Il Blog

Pubblicato: 11 anni ago

Milleluci a San Siro

“Ho chiamato Massimiliano e gli ho chiesto di farmi un regalo per i miei quasi settant’anni. Gli ho detto che volevo rifare Luci a San Siro con un intervento vocale di Mina, che poteva fare qualsiasi cosa. Una frase, una riga, una parola. Quasi subito è arrivato l’assenso di Mina, le ho mandato la base e in due giorni Max mi ha detto che era pronta. Lei è stata geniale perché praticamente ha deciso di fare sua la risposta che era nelle righe del testo: ‘Scrivi Vecchioni, scrivi canzoni…’. Una interpretazione magistrale, a voce spiegata”. Con queste parole, girateci fresche fresche dall’amico Stefano Crippa de Il Manifesto, Roberto Vecchioni ha raccontato oggi ai giornalisti i retroscena del suo duetto con Mina nella new version sua più celebre canzone. A proposito della quale, nelle note introduttive dell’album doppio I colori del buio nei negozi da martedì 29 novembre, Michele Serra ha scritto: “La voce di Mina in Luci a San Siro è un colpo al cuore, una meraviglia. Appena attacca lei, è come se si accendessero di colpo tutti i riflettori dello stadio, via la notte, via la nebbia, via la tristezza. Non mi fraintendere, Roberto, canti benissimo anche tu. Ma insomma, Mina…”.

Comments
  1. PieraPaso

    Su Tele Sette N.49- della prossima settimana, a pag.122
    leggo articolo sul PICCOLINO..viene decantato superbamente e dice della copertina dell’Album disegnata da.. Gianni Ronco…rappresenta una MINA/Anunnaki(personaggio della mitologia sumera,ritenuto per alcuni un alieno)

  2. mario basileus

    Carissima Piera LA CASA DEL NORD è di MAX.
    P.S. Piccioncino in arrivo…

  3. PieraPaso

    http://www.youtube.com/watch?v=GWhzppaMKJY
    Ascoltiamo..MINA che canta questa bellisssima
    canzone di I.Fossati
    LA CASA DEL NORD..per me è un capolavORO
    Grazie MINA Kiss

  4. Vassallo paleologo giuseppe

    Stamattina mi son svegliato con le CATENE per la mente e LA CASA DEL NORD da canticchiare Smile

    Com’è scura questa stanza d’ammazzare
    vecchie mura odor di muffa e di mare
    non c’è Vienna con la musica da amare
    calpestando vecchi dischi da buttare.
    Solo specchi sporchi e dei vetri
    i riflessi son muti spettri
    aquiloni persi nel vento freddo del nord.
    E riemergon dal silenzio
    strane voci udite mai
    strani scherzi gioca il vento
    un giorno tornerai
    e riportami il mio cuore
    gran destino più che mai
    sconosciuto dolce amore
    cogli e ancora accarezza gli occhi miei.
    Con le dita sopra i vetri abbozzare
    dei fumetti che ricordano le sere
    quante storie calpestate nel mio cuore
    sopra queste quattro vecchie mura amare.
    Solo specchi sporchi e dei vetri
    i riflessi son muti spettri
    aquiloni persi nel vento freddo del nord.
    E riemergon dal silenzio
    strane voci udite mai
    strani scherzi gioca il vento
    un giorno tornerai
    e riportami il mio cuore
    gran destino più che mai
    sconosciuto dolce amore
    cogli e ancora accarezza gli occhi miei.
    E riportami il mio cuore
    gran destino più che mai
    sconosciuto dolce amore
    cogli e ancora accarezza gli occhi miei

  5. MarioBeda

    Su Vanity fair, piccola intervista con il Dr. Roberto/ Stefano Gislon che parla del suo incontro con Mina

  6. Valerio

    Bella canzone, più che bellissimo l’intervento della nostra Smile

  7. Diego

    c.v.d.

  8. loris (Author)

    Grazie. Mauro, davvero un gran bel commento. Come tutti quelli che scrivi tu!

  9. Luci a San Siro…un capolavoro che Lei nobilita non si sa neppure come..non ci sono altre parole…
    per Ainda Bem scelta come singolo invece direi che basta cliccare su http://www.earone.it per scoprire come oggi NESSUNA RADIO l’ha trasmessa o meglio, non nella versione di Mina…
    povero Piccolino…

  10. pietro

    E bravo Mario, concordo appieno! E dopo ripetuti ascolti, PICCOLINO si conferma a pieno titolo, e in assoluto, una pietra miliare nella sterminata discografia di Mina.

  11. mario basileus

    Finalmente ho ricevuto tramite corriere PICCOLINO-DELUXE.
    E’ bello averlo tra le mani e ascoltare per intero le canzoni.
    Gli aggettivi ora li posso attribuire con cognizione di causa.
    Compagna di viaggio :
    struggente
    Matrioska :
    vertiginosa
    Questa canzone :
    commuovente
    Ainda Bem :
    ipnotica
    Brucio di te :
    sbalorditiva
    Canzone maledetta :
    stupefacente
    L’uomo dell’autunno :
    fascinosa
    Fuori città :
    avvolgente ;
    Fly away : beatlesiana E così sia :
    spettacolare !
    Only this song : sognante
    Rattarira : sorprendente Armoniche convergenze :
    sinusoidale Dr. Roberto :
    folleggiante !!

    GRAZIE EXTRA – GALATTICA MINA DA DIECI E LODE !!!

  12. PieraPaso

    Bel ricordo, grazie Mario

  13. secondo me la canzone non parla dello “spirito” di qualcuno che non c’è più… ma dellìanima di ciascuno di noi.
    Non so…

    Ps: io Faletti lo adoro come compositore.
    L’intero album che ha scrito per Milva è un CAPOLAVORO ASSOLUTO.
    Splendido….

  14. mauro

    Amici che non vedo mai,
    di ritorno da un breve periodo trascorso in un Paese in cui un regime grigio e autoritario soffoca ogni giorno di più diritti, speranze e sogni (la Bielorussia)ma dove ho conservato amicizie ed affetti che ogni tanto non posso fare a meno di andare a ritrovare, rientro con difficoltà nella mia vita quotidiana e per fortuna trovo ad accogliermi il tanto sospirato(nella desolante terra dell’Est)nuovo disco di Mina.
    Per me, dunque, Piccolino è nato con otto giorni di ritardo, senza singoli, anteprime, commenti, ecc.
    Meglio così, forse, perchè l’ascolto più emozionante, il primo, non potrebbe essere più vergine di così.
    Infatti l’ascolto con l’animo di chi, dopo essere stato come privato dell’uso dei 5 sensi, d’improvviso li riacquista in un solo attimo, anzi: ne scopre di nuovi, ancora più meravigliosi, proprio perchè sconosciuti.
    E’ così che canta Mina in Piccolino dentro di me.
    Canzoni bellissime e una voce davvero senza età, piena di tesori e magie, un raggio laser che esplora ogni dove, che perfora e s’innalza, sconvolge e risana.
    Extraterrestre, marziana? Dalla splendida confezione del cd si direbbe che sia così.
    Ma a sentirla cantare in queste nuove canzoni a me sembra che invece Lei sia sempre più intensamente Umana.
    Che in questa nostra realtà rovesciata, dove tutto è confusione e precarietà, nella politica come nell’arte, nelle idee e nell’amore, solo Lei con il suo canto abbia il dono di ridare il giusto senso a ciò che l’aveva smarrito, all’Arte, alla Vita.
    E mi accorgo che la Sua voce non arriva dallo Spazio infinito ma proprio dalla Terra, da questa nostra Terra.
    E’ la “nostra voce”, quella più vera, quella che nessuno potrebbe clonare, soffocare.
    Questa voce forte e chiara, allegra o dolente, preziosa come una preghiera, questa voce che riesce a guarire e dissetare, che cancella ogni umiliazione e porta il gusto della gioia.
    No, non riesco a fare preferenze tra le canzoni di Piccolino, ma solo a commuovermi ascoltando la voce di Mina, ancora una volta uguale e diversa, dopo anni e anni sempre Lei, senza alcun bisogno di definizione e spiegazione.
    Solo la Sua voce, mi basta per tornare a sentirmi vivo.
    Grazie.

  15. Lanfranco

    Grande Mario Basileus.

    In poche ore 3 interventi che, personalmente, trovo uno più interessante e condivisibile dell’altro.
    La memoria: il doveroso ricordo di Rossano.
    La tecnica: il puntuale, preciso, prezioso aggiornamento sull’immensa produzione della Signora.
    Il gusto: il commento su COMPAGNA DI VIAGGIO (anche per me la canzone più bella del disco, il brano che vorresti non finisse mai) e la delusione per DETTAGLI di una Giorgia pur brava in altri contesti ma decisamente imbarazzante in questa occasione mancata.

    Grazie Mario, è un piacere leggerti.

  16. PieraPaso

    http://www.youtube.com/watch?v=HqYH5SDq1y8
    ecco LUCI A SAN SIRO
    io faccio fatica a sentire Vecchioni
    grazie a MINA Kiss

  17. Vassallo paleologo giuseppe

    E’ già mattino ed ho nella testa la bellissima versione Mina/Vecchioni di LUCI A SAN SIRO:

    Hanno ragione, hanno ragione
    mi han detto:”E’ vecchio tutto quello che lei fa,
    parli di donne da buon costume,
    di questo han voglia se non l’ha capito già”
    E che gli dico:”Guardi non posso, io quando ho
    amato
    ho amato dentro gli occhi suoi,
    magari anche fra le sue braccia
    ma ho sempre pianto per la sua felicità”
    Luci a San Siro di quella sera
    che c’è di strano siamo stati tutti là,
    ricordi il gioco dentro la nebbia?
    Tu ti nascondi e se ti trovo ti amo là.
    Ma stai barando, tu stai gridando,
    così non vale, è troppo facile così
    trovarti amarti giocare il tempo
    sull’erba morta con il freddo che fa qui

    Ma il tempo emigra mi han messo in mezzo
    non son capace più di dire un solo no
    Ti vedo e a volte ti vorrei dire
    ma questa gente intorno a noi che cosa fa?
    Fa la mia vita, fa la tua vita
    tanto doveva prima o poi finire lì
    ridevi e forse avevi un fiore
    ti ho capita, non mi hai capito mai

    Scrivi vecchioni, scrivi canzoni
    che più ne scrivi più sei bravo e fai danè
    tanto che importa a chi le ascolta
    se lei c’è stata o non c’è stata e lei chi è?
    Fatti pagare, fatti valere
    più abbassi il capo più ti dicono di si
    e se hai le mani sporche che importa

    tienile chiuse e nessuno lo saprà

    Milano mia portami via, fa tanto freddo,
    ho schifo e non ne posso più,
    facciamo un cambio prenditi pure
    quel po’ di soldi quel po’ di celebrità
    ma dammi indietro la mia seicento,
    i miei vent’anni e una ragazza che tu sai
    Milano scusa stavo scherzando,
    luci a San Siro non ne accenderanno più.

  18. mario basileus

    La prima versione di LUCI A SAN SIRO si intitolava HO PERSO IL CONTO e fu presentata nel lontanio 1971 al DISCO PER l’ESTATE da un giovane cantante barese: Rossano.
    Rossano nel 1976 concluse poi la sua breve vita in una stanza di albergo a New york impiccandosi. Aveva solo trent’anni.
    Ricordiamolo questo ragazzo dalla voce dolce che faceva anche parte della scuderia di Mina e che una volta, quando Mina lo ospitò a casa sua a Lugano, dichiarò la sua grande sorpresa nel trovarla una donna vera, antidiva per eccellenza, che amava stare in casa a lavorare a maglia.

  19. PINA

    Grazie, Mario.
    Se la memoria non mi inganna, questa foto è stata scattata durante una delle tre serate (16, 17, o 18 gennaio 1970) a Sanremo, in occasione dell’apertura del primo tour di Mina con Giorgio Gaber.
    Come sarebbe interessante ricostruire tutte le tappe, sia del ‘70, che del ’71! Risalire alle date, i teatri. Alcuni li conosco. Di molti ne sono all’oscuro. Ci potrebbero aiutare a ricomporre il mosaico, sia tanti di noi fans, che anche i musicisti che l’hanno accompagnata, i collaboratori, gli addetti ai lavori. Sarebbe prezioso anche per il lavoro che aveva iniziato Massimo Catti (Max, a che punto siamo?).
    Vi mando un caro saluto e, scusate… vado un attimo di là… a San Siro… Vecchioni grande!… “scrivi, Vecchioni, scrivi canzoni…” che, appena arriva lei, si accendono le Milleluci che ci abbagliano ascoltando quella grande voce.

  20. mario basileus

    GRAZIE, ricambio di cuore !

  21. ciano forma

    Mina ha fatto un altro miracolo…
    Faletti ha scritto una bellissima canzone
    e Mina ha trovato una voce bellissima per trasmettere la sua emozione che ci arriva forte e tenerissima allo stesso tempo..
    e come sa dire “accanto a te, CON TE”.
    un miracolo che ci fa capire quanti tesori ancora Mina può trasmetterci e sembra che non possa esistere nessun limite per lei quando sa trovare l’ispirazione come qui:
    la sua voce diventa pura delicata eterea trasparente ma entra di più nei nostri cuori e non ci lascia più…
    mario
    un saluto a mario b(asileus)
    [Vote]

  22. ciano forma

    Mina ha fatto un altro miracolo…
    Faletti ha scritto una bellissima canzone
    e Mina ha trovato una voce bellissima per trasmettere la sua emozione che ci arriva forte e tenerissima allo stesso tempo..
    e come sa dire “accanto a te, CON TE”.
    un miracolo che ci fa capire quanti tesori ancora Mina può trasmetterci e sembra che non possa esistere nessun limite per lei quando sa trovare l’ispirazione come qui:
    la sua voce diventa pura delicata eterea trasparente ma entra di più nei nostri cuori e non ci lascia più…

  23. mario basileus

    Carissima Piera, me lo mandi il tuo indirizzo di casa così avrai 2912 sorprese…
    mariobsileus@alice.it

  24. PieraPaso

    Complimenti caro Mario
    per la tua MAGNIFICAT..contabilità..di MINA Kiss
    che “friggo” di ricevere presto,..un bel numero
    bàsìnn mìlànès PICCOLINO da
    Piera

  25. PieraPaso

    grazie caro Diego,
    si la nostra MINA..è stra-BRAVA Kiss
    Vecchioni non mi dà Emozioni
    io SOGNO..un duetto con M.Ranieri che cantano la song…
    L’Istrione
    Piera
    lo spera
    Le scrivero’ di farlo

  26. PieraPaso

    Mi piace la tua MINA Kiss
    Buona sera da
    Piera

  27. Gianni

    Più di 50 anni di canto e non sentirli per niente…
    Proprio come dice il post:
    “Milleluci a San Siro”.
    Sento in cuffia questo bel pezzo e mi ritrovo a vedere nella mia mente la Mina dei varietà del sabato sera,quando duettava con l’ospite di turno, mancano solo gli applausi a scena aperta.
    Non sò perchè, ma l’atmosfera mi sembra proprio quella…
    Che sia per la melodia tipica di quegli anni o per la ancor Freschissima Voce della Nostra?
    Grazie Mina! Grazie davvero!

  28. mario r.

    Buon Pomeriggio con Piccolino e la Grande Mina.
    http://thumbsnap.com/FlvACqsr

  29. Beppe76tv

    Ciao a tutti, ad una settimana dall’uscita, mi sento pronto per condividere con voi alcune impressioni.
    Piccolino è un gran disco e racchiude in sé tante Mine, è un disco di Mina che sa di Mina ed è credibile solo sulla bocca di Mina.

    Le canzoni sono tutte belle e cantate benissimo e non sono d’accordo con chi dice che è un disco fuori dalle mode, è un disco che suona comunque moderno ma anche elegante e raffinato.

    Questa Mina 2011 è comparabile alla Mina del 1977 quella di Mina con bignè,difatti i due dischi si assomigliano molto, ci sono i pezzi struggenti come Questa canzone e Compagna di viaggio o Brucio di tè che potrebbero essere affiancate benissimo a da capo a giorni o a ormai c’è la mina da discoteca di Rattarirà, che può essere affiancata benissimo a amante amore oppure potremmo vedere come simili ma Ma che bontà con dott. Roberto, con questo non voglio dire che le canzoni si assomigliano voglio semplicemente dire che il modo di Mina di fare e concepire i dischi negli anni non è cambiato e che è rimasta fedele al suo stile e al suo modo di improntare i suoi lavori dico questo per ribadire il concetto che i dischi di Mina sono sempre moderni e attuali e allo stesso tempo comprovanti la sua capacità di cantare di tutto.
    Mina con Bignè per l’epoca era assolutamente nella norma cioè con musiche e arrangiamenti nello standard degli anni 70 nulla di sperimentale a livello di arrangiamenti o di trovate musicali lo stesso dicasi per piccolino, anche se in questo ultimo CD alcuni pezzi sono veramente clamorosi come matrioska e l’uomo dell’autunno, che sono tra loro talmente estremi da non poter pensare di poter trovare in un’unica voce la loro espressione.

    Il disco si apre con compagna di viaggio, tutti noi abbiamo qualcuno che abbiamo perso nella vita e l’idea di poter respirare non solo l’aria ma l’anima delle persone che ci hanno lasciato è semplicemente straordinaria e commovente allo stesso tempo, Mina ne ha reso una interpretazione davvero splendida toccando corde del cuore che forse non vorremmo neanche sfiorare per paura di soffrire.
    Ma lo ha fatto con una compostezza assoluta rendendo fino in fondo il significato di ogni parola della canzone, l’arrangiamento delicato ma allo stesso tempo convincente chiude il cerchio rendendo la canzone perfetta.
    Si prosegue con Matrioska, un pezzo incredibile che ci restituisce una Mina come non si sentiva da anni la sua solidità nel percorrere la linea melodica della canzone è straordinaria la tenuta di fiato e le prodezze vocali tutte al loro posto in un testo assai affascinante che difficilmente sarebbe credibile in bocca di altri/altre.

    Di questa canzone si è già parlato molto, ma lasciatemi dire che la trovo molto più credibile nella voce di Mina oggi che in una probabile voce di Mina del 1970, comunque una bel momento del disco molto malinconico ma interessante.

    Si prosegue con Ainda Bem, non conoscevo la versione originale della canzone e comunque trovo che nella sua semplicità sia ipnotica tanto da far venir voglia di ascoltarla per ore, è la canzone giusta per il lancio in radio, ho riflettuto e credo che il singolo radiofonico deve essere una canzone semplice dall’andamento melodico facilmente assimilabile e che non richieda un ascolto dall’inizio come potrebbe essere per Matrioska o Canzone Maledetta sono canzoni troppo importanti per perderne una metà non si capirebbe il senso dell’esempio di quella località così spinta e acuta.

    Brucio di te ci dona un’altra interpretazione di Mina da manuale la canzone è molto difficile da cantare in quanto si parte con una linea melodica assai sinuosa e poco marcata nella ritmica dove la voce di Mina sembra quasi riarrangiate la canzone per poi sfociare in un ritornello ripetuto più volte ma assai convincente anche nella fase simil rap come qualcuno ha scritto.
    Molto passionale in brucio di tre e molto romanticamente impaurita in Così sia testo molto bello e Mina sopra una prova vocale molto difficile ma convincente al 100%.
    Gianni Ferrio, con la sua magia ci regala una Mina molto autunnale e malinconica, certo classica ma per nulla stucchevole

    Ormai credo che oramai Mingardi si diverta a sottoporre a Mina canzoni sempre più difficile da cantare le Canzone Maledetta né è e la riprova, cantata con una voce tra l’incazzato nello speranzoso, con un arrangiamento straordinario in un quadro a tinte fosche ( mi sono immaginato la canzone ambientata nel West), con un assolo finale di Mina che mi ricorda non so perché una canzone dei Pink Floyd “The Great Gig In The Sky” con quella voce straordinaria di donna che anche senza parole sapeva esprimere mille emozioni.
    Le due canzone di Axel Pani sono questa volta in inglese ma rimangono nello stile del suo autore intime e raccolte ma negli arrangiamenti assai più ariose ed internazionali, a mio gusto personale preferisco “Only This Song”.
    Un discorso a parte merita Fuori Città una canzone dall’arrangiamento secondo me strepitoso che calza a pennello con le parole della canzone e l’interpretazione di Mina che in questo caso si ricala nei panni di consigliera della donna dell l’uomo da lei amato. L’amore era amaro sai… Ma se non ci fosse sarebbero guai. Smile

    Armoniche convergenze ci regala una mina più easy che aiuta ad equilibrare un disco importante e serio come Piccolino mi piace molto questa interpretazione di Mina.

    Dr. Roberto è una sciocchezzuola che va bebnissimo per chiudere il disco.

    In definitiva un gran bel lavoro con una Mina sfaccettata e più convinta che in altri dischi che canta ogni nota come va cantata, dandoci in fondo l’impressione che il tempo non sia passato e che lei sia sempre lì pronta a cantare i nostri io più interiori.

    Strepitosa Luci a San Siro Grazie Mina di essere così straordinariamente tu!!!!

  30. Diego

    http://www.youtube.com/watch?v=HqYH5SDq1y8

    Ecco Mina e Vecchioni… Ma che brava, che brava, che brava!!!!

  31. David G.

    Dopo lo splendido “Piccolino”, un’altra sorpresa magnifica. Questo intervento di Mina, nella storica “Luci a San Siro”, colpisce per la sua forza incontenibile. Che voce! Non finisce mai di stupirci.

    P.S. Concordo con Mario: dopo aver deturpato “Se telefonando”, ieri sera, Giorgia è riuscita a banalizzare totalmente, uno splendido motivo come “Dettagli”. E poi parlano di nuove “primedonne” (ma de che????!!!!!).

  32. Al_Fi(e)

    grazie mille Smile non ci avevo mai fatto caso…
    Al_Fi(e)

  33. E’ il brano S’en va anar , del 1960 ,incluso in Mina Latina 2.
    Ciao.

  34. MarioBeda

    Ad una settimana da PICCOLINO le emozioni sono ancora belle forti…. e oggi eccoti quest’altra bella botta da Luci a San Siro!!! Laugh

  35. Al_Fi(e)

    interessante questa lista. ho un dubbio, però: qual’è il brano in catalano?
    Al_Fi(e)

  36. mario basileus

    Totale canzoni incise da Mina

    183 Italdisc, 108 Rifi, 997 Pdu & …

    Sino ad oggi ( 29 Novembre 2011 ) Mina ha inciso ben 1278 brani ( mediamente 2 al mese ) di cui 815 in italiano , 204 in inglese , 112 in spagnolo , 49 in napoletano , 40 in francese , 30 in tedesco , 16 in portoghese , 7 in latino , 5 in giapponese , 3 in turco , 2 in milanese , 2 in pugliese , 1 in catalano , 1 in genovese e 1 in romanesco ( 210 sono versioni alternative , rifacimenti o versioni straniere ) . Ci sono poi più di 400 brani cantati alla radio o in televisione .
    Quanti saranno gli inediti che giacciono nei cassetti ? Forse centocinquanta o anche di più …

  37. Romeo

    Si ….Sono in sintonia con Mario !!
    Sembra che Giorgia pur con una gran voce (Che pero’ non mi da’..personalmente nessuna vibrazione)non arrivi a toccare corde di interpretazione profonde .sopratutto quando deve cimentarsi i pezzi ..ben collaudati e straconosciuti !!
    Non mi soffermo su Fiorello ..pur grande e Gigione sulla tenuta della scena ..stenderei un velo sull’accanimento ..e sul dover per forza cantare in un Inglese …e sopratutto dei classici !!
    BOH

  38. Simone-Roma

    Il link purtroppo non riesco a trovarlo, prova ad inserire sulla barra di ricerca “I colori del buio”, il titolo dell’album di Vecchioni, e vedrai che comparirà il disco contenente il duetto. Io ho fatto così! =)

  39. d.antonio

    ciao scusa, ho cercato su itunes ma non l’ho trovata, la potresti postare o darmi il link? Grazie.

  40. Simone-Roma

    Appena scaricata da Itunes. Non ho mai amato particolarmente Vecchioni, ma questa canzone è proprio bella. E Mina, beh..fa sempre piacere sentirla cantare così convinta e decisa. Bellissimo incontro davvero!

  41. sto ascoltando per la centesima volta LUCI A SAN SIRO, MINA riesce a farmi amare una canzone che non mi aveva mai preso particolarmente.splendido cameo!

  42. mario basileus

    COMPAGNA di VIAGGIO oltre ad essere la più bella canzone di PICCOLINO è secondo me un CAPOLAVORO ASSOLUTO .
    Già acquistata su IBS LUCI A SAN SIRO ( forse la canzone più bella e struggente di Roberto Vecchioni ) .
    Molto deludente invece DETTAGLI cantata da GIORGIA che non vale nemmeno un centesimo rispetto alla versione di ORNELLA VANONI ( la cantante numero 2 d’Italia , naturalmente dopo MINA ).

  43. PieraPaso

    http://www.youtube.com/watch?v=U_PZIdB0R2k
    Anche per me: COMPAGNA DI VIAGGIO..è una delle mie preferite,
    ascoltiamo MINA..che la canta MAGNIFICATmente..
    grazie MINA In Love

  44. Vassallo paleologo giuseppe

    Buongiorno Buongiorno stamane ascoltiamo una delle mie preferite assolute di PICCOLINO….COMPAGNA DI VIAGGIO:

    Sono seduta accanto a te
    anche se adesso non mi vedi
    con il mio sguardo che non c’è
    osservo il gioco dei pedali sotto i piedi
    e sono fatta d’aria
    la stessa che tu respiri leggera
    sono accanto a te, con te
    sono la tua passeggera

    Io sto viaggiando accanto a te
    qualunque cosa io ti dica
    con la mia voce che non c’è
    sono la tua migliore amica
    e sono fatta d’aria
    quella che muove la nebbia in brughiera

    Sono accanto a te, con te
    son la tua passeggera

    Quante lune sui campi, quanti inverni ed estati
    quante lucciole accese, quanti nomi scordati
    quanto sole sul mare, quanti estati ed inverni
    da riempirsene gli occhi, da riempirci i quaderni
    quante cose saranno, quante cose son state
    e non sono bastate, e non sono bastate
    e non sono bastate

    Sto camminando accanto a te
    e sono dentro al tuo pensiero
    per quanta strada adesso c’è
    può camminarci il mondo intero
    sono fatta d’aria
    quella che muta un bisbiglio in preghiera

    Sono accanto a te, con te
    son la tua passeggera.

  45. vimercati tullio

    un’altra prova,se c’era bisogno,che con la sua VOCE,può cantare qualsiasi canzone,esprimendo sempre il meglio e regalando emozioni…………….

  46. eno

    amo Michele Serra

  47. Valerio

    …non ci resta che sentirla e farci incantare per l’ennesima volta dalla sua voce!

  48. casimiro lotti

    si ho detto bravo vecchioni ma la voce di MINA è unica, mina è mina!!!!

  49. ti vogliamo co-sì!

Comments have been disabled.