Il Blog

minadigitale
Pubblicato: 7 anni ago

Mina EMI Official Page

Periodo di grandi novità mazziniane da Casa EMI, che ha ufficializzato oggi con un comunicato stampa non solo l’uscita – prevista per il 22 marzo - delle tre nuove raccolte poliglotte Yo soy Mina, I Am Mina e Je suis Mina, ma anche la pubblicazione in digitale dell’intero catalogo EMI della Tigre, dal 1° marzo in esclusiva su iTunes e poi – dal 1° aprile - su tutti gli store digitali, per un totale di 60 titoli che partono da Dedicato a mio padre del 1967 per arrivare a Lochness del 1993, comprendendo anche la pluridecorata Platinum Collection e il boxset completo dei 10 Del mio meglio. E intanto, a suggello di questa pioggia di emissioni, proprio in queste ore ha visto la luce su Facebook la Mina EMI official page amministrata in collaborazione col Mina fan club…

Comments
  1. pietro

    Faccio un giro su iTunes e già mi imbatto in JE SUIS MINA e I AM MINA. Spuntino veloce di JE SUIS (giusto per non rovinarmi il gusto della sorpresa di martedì prossimo). Che dire? Se non si sapesse che Lei, Mina, è una cantante di nazionalità italiana, il più sprovveduto degli ascoltatori potrebbe benissmo credere di imbattersi in una grande stella della musica francese. Mina: sbalorditiva anche in lingua d’oltralpe, pazzesca! Perché Mina non scimiotta, non imita l’altra lingua. Se ne appropria, la fa sua completamente, dimenticandosi di essere “italiana”. Mina che canta in francese sembra davvero una “cantante francese”(e le prime, concretissime avvisaglie si potevano già assaporare ad esempio in “Les cornichons”, squisito brano, ingiustamente passato un pò in sordina). Ecco, tutto qui!

  2. antoniociro

    Mai come in questo periodo sento il bisogno di un nome che ci faccia sentire veramente ITALIANI, tutti ITALIANI, di qua e di là del Pò. Ce ne sono tanti. Davvero. Ma uno solo, sopra tutti. Signori: “MINA!”

  3. Loris, perché ho ricevuto solo oggi la notifica di questo post Struggle ?!?

  4. Non so quanto di questo materiale sia effettivamente rimasto, Mario. È ricerca più da filologo che da appassionato…

  5. Splendida (e sottovalutatissima) canzone, davvero. Bravo Giuseppe Wink !

  6. Vassallo paleologo giuseppe

    A Paleos piace questo elemento Beauty

  7. loris (Author)

    E meno male che su quella povera meravigliosa città, riarsa dalla siccità per buona parte dell’anno, cade ogni tanto cade qualche salvìfica goccia d’acqua. Altrimenti i tuoi prossimi bagnetti di sole li farai in una succursale del Sahara. E che diamine!

  8. Vassallo paleologo giuseppe

    Buondì da una Palermo ormai stanca di pioggia ROTFL
    Per chiudere la nostra settimana musicale oggi un brano tratto da MINA N°0….una delle cover più divertenti dell’album ovvero GALEOTTO FU IL CANOTTO:

    Il cielo è azzurro
    il mare è blu
    per la merendina
    ci pensi tu.
    Partiamo alle cinque
    torniamo alle otto
    affittiamo un canotto

    Affittiamoci un canotto
    e prendiamo il largo verso il mare blu
    oh oh oh caro
    remo un pò io, remi un pò tu.
    Hai portato il gorgonzola
    l’emmenthal, le uova, cioccolata e the,
    oh oh oh caro
    cosa farei senza di te.
    Che idea!
    Sospinti dall’alta marea
    oh oh che idea!
    Senza la bussola, che idea!
    E poi
    due punti nell’oceano noi
    così vicini ma lontani
    nessuno tranne i pescecani.
    Ehi ma che fai?
    Non sapevo soffrissi di vertigini
    ehi non mi sbaglio
    annegando stai
    lasciami, dai
    perché coinvolgermi.
    Mentre vai giù
    non rammento di te alcuna virtù
    mentre vai giù
    io mi sento su
    via via le tue mani dal canotto.
    E vai sempre più sotto
    non ti vedo già più
    che strano uomo eri tu.

    Che strano uomo eri tu.
    Aiuto! Aiuto!
    Aiuto! Aiuto!

    Affittammo quel canotto
    e prendemmo il largo verso il mare blu
    oh oh oh caro
    adesso tu non ci sei più.
    E’ finito il gorgonzola,
    l’emmenthal, le uova, cioccolata e the,
    oh oh oh caro
    è finita anche per te.
    Colpa di quel canotto
    se sei sparito laggiù
    inghiottito dal blu
    che strano uomo eri tu,
    inghiottito dal blu
    che strano uomo eri tu.

  9. robertobagna

    Come dici tu cara Piera, simpatica la nostra Mina, Cartoline canzone deliziosa, Lei padrona del testo, della voce, del corpo, passa, passo dopo passo, fra le note e ci guarda. Come lei nessuna, in questa tv della memoria ritroviamo una freschezza e una godibilità ancora oggi bella da vedere.
    Mi piaceva Cartoline e la sbraitavo, io stonatello, felice e contento.
    Sbaglio nel ricordo o corrisponde al vero: Cartoline è stata sigla del Giro d’Italia?

  10. Che bello, grazie Mario!

  11. madameX

    Grande Vassallino

  12. madameX

    MARIO UNA NE PENSI E UN ALTRA NE FAIIIIIIIIIIIIIii..GRANDE MARIO come sempreeee..GRAZIE

  13. madameX

    GRAZIE EMILIO……………………..

  14. PieraPaso

    http://www.youtube.com/watch?v=Es-1SDNv3l8
    Simpatica la nostra Beauty MINA è quando canta la song:CARTOLINE

  15. Vassallo paleologo giuseppe

    Il periodo RIFI di Mina, sebbene abusato da troppe piccole etichette per vendere le loro becere compilation, rimane splendido ed anche canzoncine minori come questa sono deliziosissime all’ascolto: CARTOLINE.

    Non capisco che
    cosa intendi dire
    quando dici che
    quando dici che mi ami
    che mi ami da morire
    quando invece passi il tempo
    a girare per il mondo
    e non ti fermi mai.
    Quando capirai
    che l’amore mio
    non può restare solo
    non vive solamente
    di parole
    scritte sulle cartoline
    che mi mandi ogni volta
    che vai in giro per
    le strade del mondo.
    Non capisco
    cosa intendi fare quando
    mi spedisci cartoline
    con vedute delle piazze
    delle piazze principali
    dei paesi dove passi
    quando in giro vai.
    Quando capirai
    che l’amore mio
    non può restare solo
    non vive solamente
    di parole
    scritte sulle cartoline
    che mi mandi ogni volta
    che vai in giro per
    le strade del mondo.

  16. francesco cremona

    perchè sanremo è sanremo,

    e mina è mina, sempre unica nelle sue risposte,

    e ci piace quando parla di musica,

    ( ultimamente sembra più spesso, e di sanremoWink

    specie se a porle la domanda è un caro qualcuno di noi,.,.

    http://minapervoi.vanityfair.it/

    ciao mina

    ciao tà

  17. Domenico/Napoli

    Il primo bassorilievo è senza dubbio il più bello! Ci sono anch’io…eh! alla faccia della modestia! Really Pissed

  18. PieraPaso

    un’AVE MARIA
    di DALLA TERRA..dedicata a tuo zio!

  19. emilio bocchi

    http://thumbsnap.com/uG5fZ9yU

    E’ uscito in edicola Scarpette rosa.

  20. francesco cremona

    facile marzo a tutti,

    in edicola il riformista oggi, su un servizio dei 150anni dell’ unit, e di alto gradimento, una piccola foto di mina con arbore.

    ciao mina

    ciao tà

  21. francesco cremona

    dall’ ultimo numero di vanity

    risposta di mina.

    “… i Duran mi chiedi,
    tempo fa volevo rifare SAVE A PRAYER e non è detto che non la metta nel prossimo album…”

    ciao mina

    ciao tà

  22. Sergio

    Loris lo so che questo blog NON è destinato a cose personali, ma dato che vi considero miei amici, vorrei condividere con voi questo mio dolore. Vorrei dare di cuore un ultimo affettuoso saluto a mio zio che stamattina presto ci ha lasciati. Ciao zio, riposa in pace fra gli angeli del Paradiso!!

  23. PieraPaso

    Patrimonio”speciale” della comunita’ ITALIANA Silly

  24. PieraPaso

    http://www.youtube.com/watch?v=eYMAEG2pku4
    Bellissssima canzone è IL CIGNO DELL’AMORE
    piena di virtualismi raffinati..ascoltiamola con immenso piacere. la nostra “Grande VOCE” Cute MINA

  25. Vassallo paleologo giuseppe

    Anno 1982 nostra Sig.ra incide un album modernissimo tanto che il primo singolo “Morirò per te” spopola nelle discoteche…..dall’album oggi ascoltiamo IL CIGNO DELL’AMORE:

    L’inverno no
    non porterò nel cuore
    perdonerò
    il cigno dell’amore un segno lascerà
    il sole spegnerà
    le mie giornate, poi
    accenderà la luna.
    Ti porterà
    mi porterà fortuna
    non chiuderai le ciglia
    per restare sveglia, questo no
    nelle tue lacrime
    più prigioniera mai
    il primo amore scorderai.
    Non le spaccherà la noia
    le ginocchia ma la gioia
    e l’ebbrezza del tuo vino
    non offenderà nessuno
    non affiorerà l’inganno
    le parole senza affanno
    sono un lago nel mio cuore
    per chi ha voglia di nuotare.
    L’inverno no
    non porterò nel cuore
    perdonerò
    il cigno dell’amore un segno lascerà
    e quelle lacrime
    di prigioniera mai
    il primo amore scorderai.
    Non le spaccherà la noia
    le ginocchia ma la gioia
    e l’ebbrezza del tuo vino
    non offenderà nessuno
    non affiorerà l’inganno
    le parole senza affanno
    sono un lago nel mio cuore
    per chi ha voglia di nuotare.

    Non le spaccherà la noia
    le ginocchia ma la gioia
    e l’ebbrezza del tuo vino
    non offenderà nessuno
    non affiorerà l’inganno
    le parole senza affanno
    sono un lago nel mio cuore
    per chi ha voglia di nuotare.

  26. mario basileus

    quale titolo?

  27. mario r.

    la Repubblica – Giovedì, 9 marzo 2000 – pagina 45
    di CARLO MORETTI

    E per il programma di Renato Zero reciterà un testo poetico e farà un duetto su “Tutti gli Zeri del mondo”
    ORA MINA CANTA IN LATINO IN UN DISCO DI INNI SACRI

    ROMA – Mina canta in latino e si trasforma in voce narrante per Renato Zero. è decisamente un periodo di grandi novità per la cantante di Cremona: in cantiere c’ è un disco di arie sacre da Monteverdi, Pergolesi e Bach, mentre a breve scadenza, con la prima trasmissione di “Tutti gli Zeri del mondo”, condotta da Renato Zero a partire dal 21 marzo su RaiUno, scopriremo la voce di Mina impegnata anche in un inedito “recitato”. La sigla di testa del programma è infatti una versione musicale del brano omonimo Tutti gli Zeri del mondo che i due artisti interpretano poi in duetto nella sigla di coda. Il testo dell’ apertura, scritto da Renato Zero, che Mina recita fuori campo sulla base musicale, “è – dicono i bene informati – un brano poetico che narra di uomini dalle vite difficili, complicate, “zeri” come lo è stato Renato. Persone che in fondo al tunnel della propria esistenza intravedono però la luce della propria realizzazione come esseri umani”. Mina interpreta insomma l’ incipit di una sorta di viaggio che inizia e che in mezzo a tante difficoltà prevede un “lieto fine”, quell’ atmosfera di pacificazione che lo stesso Renato Zero ha affidato ai suoi ultimi dischi, a partire da L’ imperfetto, e specialmente in canzoni come Cercami e Nei giardini che nessuno sa, senza per questo ripudiare i vecchi successi degli esordi, dal Triangolo no a Il carrozzone. Vista l’ impossibilità di averla come ospite in studio, gli autori del programma starebbero tentando di convincere Mina ad intervenire in diretta almeno per telefono, cosa già fallita agli autori del programma di Adriano Celentano “Francamente me ne infischio”. Per quanto riguarda il disco di arie sacre cantate da Mina è certo che il progetto è già in lavorazione, almeno per quanto riguarda la scelta dei brani e la scrittura degli inediti affidati a Monsignor Marco Frisina, un’ autorità nel campo delle composizioni di ispirazione religiosa. Ed è anche noto il nome dell’ arrangiatore dei brani tradizionali, il maestro Gianni Ferrio. La scaletta del disco, che potrebbe anche uscire ad Anno Santo ormai concluso, prevede arie sacre dal repertorio di Monteverdi, Pergolesi e Bach e due inediti di Monsignor Frisina che ha musicato brani tradizionali e scritto appositamente due testi in latino. Per Mina, che ha cantato praticamente in tutte le lingue, anche le più lontane da quelle di ceppo indoeuropeo, come il giapponese, ciò non dovrebbe costituire un problema. Spiega, dagli studi di registrazione di Lugano, Massimiliano Pani, figlio della cantante ma soprattutto suo produttore artistico. “Voglio dire subito che considero prematuro anche parlare di questo progetto. D’ altronde sono abituato, i fan di Mina sono i più agguerriti per le indiscrezioni, ma come avete visto l’ omaggio a Modugno, di cui si parla ormai da due anni, non è ancora stato pubblicato. Quel che è certo è che l’ idea del disco c’ è, che abbiamo coinvolto Monsignor Frisina, un ottimo compositore, ma si tratta di uno dei tanti progetti, e sono circa dieci, su cui stiamo lavorando”. Massimiliano Pani tiene a precisare l’ assoluta indipendenza di questa scelta rispetto al Giubileo: “Lontano da noi l’ idea di sfruttare la scadenza dell’ Anno Santo. è un disco di arie sacre ma poteva essere una compilation di Bossa Nova, il rispetto per la musica sarebbe stato lo stesso. Piuttosto si tratta di una ricerca filologica, liturgica, musicale. Insomma, una sorta di “Il meglio di…” scelto da Mina, in linea con le selezioni che ha voluto e interpretato nella sua carriera”.

  28. francesco cremona

    uaw,

    vi ricordo oggi in edicola con sorrisi, libro più dvd su sanremo 59-63, la nostra mina in copertina,

    inoltre sulle pagine di vanity, mina parla di musica, di alex baroni, spandau, duran duran, e ( forse forse Evil Grin ) ci regala un altro titolo della mina perduta ( o prossima??)

    ciao mina

    ciao tà

  29. mario basileus

    Canzone di una bellezza struggente

  30. Arriva Lei

  31. mario basileus

    mariobasileus@alice.it
    GRAZIE MILLE!!!

  32. mario r.

    la Repubblica
    (oggi)
    http://thumbsnap.com/VAR2aDWD

  33. PieraPaso

    http://www.youtube.com/watch?v=RsGJDGVrIuA
    ascoltiamo la “Grande Voce” di In Love MINA ch canta questa song:
    I SOGNO DI UN SEMPLICE
    la rende lirica, e incanta.
    grazie MINA

  34. mario dimmi dive ti devo mandare il file di I GOT RITYHM. è l’unico della tua lista che ho. il resto lo sto cercando da anni. grazie per aver aggiornato la mia lista di inediti introvabili.

  35. Vassallo paleologo giuseppe

    Che bello leggere tutte queste news….GRAZIE LORIS Beauty
    Stamattina cominciamo la giornata con una brano firmato Califano/Pes per l’album AMANTI DI VALORE del 1973….il brano è I SOGNI DI UN SEMPLICE:

    Dei sogni di un semplice resta
    dei libri, una pipa, me stessa
    che ho avuto l’onore di amarti
    in quella stagione dimessa
    in quella stagione dimessa

    Tesori di un uomo tranquillo
    la macchina nuova in arrivo
    e corse nei campi di grano
    da allora che pane cattivo
    da allora che pane cattivo

    Mio Dio, come piango stasera
    nel prato in cui noi ridevamo
    felici del cielo che c’era
    e tu scomparivi pian piano
    e tu scomparivi pian piano

    Nessuno sopravvive a se stesso
    tutto è illusione, tutto è altrove
    tu che sorridevi impegnato a vivere
    una vita che non ti ha sorriso mai

    Sei stato un esempio di vita
    mio bene, mia fede, mio onore
    dicendo che appena finita
    sarebbe cessato il dolore
    sarebbe cessato il dolore

    Dei sogni di un semplice resta
    la forza che hai avuto nel viso
    nel dirmi beato chi muore
    e sa a chi lasciare un sorriso
    e sa a chi lasciare un sorriso

  36. miguel angel lodeiro

    Cuando va a llegar algun material de Mina a la Argentina EMI? Beauty

  37. emilio bocchi

    Mario di queste cose ho un vago ricordo offuscato dal tempo ,certo che è stato uno scempio aver permesso che queste meraviglie andassero perse,temo ormai per sempre.

  38. pietro

    Perché dovresti (ri) tornare, Mina.
    Il decennale di MINA IN STUDIO, il quarantennale dalla pubblicazione di un album-capolavoro che porta semplicemente il nome dell’Artista in copertina (quello della SCIMMIA), l’incisione di due dischi di inediti di impressionante modernità (e bellezza) quali FACILE e CARAMELLA, tutto ciò basterebbe per un “normale” acquirente di dischi (musica) o semplicemente “affezionato” a garantire per sé un inossidabile domani. Ma qui si parla di MINA e allora la posta in gioco si fa più alta… Perché il solo (ri)portare alla memoria – qualora ve ne fosse bisogno – dimostrazioni di siffatto valore meriterebbero ben più adeguate e convenienti trattazioni… Mentre nel ’71 Mina metteva in copertina una scimmia, (primo LP in Italia ad apparire senza titolo e per giunta con un animale in bella vista) in un album capace di fondere una classicità ancora oggi inarrivabile, soffusa, spruzzata da venature di un intimismo da rasentare la “confessione” con l’allora modernità di brani divenuti oggi, a ragione, memoria collettiva… quarant’anni dopo, al limite dell’insperato/impensabile, Mina (ri)portava se stessa all’attenzione di tutti con un video-documento di rara sintesi. Sintesi di una modalità di lavoro per niente auto-celebrativa, quanto illuminante – qualora ve ne fosse bisogno –circa il suo approccio alla Musica e al suo divenire. Perché dico tutto ciò, che potrebbe beninteso apparire di una banalità quasi sconcertante? Perché imperativo è il segno che Mina lascia ogni qualvolta decide di imprimere un (nuovo) graffio al consueto, al prevedibile, al possibile e al probabile.
    Fa(i) qualcosa – e non a caso cito uno dei tuoi momenti musicali più illuminanti a dispetto dell’apparente levità, Mina fa qualcosa. E mentre ci rassicura sapere che sei in studio a lavorare per noi per nuovi progetti, dacci un segno, ancora, della tua tangibile presenza. Come vuoi. Dai (ancora) una scossa a questo, a tratti (???!!) desolante palcoscenico della musica che finisce col far credere ai più che ciò che stiamo ascoltiamo e vedendo è il nostro oggi (e dunque il nostro futuro, musicale).
    Che bello però – ennesimo segno o segnale, ma tuttavia enorme regalo – vederti di nuovo negli scaffali di dischi tra una ventina di giorni con questa triplice raccolta, da tempo sospirata… mentre il sottoscritto, tuttavia, non si stanca di ascoltarti nel remake-capolavoro di “Parole parole” con quella bella testa pensante di Niccolò Fabi.
    Che dire, allora e ancora: Grazie, Mina!!!

  39. mario basileus

    ALLA RICERCA DELLA MINA PERDUTA ( irrimediabilmente? )

    C’è qualcuno che possiede anche solo in audio queste canzoni di Mina introvabili?

    CAROSELLO PASTA COMBATTENTI
    Bambina innamorata

    CAROSELLO BIRRA
    Comm’è bello fa’ l’amore quanno è sera ( Anna Magnani )
    Everybody sings ( Judy Garland )
    Le rose rosse ( Anna Fougez )
    J’ai deux amours ( Josephine Baker )
    Yes sir, that’s my baby ( Lola )
    Arcobaleno ( Judy Garland )
    Kiss ( Marylin Monroe )
    I want to be happy ( Clara Bow )
    Ça c’est Paris ( Mistinguette )
    Canta come la Bella Otero

    MINA IN TV
    Tu, lei, noi (con Delia Scala) ( Pre-sigla Canzonissima 1959 )
    E’ vero ( duettata con Umberto Bindi )
    ( 3a puntata Canzonissima 1960 )
    Duetto con Nicola Arigliano ( da Sentimentale 1960 )
    Duetto con Marino Marini ( da Sentimentale 1960 )
    Duetto con Wilma De Angelis ( da Sentimentale 1960 )
    Malatia con Maria Paris ( da Sentimentale 1960 )
    Concertino ( da Buone Vacanze 1960 )
    ‘O saracino ( 8a puntata Canzonissima 1960 )
    Violino tzigano ( 13a puntata Canzonissima 1960 )
    Love in Portofino ( duetto con Emilio Pericoli – ultima puntata Canzonissima del 6 Gennaio 1961 )
    A foggy day ( ? )
    Duetto con Nilla Pizzi ( da Tempo di Musica 1961 )
    Io amo tu ami ( live Sanremo 1961 )
    I got rhythm ( 4a puntata Studio Uno 1961 )
    Quando ti stringi a me ( I’m in the mood for love )
    ( 7a puntata Studio Uno 1961 – 62 )
    Dadaunpa( con Caterina Valente – 8a puntata Studio Uno 1961 )
    Pippo dammi la mala ( Alla ribalta : Mina – 1964 )
    Romanze da Tosca ( Vissi d’arte ) ed Elisir d’amore
    ( Alla Ribalta : Mina – 1964 )
    Scena da Otello ( Alla ribalta : Mina – 1964 )
    Può qualcuno spiegare(Can anyone explain)
    ( Alla Ribalta: Mina 1964)
    Prendi una matita ( Alla ribalta : Mina – 1964 )
    Munasterio ‘e Santa Chiara ( Alla ribalta : Mina – 1964 )
    Una lacrima sul viso ( ? )
    Incontro con Ornella Vanoni ( 1964 o 1965 ? )
    Passione ( da Napoli contro tutti – 1964 )
    ‘Na sera ‘e maggio ( da Napoli contro tutti – 1964 )
    Letkiss ( con le Gemelle Kessler da Studio Uno 1965 o 1966 )
    Fantasia con Pino Donaggio, Ornella Vanoni e Shirley Bassey
    ( da Romantico Veneziano 1971 )

    ALTRO

    Non usciamo amor stasera ( 1° Festival del Musichiere 1959 )
    Cieli rosa e blu (Due giornate della canzone napoletana 1960 )

  40. dracula

    scusate la mia domanda,ma i ragazzi sono ancora riuchiusi nel salottificio di nostra madame? con la mina?

  41. PieraPaso

    Mamma mia quante uscite ci dà la nostra Silly MINA
    come faro’??
    Piera
    spera che prima o poi li prenderà tutti!

Comments have been disabled.