    di credermi?
    Che sorprese l’amore ti dà,
    nei tuoi occhi non vedo pietà
    cosa siamo noi, dove andiamo mai
    c’è chi ci guida, sai
    ma cosa dico, no
    forse mi perderò, no.
    Fiume azzurro va
    tu sei verità
    quello che volevo
    non mi basta più
    prima non sapevo
    ora ci sei tu.
    La tua bocca un nome griderà
    ora io ti credo.

  20. emilio bocchi

    è vero Gil Mina pur essendo sempre stata molto amata dal pubblico è stata spesso penalizzata da queste valutazioni e bistrattata dalla stampa..

  21. Gil

    E’ ovvio che il mio disappunto non era rivolto a te ma a dati ufficiali che, già allora, davano una dimensione errata della realtà e poiché “quei numeri” io li conosco (e li ho vissuti), ho ritenuto di rendere onore al merito con la mia precisazione.

    P.S. Io adesso ho due gatti (un exotic shorthair e la figlia), una cagnetta (una beagle), quattro tartarughe terresti che ogni anno fanno le uova, 5 tartarughe palustri e un riccio… e non è finita qui! Ma conto di parlartene in altra sede perché farlo qui mi sembrerebbe poi di abusare un po’ troppo del Blog per cose private.

  22. ma si non ho mica detto che era una disamina approfondita sulla carriera televisiva di Mina,era una segnalazione generale su gli ascolti di quel periodo MITICO della televisione.
    era un altro mondo…un altro universo…
    e noi che non l’abbiamo vissuto possiamo capire tramite quei numeri l’immensita’ della popolarità che dava quella tv.

    PS: il gattino era un maschietto si chiamava Bimbo…purtoppo non c’è più, è vissuto solo un anno…ed una parte di me è morta con lui.Lo amavo profondamente.

  23. Gil

    Caro Ivan, hai detto bene… molto interessante!

    Però, aggiungo io, anche molto riduttivo nei confronti di Mina perché i 16 milioni di telespettatori, come precisa lo stesso Auditel Rewind, si riferiscono alla media dell’intera edizione di Studio Uno di quell’anno e non ai singoli quattro cicli da 5 puntate ciascuno. I giornali dell’epoca, nel riportare poi un’esatta ripartizione riferita ai singoli cicli, indicarono quest’ordine: “prima Mina, seconda Rita pavone, terza Ornella Vanoni e, ultima, Sandra Milo. Per quanto riguarda quello di Mina, che fu il più seguito di quell’edizione, stampa e TV riferirono che la media del ciclo della Tigre fu di circa 20 milioni e una puntata in particolare (adesso non ricordo quale) superò ampiamente i 21 milioni… Insomma, forse prima anche rispetto al Sanremo di quell’anno.

    Certe valutazioni sommarie, giusto per fare un paragone, sono state fatte anche col Fantastico 87 di Adriano Celentano la cui ultima puntata fu seguita fino a mezzanotte da circa 17 milioni di persone. Però è stato poi riportato dai media che l’intera puntata aveva totalizzato meno di 11 milioni di spettatori perché fecero la media aritmetica con i 4 milioni di telespettatori che seguirono Fantastico 87 dall’una di notte fino alle quattro del mattino. Molto più furbo fu l’anno successivo Enrico Montesano che fece terminare del tutto il suo Fantastico 88 alle 23 realizzando così una cifra tonda di 11 milioni e che per Montesano fu motivo di vanto in quanto dichiarava di aver battuto in ascolti anche Celentano. Però se anche allora avessero fatto la distinzione per fasce orarie, così come si fa adesso, avrei voluto vedere con quale sfacciataggine il caro Enrico si sarebbe abbandonato ad una battuta del genere…

    Tutto questo discorso, che sicuramente poco interesserà, è solo per dire che Mina spesso è stata penalizzata (e lo è tuttora) da determinate valutazioni che vanno dalle stime dell’Auditel a quelle dei dati di vendita.

    P.S. Che dolce la gattina delle tua foto….

  24. antonio50

    Grazie per averla inserita qui…

  25. Su tvblog sta nno facendo degli approfondimenti sui dati d’ascolto della tv degli anni ’60
    ovviamente si parla anche di Mina e delle sue straordinarie trasmissioni.

    Molto interessante.

    http://www.tvblog.it/categoria/auditel-rewind

  26. PieraPaso

    Si’ caro Emilio,
    ricordo..quel bel MOMENTO MAGICO
    la nostra… ROTFL MINA..quanta EMOZIONE..ci dà

  27. emilio bocchi

    Mina e l’0rchestra…che magiche parole cara Pina e quanta verità Mina ha sempre dialogato con l’orchestra e con ogni singolo strumento accarezzandolo con lo sguardo e sfiorandolo con un leggero tocco della mano.

  28. antonio50

    Con molto piacere devo contraddirvi: Radio Subasio, una delle emittenti più ascoltate dell’Italia centrale e non solo, trasmette il brano di Mina, meglio lo programma, almeno 3 volte al giorno. Inoltre , una mia carissima amica di Napoli, è da qualche giorno che lo ascolta, con frequenza, su radio KISS KISS.

  29. emilio bocchi

    è stato il primo spoot che ho visto passato subito dopo il telegiornale, ed è stata una grande emozione rivedere Mina dopo tanti anni di immagini rubate,finalmente era li e si lasciava guardare e sentire ed è stata una grande gioia rivederla…Ricordi Piera le telefonate che ci siamo fatti durante il collegamento sul portale di Wind,non riuscivamo a collegarci oddio che ansia che c’era meno male che poi è uscito il dvd..con una Mina bellissima e strepitosa ,con la sua voglia di scherzare e di cantare,con il suo sorriso ritrovato.

  30. PieraPaso

    OGGI SONO IO..
    http://www.youtube.com/watch?v=tugf_V2xHMQ

    che Vi do’ il BUONDI’

  31. PieraPaso

    Grazie caro Mario
    è una bella song..ALLEGRIA
    è quella che ha SEMPRE SEMPRE la
    Piera

  32. PieraPaso

    grazzzzzzzzie cara Pina,
    sei stata BRAVA e gentile a mettermi il link di ROTFL SOMEDAY
    hai scritto bene..è un video speciale ..che io VORREI
    portare nelle scuole elementari-medie-superiori-università!

    auguro a te una buona ROTFL SOMEDAY..e a tutti gli amici del blog
    in primiss Loris & Remo

  33. mario r.

    http://www.youtube.com/watch?v=DeCEsaVobzE

    ALLEGRIA

    Tutta la gente per strada
    Guarda di qua e di là
    Vola nell’aria di festa
    Un aquilone sulla città.
    Una canzone per strada
    Corre di qua e di là
    Va rimbalzando nel vento
    Come una bolla che non scoppia mai
    Che non scoppia mai
    Che non scoppia mai.
    Ho spalancato le braccia
    Corro volando da te
    Cose da fine del mondo
    Stanno accadendo per me
    Stanno accadendo per me
    Stanno accadendo per me.
    Un motivo certo che c’è
    Tutto questo ha un suo perché
    L’allegria nasce da me
    Perché mi sto innamorando di te.

  34. PINA

    Piera, credo di avere individuato il link del brano che desideravi postare. Ti accontento.
    Ed ecco Mina, in “Someday”, a “Milleluci”. Ormai conosciamo queste sequenze minuto dopo minuto, ma tornare ad assistere a questo spettacolo, ci sembra sempre come fosse la prima volta.
    Sotto la direzione di Gianni Ferrio, si esibisce con la stessa orchestra che l’accompagna ormai da oltre un decennio e conosciamo la grande intesa di Mina con i suoi orchestrali, lei che li segue, ma allo stesso tempo li guida. Gli stessi che a “Studio Uno ’61, per lei, ormai al culmine della evoluzione, già in atto da qualche anno, da cantante urlatrice a cantante del repertorio classico internazionale, non riescono a frenare l’entusiasmo che sfocia in un applauso. Proprio per lei che ha appena conclusa una delle tante esibizioni che li lascia sbalorditi, lì, in quello studio televisivo, come fosse sulla scena di un grande teatro, dinanzi ad un vasto pubblico.
    http://www.youtube.com/watch?v=bsVNLEFFKuw

  35. Daniele Cai

    Un’altra cosa:forse le Sue canzoni non vengono trasmesse dalle radio non per un motivo particolare,ma perchè le cantanti nostrane in genere non sono considerate.Io sono sempre sintonizzato su Discoradio ebbene non ho mai sentito nè Pausini,Nannini,Emma,Ferreri ecc.e a dire il vero neanche cantanti maschi a parte Ligabue (sigh!) e Vasco.Dunque direi di non preoccuparcene più di tanto.La sua voce è sempre nel nostro cuore.

  36. Daniele Cai

    Cara Piera,hai perfettamente ragioneRazzer noi Lei è sempre al primo posto!Caro Francesco,forse Caramella è risalito grazie al jingle di Amoreunicoamore sigla della serie film d’amore il venerdì sera su Canale 5.A proposito:splendidi gli amarcord delle trasmissioni tv più viste degli anni 60!Sei grande.

  37. PieraPaso

    ..scusate ho fatto una Pierata
    il link di SOMEDAY ROTFL non mi è venuto bene,
    lascio metterlo a Voi
    buona sera da
    PieraSmile

  38. Lanfranco

    Ciao Unica,
    sì carissima, ce l’ho e ci sono molto affezionato perchè è stato il primo regalo che tu mi hai fatto quando ci siamo conosciuti.
    Ne approfitto per ringraziarti ancora mandarti un bacione! Smile

  39. PieraPaso

    buon weekend..a tutii VOI..http://www.youtube.com/watch?v=bsVNLEFFKuwFans
    sopratutto buana:SOMEDAY
    guardate riguardate questo video..piu’ volte al di’
    Che tenerezza che è ..MINA..quando accarezza gli orchestrali..
    VORREI essere stata li’ ad applaudirla
    Piera)

  40. PieraPaso

    ..ne aprofitto che ti vedo caro Lanfry
    per chiederti se hai il libro con la copertina rosa
    MINA-Italdisch ROTFL
    di M.Castiglioni..famm SAVE’
    tua “unica”
    Pierotta

  41. PieraPaso

    caro francesco,
    per me e per NOI fans.. ROTFL MINA
    è al primo posto SEMPRE SEMPRE
    Piera

  42. francesco cremona

    facile weekend a tutti,

    curioso, mina guadagna questa settimana due posizioni nella classifica fimi, chissà se amoreunicoamore,se avesse avuto il successo che merita, diventando l hit di questa estate, avrebbe trascinato ancora piu in alto la nostra caramella Evil Grin

    http://www.fimi.it/classifiche_artisti.php

    per curiosità

    http://www.tvblog.it/post/20734/auditel-rewind-1966

    ciao mina

    ciao tà

  43. Dario

    Grazie Emilio (per la cover) e grazie Lanfranco (per la track list) siete forti !!!
    Comunque penso sia un disco molto raro, non l’ho mai visto neanche nelle aste su E-Bay.

  44. mario r.

    http://www.youtube.com/watch?v=GHbmj-1CZxE

    Ma Chi E’ Quello Lì

    E la pasta ce l’ho già… ce l’ho già
    E non la devo comprare.
    Mmm…quel formaggio francese
    Mi sconquassa le spese
    Ci dovrò rinunciare.
    Uff…c’è la fila alla cassa
    E la voglia mi passa
    Non ho voglia di aspettare qui
    Il carrello è pesante…troppo
    E mi sono anche rotta

    Ma chi è quello lì
    Con le cosce come copertoni
    Quello lì, quello lì
    Vicino al banco dei peperoni

    Io lo devo conoscere assolutamente
    O mi scoppia la mente
    Poi non vivo più
    Se mi invento qualcosa
    Un idea brillante
    Ce ne ho sempre tante
    Che mi tirano su

    Quello lì, quello lì
    È una roba pesante lo sento
    Un vero talento…
    Andrò all’attacco al banco del the

    Scusi…
    Scusi lei…sì, lei
    Mi consiglia i pomodori migliori?!
    Sono stanca di andare in giro,
    Quelli lì ?!
    Quelli lì con l’etichetta a fiori?!
    Ah.. un consiglio prezioso
    Sa… vivo da sola
    E sono molto golosa…

    …e intanto lui se ne va
    No!… e io continuo a parlare
    E non mi ascolta più
    E in tanto lui se ne va…
    E intanto lui se ne va…no
    E intanto lui se ne va…noo
    E intanto lui se ne va…no noo

    Ma chi è quello lì
    Con le cosce come due tinozze
    Quello lì, quello lì
    Che sta passando vicino alle cozze

    Io lo devo conoscere assolutamente
    Vado lì…
    Glielo dico e non ci penso più
    Non sarà elegante
    Anche se si offende
    Non mi importa niente
    Non resisto più

    Quello lì, quello lì
    È una roba pesante lo sento
    Un vero portento…uhh
    Ora vado all’attacco
    Lui sarà per me…

    “Senti tu…
    Mi fai un buco nel cuore…
    Una roba… banale…
    Ma mi piaci…così
    Non andar via…
    Resta qui…
    Resta ancora…”

    Se n’è andato
    Non capisco perché
    Non lo doveva fare
    Ci ripenso, mentre scelgo il caffè
    Ma poteva restare
    Mah…la voglia mi passa
    Mi avvicino alla cassa
    Non ho niente più da fare qui
    Sono molto delusa troppo
    E mi sono anche rotta

    Mmm…ma chi è quello lì
    Con le cosce come carrarmati
    Quello lì, quello lì
    Vicino al banco dei surgelati

    Io lo devo conoscere assolutamente
    O mi scoppia la mente
    Poi non vivo più
    Se mi invento qualcosa
    Un idea brillante
    Ce ne ho sempre tante
    Che mi tirano su

    Quello lì,quello lì…
    È una roba pesante lo sento
    Quello lì,quello lì…
    Quello lì,quello lì…
    Un vero talento

    Ma chi è quello lì…uhh
    Con le cosce come due autobotti
    Quello lì, quello lì, quello lì
    Vicino al banco dei prosciutti cotti

    Io lo devo conoscere assolutamente
    O mi scoppia la mente
    Non esisto più

    Quello lì,quello lì…
    Con la bocca come una banana
    Quello lì, quello lì, quello lì
    Vicino alla pizza napoletana

    Lo devo conoscere assolutamente
    Mi scoppia la mente
    Non vivo più
    Quello lì, quello lì
    È una roba pesante…

  45. francesco cremona

    facile notte, se volete leggere, cosi per curiosità…..

    http://www.tvblog.it/post/20732/auditel-rewind-1964

    http://www.tvblog.it/post/20733/auditel-rewind-1965

    ciao mina

    ciao tà

  46. francesco cremona

    un Caro qualcuno ha detto, che crede che uscirà, ed io ci credo, quindi uscirà Kissed

    ciao mina

    ciao tà

  47. bobtoscano

    scusate se esco fuori dal seminato …. QUALCUNO SA SE ESCE L’LP DI “CARAMELLA”

  48. francesco cremona

    grazie a tutti, siete fantastici ragazzi, fantastici e preziosi, grazie a tutti di cuore, di vero cuore, di volami nel cuore In Love

    emilio, preparati, che per questo natale, ti verrò a trovare… Evil Grin

    cristian grazie per le date, cosi precise, non so perchè mi ricordavo tre singoli promozionali estratti da cremona, meglio cosi, tanto non ne ho neanche uno e avere soprattutto volami nel cuore, chè la mia canzone del cuore, e da cui è partito il vortice, cara pina, mi piacerebbe…… assai…

    so che voi tutti mi potete capire, tutti abbiamo una song, o un album del, cuore, per non parlare poi della canzone che fa nascere il vortice di passione per la nostra beniaMINA,,

    chissa, un giorno………… ROTFL

    lanfranco come al solito sei sempre “più” unico, ti confesso che quasi pure io escludevo la versione box natale delle musicassette, avevo postato la domanda solo per legittima curiosità,

    non ho capito solamente se la versione cd cartonata numerata di cremona era quella riservata ai giornalisti, e se includeva, la cartella stampa Struggle

    grazie, ancora a tutti, di cremona vorrei avere tutto, essendo il mio disco del cuore, inoltre mi ritrovo a vivere e a lavorare a cremona da piu di tre anni, senza contare, quasi, che le parole di mina, in rispetto alla mia lettera che le scrissi nel ormai lontano 2003 su vanity, si rilevarono profetiche, quando mi scrisse tra le altre cose,

    “…Ma, se io avessi la tua età, come si dice a Cremona, chiederei se il mondo è in vendita. …”

    grazie, mina. ti voglio troppo bene., la vita con te, è emozione allo stato puro.

    ciao mina

    ciao tà

  49. Federico Mazzini

    Mi dispiace moltissimo Luigi, ti auguro una buona e veloce guarigione.
    Un abbraccio forte!
    Ciao

Comments have been disabled.